L'escursione consigliata

La possente e inimitabile bellezza del monte Menna, tra Val Brembana e Val Serina

Pareti rocciose, canali e panorami mozzafiato costituiscono la caratteristica principale di questo angolo delle Prealpi Bergamasche

La possente e inimitabile bellezza del monte Menna, tra Val Brembana e Val Serina
Escursioni Val Brembana e Imagna, 30 Giugno 2021 ore 11:50

di Angelo Corna

La sagoma del monte Menna domina sugli abitati di Oltre il Colle e Roncobello, poderosa muraglia calcarea che si presenta agli occhi degli escursionisti come una montagna possente e di inimitabile bellezza. La sua cresta rocciosa si estende dal Passo del Menna fino al Passo di Vindiolo, separando di fatto la Val Brembana dalla Val Serina: pareti rocciose, canali e panorami mozzafiato costituiscono la caratteristica principale di questo angolo delle Prealpi Bergamasche. Scopriamolo in un percorso tra storia e bellezza.

12 foto Sfoglia la gallery

Il punto di partenza della nostra gita è la frazione di Zorzone, a Oltre il Colle: raggiunta Piazza Caduti si imbocca la carrareccia che sale in direzione di un piccolo parcheggio, dove è possibile posteggiare l’auto. Alle nostre spalle ha inizio la strada sterrata che si inoltra nel bosco, contrassegnata dal segnavia Cai 234. La imbocchiamo e continuiamo lungo la mulattiera, fino a giungere a un tornante dove inizia il sentiero vero e proprio, segnalato dal classico cartello bianco-rosso.

Ci addentriamo nel bosco, risalendo il versate orografico sinistro della Val Carnera; l'ascesa prosegue in costante salita fino a toccare la Baita Mattuida e i pascoli che la caratterizzano. Il paesaggio diventa decisamente di alta montagna: sopra di noi spiccano le frastagliate creste del monte Menna e il sentiero che ci guiderà fino alla sua conquista.

Sempre in perenne ascesa, il tragitto ci conduce, con continui zig zag, al rifugio Palazzi Gerolamo. Situato a 2095 metri di altitudine, viene gestito dal gruppo Maga di Zorzone: chiuso per la maggior parte dell'anno, in caso di maltempo è tuttavia possibile trovare ricovero nel bivacco invernale. Per raggiungere la vetta, posta a 2299 metri di quota, è necessario ancora un ultimo sforzo…

L’articolo completo, con i percorsi e le bellezze della zona, lo potete leggere sul PrimaBergamo in edicola da venerdì 2 luglio