Campione

L'alzanese Jacopo Rizzi vince il Mondiale di scherma e ora sogna le Olimpiadi

Il paese ha un nuovo paladino: il 19enne ha ottenuto l’oro a squadre ai Mondiali Giovanili di Riyadh ed è stato premiato in Consiglio

L'alzanese Jacopo Rizzi vince il Mondiale di scherma e ora sogna le Olimpiadi
Pubblicato:

di Elena Conti

Grinta, determinazione e talento da vendere. Jacopo Rizzi, che presto compirà 19 anni, è stato premiato lunedì scorso durante il Consiglio comunale per aver conquistato l’oro a squadre nei Mondiali Giovanili di Scherma nella categoria Under 20, che si sono tenuti a Riyadh qualche settimana fa. Un risultato importante per il giovane alzanese, che già aveva ottenuto il titolo europeo e che ora sogna le Olimpiadi.

«Ho iniziato scherma quando avevo sei anni - afferma Jacopo -, prima giocavo a calcio ma ero scarso. Sono partito con la spada e non ho mai cambiato: sono sempre stato appassionato di duelli. Negli anni mi sono innamorato di questo affascinante sport individuale, poco conosciuto ma capace di dare grandi soddisfazioni. Prima mi allenavo alla Bergamasca Scherma al Palazzetto dello Sport, da tre anni sono con Scherma Bergamo a Colognola e ho ottenuto ottimi risultati: sono stato campione Under 17 (individuale e a squadre), poi ho ottenuto il terzo posto nella Coppa Under 20 a Udine e il secondo nell’Under 23 a Losanna».

«Quest’anno sono stato convocato nella squadra italiana e dopo esser diventati campioni europei a Napoli abbiamo vinto il titolo mondiale. Sogno di partecipare alle Olimpiadi 2028: voglio ringraziare i miei allenatori e preparatori Francesco Calabrese, Vito Capuano, Francesco Foglini e Giacomo Gazzaniga».

Jacopo frequenta la quinta superiore del liceo scientifico Mascheroni (Scienze Applicate) e punta a iscriversi alla facoltà di Medicina a Torino, per diventare chirurgo. Insieme a un suo compagno di scherma, ha già individuato alcune società sportive di alto livello dove allenarsi.

«Alzano è una fucina di eccellenze sportive - ricorda il sindaco Camillo Bertocchi (...)

Continua a leggere sul PrimaBergamo in edicola fino a giovedì 9 maggio, o in edizione digitale QUI

Commenti
Lascia il tuo pensiero

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici sui nostri canali