Verso il voto di giugno

Inaspettati ritorni, record e sorprese nelle liste a sostegno di Piras e Cortesi a Seriate

Riecco Cremonini dopo il caso delle deleghe, D’Occhio con Sironi (ma in quota 5 Stelle). La più giovane ha 18 anni, il decano è Sisana

Inaspettati ritorni, record e sorprese nelle liste a sostegno di Piras e Cortesi a Seriate
Pubblicato:

di Marta Belotti

Tre liste da una parte, quattro dall’altra e due soli candidati sindaci: è una sfida polarizzata quella che si sta consumando a Seriate con la campagna elettorale in vista delle amministrative del prossimo 8 e 9 giugno. I candidati sindaco sono Anna Piras, già consigliere indipendente per il Pd dieci anni fa, per il centrosinistra e Gabriele Cortesi, espressione di Fratelli d’Italia, per il centrodestra. Non ci saranno quindi ballottaggi.

I due hanno presentato se stessi, il proprio programma e le proprie liste a qualche settimana di distanza - a metà aprile la Piras, a inizio maggio Cortesi - e ora sono pronti a scontrarsi faccia a faccia il prossimo 20 maggio, in occasione del confronto elettorale organizzato dal circolo di Seriate delle Acli. L’appuntamento è alle 20.30 al teatro Aurora di via del Fabbro 5.

Da quanto emerso per ora, le differenze sono tante: da un lato, la candidata di centrosinistra cerca di portare una visione nuova e alternativa della città, dopo 29 anni di dominio del centrodestra, basata sulla volontà di proporre un maggiore ascolto e più momenti di confronto con i cittadini; dall’altra Cortesi, dopo dieci anni da vicesindaco, non potrà che portare a compimento quanto già iniziato, con una punta di novità segnata dal fatto che l’espressione del candidato arrivi per la prima volta in tre decenni non dalla Lega, ma da un’altra forza politica di destra.

Anna Piras (prima a destra) davanti a un gazebo in suo sostegno

Le liste del centrodestra

E a proposito di Carroccio, non bisogna trascurare che la scelta del candidato di centrodestra sia fino all’ultimo altalenata tra Cortesi e Dimitri Donati, attuale assessore ai Lavori pubblici. Solo pochi giorni prima che le segreterie nazionali facessero pendere la scelta definitiva su Cortesi, la sezione locale della Lega aveva già esposto pubblicamente il proprio appoggio a Donati. E così fu costretta a rimangiarsi la parola, non senza qualche mal di pancia.

Eppure, ora la maretta sembra essersi calmata, tanto che lo stesso Donati compare a capo della lista di Lega Seriate, una delle quattro a sostegno dell’attuale vicesindaco. Le altre sono Seriate al Centro, capeggiata da Silvano Amigoni; Fratelli d’Italia con primo nome Cristian Dattilo, alla guida della sezione locale del partito; e Cortesi Sindaco con Antonio Gusmaroli (detto Gusma).

Scorrendo i nomi si possono notare alcuni movimenti che potrebbero scombussolare i cittadini. Un esempio, il passaggio di Damiano Amaglio, che dalla minoranza (24068) si affianca all’attuale gruppo di maggioranza, entrando in lista con Seriate al Centro, seguito anche da Valentina Capelli. La scelta di Amaglio non stupisce (...)

Continua a leggere sul PrimaBergamo in edicola fino a giovedì 23 maggio, o in edizione digitale QUI

Commenti
Lascia il tuo pensiero

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici sui nostri canali