Inchiesta di "Fanpage"

Frasi fasciste e razziste, si dimette da capo segreteria alla Camera la bergamasca Elisa Segnini

Nobile, con un passato da schermitrice provetta, si era candidata alle amministrative in città nella lista di Fratelli d'Italia (ma non è andata benissimo)

Frasi fasciste e razziste, si dimette da capo segreteria alla Camera la bergamasca Elisa Segnini
Pubblicato:
Aggiornato:

L'inchiesta di Fanpage su Gioventù nazionale (movimento giovanile di Fratelli d'Italia) fa "cadere" anche una delle candidate di Fratelli d'Italia alle amministrative di Bergamo: Elisa Segnini ha infatti rassegnato le sue dimissioni ieri (giovedì 27 giugno) da capo segreteria della deputata Ylenja Lucaselli dopo i video dell'inchiesta giornalista in cui si vedeva lei pronunciare una serie di frasi fasciste e razziste.

Una candidata nobile

La giovane, classe 1995, origini nobili tanto da avere il titolo di "Contessa", un passato da schermitrice provetta e consocia di "Aristocrazia europea", l'associazione del barone Roberto Jonghi Lavarini (pure lui finito in passato in un'inchiesta sul fascismo della testata), aveva provato a farsi eleggere in Consiglio comunale a Bergamo nella lista dei meloniani.

Alle urne ha però ottenuto un risultato abbastanza modesto, una trentina di preferenze, e perciò è rimasta fuori da Palazzo Frizzoni. Fino a ieri, poteva comunque vantare l'incarico nella segreteria della Lucaselli, capogruppo del partito alla Commissione Bilancio della Camera. L'unica di Gioventù nazionale ad avere un ruolo in Parlamento.

Le frasi incriminate

Questo almeno fino all'uscita della seconda puntata dell'inchiesta di Fanpage, dove - ignara di stare parlando con una giornalista - Segnini ha fatto una serie di dichiarazioni discutibili, come quelle sulla neo eurodeputata Ilaria Salis: «Vado apposta a Budapest, a fare festa, vado con Orban e gli dico che (Salis, ndr) deve marcire in galera con i topi e con i ratti, che le mangiano le dita dei piedi. Oppure la metti nel deserto e la fai mangiare dalle formiche». E poi: «Non ho mai smesso di essere razzista né fascista, quindi non ti preoccupare, mi stanno sempre sui c******i i neri e i comunisti».

Parole indubbiamente pesanti, la cui pubblicazione l'ha portata a lasciare il suo incarico: «Elisa ha preso atto della vicenda che la vede coinvolta - hanno dichiarato fonti da Fratelli d'Italia all'AdnKronos - e in attesa di verifica si è dimessa dal ruolo di capo segreteria».

Commenti
Claudio

Schermitrice provetta, nobile, specializzazione alla LUISS, quanto talento sprecato....bagno di umiltà, confronto con tematiche si solidarietà, servizi sociali, cara la mia bimba, la base meloniana è sociale, non aristocratica con la puzza sotto il naso... più che un passo indietro ci si avrebbe aspettato un....passo in fuori!

Rene'

Non sorprendiamoci troppo è questa la "meglio gioventù" Nazionale.... .Ps... Signora Elisa stia Serena appena passata la baraonda mediatica avrà di sicuro un altro incarico nel partito.....

Adriano

Già ero del parere che la riconferma delle sinistre alla guida di Bergamo fosse stato un bene per la città. Questa notizia, che non mi sorprende minimamente, rafforza la mia convinzione. La Russa ancora oggi in modo seminascosto inneggia alla X mas e venera il busto di Mussolini. Meloni oltre a mantenere nel simbolo la fiamma, in giovane età ha esplicitamente inneggiato alle qualità di Mussolini quale grande statista. Posso solo immaginare il loro lessico privato all'interno delle sale del partito. Da quando sono al governo le manifestazioni inneggianti al Fascismo e al Nazismo sono cresciute in modo esponenziale. Prendendo a prestito le parole di Elsa Morante: Arrivisti mediocri impasto dei detriti della peggior Italia.

Roberta

Quindi l'elite di nascita è ignorante, razzista violenta e fascista, non sono sorpresa.

Lascia il tuo pensiero

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici sui nostri canali