L'escursione consigliata

Incanto alle pendici della Presolana: la stupenda salita al rifugio Rino Olmo

Questa piccola ma accogliente struttura sorge in un ambiente stupendo, è perfetta per assaporare le bellezze che regala la Regina delle Orobie

Incanto alle pendici della Presolana: la stupenda salita al rifugio Rino Olmo
Pubblicato:

di Angelo Corna

In Alta Val Seriana, alle pendici delle Presolana, troviamo il rifugio Rino Olmo. Questa piccola ma accogliente struttura sorge in un ambiente stupendo, il luogo perfetto per assaporare le bellezze che regala la Regina delle Orobie, montagna simbolo della Bergamasca. Per i più allenati è invece la base perfetta per scoprire le meraviglie presenti nella zona.

Svariati percorsi ci permettono di raggiungere la capanna. Tra i più gratificanti, il sentiero Cai 340, che con partenza dal borgo di Valzurio, frazione di Oltressenda Alta, conduce al Rino Olmo in circa due ore e mezza di cammino.

1 - Gita rifugio Rino Olmo
Foto 1 di 3
2 - Gita rifugio Rino Olmo
Foto 2 di 3
3 - Gita rifugio Rino Olmo
Foto 3 di 3

Il sentiero risale inizialmente nel fitto bosco costeggiando il fiume Ogna, corso d'acqua che regala il nome a questa bellissima valle. La sterrata, mai troppo impegnativa, continua con dolci pendenze per portarci, dopo circa un’ora di cammino, poco lontano dalle Baite di Moschel, visibili alla nostra sinistra. Ignoriamo il sentiero che scende in direzione di queste ultime per iniziare una faticosa salita che, passo dopo passo, ci porta sempre più vicino alla bastionata rocciosa delle severe Creste di Bares.

Lentamente abbandoniamo il bosco e il panorama inizia ad aprirsi, mostrando le bellezze di una valle verde e incontaminata. Continuiamo in falsopiano fino a raggiungere il bivio per il rifugio Albani, per poi riprendere a salire, ora in un ambiente più severo e alpino.

4 - Gita rifugio Rino Olmo
Foto 1 di 4
5 - Gita rifugio Rino Olmo
Foto 2 di 4
6 - Gita rifugio Rino Olmo
Foto 3 di 4
7 - Gita rifugio Rino Olmo
Foto 4 di 4

Passo dopo passo, tra il fischio delle marmotte e i cespugli di rododendro in fiore, fa capolino il massiccio calcareo della Presolana. Sono comunque gli ultimi sforzi: pochi minuti ed ecco apparire davanti a noi il rifugio Rino Olmo.

Posto a 1.819 metri di altitudine, il Rino Olmo è dedicato alla memoria del fondatore della sezione Cai di Clusone. La capanna è stata inaugurata il 29 settembre del 1991 in seguito alla ristrutturazione della Baita di Olone, sita nel Comune di Castione, da parte dei soci della sezione. È aperta tutti i giorni durante la stagione estiva…

L’articolo completo, con tutti i percorsi e le bellezze della zona, lo potete leggere sul PrimaBergamo in edicola da venerdì 5 luglio

Commenti
Lascia il tuo pensiero

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici sui nostri canali