allenamenti

Sofia Goggia, in bici per le vie di Città Alta, si prepara alle Olimpiadi: «Nulla è come l'oro»

Lontana dalle piste da sci, l'atleta trova altri modi per allenarsi e «tornare al top» in vista di Milano-Cortina 2026

Pubblicato:
Aggiornato:

Foto di Davide Morello

Quando il suo elemento, la neve, lascia posto al caldo estivo, comunque Sofia Goggia, la sciatrice bergamasca quattro volte campionessa del mondo e oro alle Olimpiadi del 2018 nella discesa libera, si allena.

Oltre alla palestra, Goggia ammette di avere un debole anche per l'attività in bicicletta e per questo i più fortunati la potrebbero incontrare tra le vie di Città Alta, che lei definisce «il cuore pulsante di Bergamo. Cinta dalle mura, è un borgo medioevale dove in ogni vicolo ti perdi e trovi bellezza».

La campionessa sottolinea: «Quando entro in Città Alta non c'è stata una volta in cui non abbia pensato quanto sia bella. Io sono una bergamasca convinta, e mi rispecchio molto nella mia città che amo infinitamente».

«Voglio tornare al top»

Dopo la frattura di tibia e malleolo rimediata in allenamento lo scorso febbraio, ora la Goggia sta concludendo il suo percorso di fisioterapia e ha iniziato la preparazione atletica grazie anche al bici gravel, in sella al modello Espresso della Merida.

Sofia Goggia x Merida - PH Davide Morello (7)
Foto 1 di 4
Sofia Goggia x Merida - PH Davide Morello (9)
Foto 2 di 4
Sofia Goggia x Merida - PH Davide Morello (1)
Foto 3 di 4
Sofia Goggia x Merida - PH Davide Morello (6)
Foto 4 di 4

Lo sta facendo «senza forzare, solo mettendo un po' di fieno in cascina con tanto lavoro. E di questo sono molto contenta.  Il mio ultimo infortunio è stato molto difficile da accettare, ma ho imparato che quando si è in crisi ci si deve fare una domanda e ripartire da quella risposta. La domanda è: cosa vuoi davvero? Io voglio tornare al top, tornare a vincere, e soprattutto ho l'obiettivo dell'Olimpiade in casa che è un sogno enorme».

«Non c'è nulla come l'oro»

L'atleta bergamasca intende quindi arrivare nella sua migliore forma possibile ai Giochi Olimpici Invernali di Milano Cortina, nel 2026: «A livello sportivo non c'è nulla come l'Olimpiade, è una giornata in cui ti giochi moltissimo, anzi in cui ti giochi tutto. Provare a vincere l'Olimpiade in Italia sarebbe una cosa enorme. A distanza di due anni, tornando poi da un infortunio, qualcuno farebbe già la firma per una medaglia. Però, mi ripeto: non c'è nulla come l'oro».

Commenti
Misano

Uhmmm interessante 🤨

Roberta

Michele prova a fare una discesa con gli sci due giorni dopo essere stato operato, vediamo quanto resisti

Giorgio

Grande Sofia orgoglio di Bergamo. Quando scendi fai sempre entusiasmare tutti e porti nel mondo il nome di Bergamo. Su quello che ha detto Michele preferisco non commentare perche' si commenta da solo. Forza Sofia

Beppe

Forza Sofia.

Silvia Casanova

Caro signor Michele idem come sopra... Dove e'l'educazione??? Sotto i tacchi??? Solo invidia la sua come quella del signor corona e adinolfi

Lascia il tuo pensiero

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici sui nostri canali