Sabato 18 a Ranica

Il dopoguerra di Bartali: debutta il secondo capitolo firmato Luna e Gnac

"Un altro giro di pedale" all’Auditorium Gritti, all’interno della rassegna per i 10 anni della compagnia

Il dopoguerra di Bartali: debutta il secondo capitolo firmato Luna e Gnac
Val Seriana, 17 Gennaio 2020 ore 10:00

Secondo spettacolo della rassegna teatrale per festeggiare i 10 anni della compagnia Luna e Gnac di Bergamo. Cominciata il primo novembre, continuerà fino al 28 marzo a Ranica. In scena cinque spettacoli, tre storici della compagnia, un debutto e un titolo ospite. E proprio di debutto, per sabato 18 gennaio alle 18.30 (con replica alle 21.15) all’auditorium R. Gritti di Ranica, si parla. Andrà in scena la prima nazionale di “Un altro giro di pedale. Gino Bartali e il dopoguerra” (ingresso 10 euro intero; 5 euro ridotto).

Dopo il successo di “Gino Bartali. Eroe silenzioso”, che ha portato la compagnia Luna e Gnac in giro per l’Italia e anche in Austria (il 10 novembre dello scorso anno), ospite dall’Istituto di Cultura Italiana di Vienna, in collaborazione con la Comunità Ebraica delle capitale, in occasione della commemorazione della “Notte dei Cristalli”, è pronto a debuttare un nuovo capitolo in cui Bartali prosegue il suo viaggio nell’Italia del dopoguerra. La ricostruzione, il voto alle donne, l’Italia repubblicana e la nascita della Costituzione. Temi importanti che la bicicletta porta al cuore di tutti, mischiati al sudore delle salite, alle nuove vittorie, e a quell’epico Tour de France del 1948 in cui Bartali rimontò 21 minuti dalla maglia gialla. Federica Molteni, continuerà a vestire i panni di Gino Bartali e questa volta indosserà anche quelli di Adriana, moglie del campione. La regia è affidata ancora a Carmen Pellegrinelli.

Ingressi: biglietto intero 10 euro; biglietto ridotto 5 euro, fino a 25 anni e sopra i 65 anni e residenti a Ranica; apertura biglietteria ore 18; prenotazioni e informazioni a distribuzione@lunaegnac.com

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Video più visti
Foto più viste
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia