gravidanza

Le fasi della gravidanza: il primo trimestre, una nuova avventura

Le fasi della gravidanza: il primo trimestre, una nuova avventura
26 Febbraio 2020 ore 13:00

La gravidanza per una donna è un periodo molto importante fatto di momenti facili e di momenti meno facili. Soprattutto per affrontare al meglio questi ultimi è fondamentale sapere settimana dopo settimana che cosa accade nella pancia al feto e al corpo della donna in generale. Avere queste informazioni non è solo interessante, ma permette di comprendere ad ogni sintomo che cosa sta accadendo, il perché e, per certi versi, che cosa sta per accadere. Anche se ogni gravidanza è a sé, infatti, e non è possibile fare un elenco unico di sintomi e sensazioni valido per tutte le future mamme, ci sono sicuramente delle cose che le accomunano.

La gravidanza dura di norma 38 settimane dalla fecondazione, ma di solito se ne contano 40 considerando come data 0 il primo giorno dell’ultima mestruazione. Il periodo gestazionale viene di solito distinto in tre fasi: il primo, il secondo ed il terzo ed ultimo trimestre. 

Il primo trimestre di gravidanza

Tutti i nove mesi sono ovviamente importanti per lo sviluppo del feto e la futura mamma deve prestare egual attenzione durante tutto il periodo. Le prime settimane di gravidanza, tuttavia, sono considerate da tante le più delicate. Non tanto, forse, perché di per sé lo sia davvero ma perché si è nuove a tante cose e perché alcune donne è proprio nel primo trimestre che fanno più fatica. 

Se negli ultimi mesi si ha a che fare con sintomatologia legata al peso della pancia e al bambino che preme su uno o un altro organo, nei primi si devono sopportare tutta una serie di cambiamenti di natura ormonale, cosa non per nulla semplice. Il primo trimestre inizia dal giorno dell’ultima mestruazione e va sino alla 13esima settimana. 

Durante il primo trimestre lo spermatozoo incontra la cellula uovo e la feconda, costituendone una sola che progressivamente si moltiplica, dando vita ad un nuovo DNA e ad una nuova vita. Mano a mano che si moltiplicano le cellule si forma prima una morula (una specie di mora) che, dopo essersi impiantata nell’utero, inizia progressivamente a formare il bambino e le strutture che lo ospiteranno e lo nutriranno per i successivi mesi.

Sintomi del primo trimestre

I primi sintomi della gravidanza che la donna avverte sono anche quelli che nella maggior parte dei casi le indicano che è in stato interessante. Oltre ovviamente all’assenza di ciclo, un primo campanello d’allarme è rappresentato dall’ingrossarsi del seno. Qualcuna potrebbe confonderlo come il segnale che sta per arrivare il ciclo, come anche i crampi uterini (in realtà segnale di preparazione della zona ad ospitare il feto), ma in realtà questo non arriverà. Qualcuna sin dai primi giorni avverte una particolare stanchezza e/o una leggera sensazione di nausea mattutina legata anche ad una maggiore sensibilità ad odori e sapori.

È anche possibile, nel primo periodo, che ci siano delle perdite ematiche. Queste sono dovute all’impianto dell’embrione. I sintomi della gravidanza si fanno sentire anche a livello di umore a causa, appunto, dei cambiamenti ormonali. L’irritabilità, maggiore a causa della stanchezza, si alterna a fasi di particolare euforia. Riconoscere i sintomi della gravidanza è importante per identificare subito il proprio status, adottare da subito le misure di sicurezza e fare i relativi esami sia per la salute della mamma che del feto che porta in grembo.

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Video più visti
Foto più viste
Il mondo che vorrei
Curiosità
ANCI Lombardia