L'escursione consigliata

A fil di cielo in vetta al Corno Stella, lungo un sentiero aperto ben 150 anni fa

È tra le montagne più alte e belle del comprensorio di Foppolo e chi ne raggiunge la cima gode di uno dei balconi panoramici più belli delle nostre valli

A fil di cielo in vetta al Corno Stella, lungo un sentiero aperto ben 150 anni fa
Escursioni Val Brembana e Imagna, 07 Luglio 2021 ore 10:42

di Angelo Corna

Il Corno Stella, con i suoi 2621 metri, domina sulla Val Brembana e su gran parte delle Orobie bergamasche. Una vetta che si colloca tra le montagne più alte e belle del comprensorio di Foppolo e chi ne raggiunge la cima solca le orme dei pionieri del Club Alpino Italiano che per primi, 150 anni fa, tracciarono l’odierna via di salita. Ma, soprattutto, si ritrova nel cuore delle Alpi Orobie, presso uno dei balconi panoramici più belli delle nostre valli.

8 foto Sfoglia la gallery

La nostra escursione inizia dalle piste di Foppolo, in prossimità dell’Hotel K2. Seguendo la strada sterrata si raggiungono le pendici del Montebello e il ristoro Terrazza Salomon, sempre aperto durante la stagione estiva. Lasciamo la struttura alla nostra sinistra e imbocchiamo il sentiero Cai 204, che costeggia la soleggiata Val Carisole.

La Val Brembana rivela, passo dopo passo, tutte le sue meraviglie: il sentiero continua inizialmente in falsopiano, per riprendere pendenza in prossimità del Lago Moro, bellissimo specchio d’acqua posto al di sotto del Passo di Valcervia.

Noi pieghiamo a destra e imbocchiamo il sentiero aperto dal Cai di Bergamo nel lontano 1873. Il percorso prosegue in ripida salita lungo i pascoli della montagna; spesso è possibile incontrare degli stambecchi che, incuriositi e per nulla intimoriti, osservano gli escursionisti impegnati nell’ascesa.

In breve tempo si guadagna un cambio di pendenza che ci permette di raggiungere l’aerea cresta del Corno Stella. Il sentiero ora prosegue a “fil di cielo” e richiede attenzione e piede sicuro: la cresta è particolarmente esposta ed è necessario più volte aggirare dei massi ed effettuare dei sali-scendi…

L’articolo completo, con i percorsi e le bellezze della zona, lo potete leggere sul PrimaBergamo in edicola da venerdì 9 luglio