Scuola
consulta studentesca

Il bergamasco Samuele Cantoni eletto nuovo presidente del Coordinamento regionale

Cantoni, 18 anni, è iscritto alla classe quinta dell’Istituto “Ettore Majorana” di Seriate

Il bergamasco Samuele Cantoni eletto nuovo presidente del Coordinamento regionale
Scuola Bergamo, 21 Dicembre 2021 ore 14:48

È il bergamasco Samuele Cantoni, già alla guida della Consulta provinciale studentesca orobica, il nuovo presidente del Coordinamento regionale lombardo.

Cantoni, 18 anni, iscritto alla classe quinta dell’Istituto “Ettore Majorana” di Seriate, è stato eletto il 15 dicembre, durante il Coordinamento regionale delle Cps provinciali, avvenuto online. Nel discorso di presentazione Samuele Cantoni ha voluto mettere in rilievo alcune priorità che porrà al centro del proprio incarico; tra queste una comunicazione più efficace ed efficiente, la cooperazione tra le province, la conoscenza e la sinergia con il territorio, oltre che la valorizzazione delle esperienze didattiche esterne alla scuola.

«Sono consapevole dell’impegno che ho assunto – ha commentato –. Voglio procedere nel mio incarico con la condivisione e il supporto più ampio possibile, nell’ascolto di tutte le voci. Sono convinto che la Consulta studentesca rappresenta un’esperienza scolastica e di vita importante, tanto per me quanto per tutti gli altri miei compagni di viaggio».

Il Coordinamento regionale è composto dai presidenti delle varie Consulte provinciali, organismo istituzionale di rappresentanza formato da due studenti per ogni istituto secondario di secondo grado, statale e paritario. A breve, il Coordinamento regionale individuerà anche un proprio rappresentante nazionale.

«La Consulta studentesca – ha aggiunto Vincenzo Cubelli, neodirigente dell’Ufficio scolastico territoriale di Bergamo - rappresenta una risorsa preziosa per coinvolgere i giovani nei processi democratici di rappresentanza e di partecipazione civica. Questa elezione è motivo di grande soddisfazione, perché darà l’opportunità di esprimere al meglio le potenzialità già presenti e il grande lavoro portato avanti sino ad oggi».