Escursioni
L'escursione consigliata

Le vette dei monti Aralalta e Baciamorti, dove le Orobie mostrano il meglio di loro

La Val Taleggio, conosciuta anche come la “piccola svizzera bergamasca”, in questa stagione ci offre scenari unici e mozzafiato

Le vette dei monti Aralalta e Baciamorti, dove le Orobie mostrano il meglio di loro
Escursioni Val Brembana e Imagna, 25 Gennaio 2023 ore 10:57

di Angelo Corna

Gelo e neve sono tornati a coprire le montagne bergamasche. La Val Taleggio, conosciuta anche come la “piccola svizzera bergamasca”, in questa stagione ci offre scenari unici e mozzafiato: troviamo sentieri perfetti per chi muove i primi passi sulla neve, ma anche montagne panoramiche che non lasceranno delusi i più allenati e gli amanti delle escursioni in invernale.

Solo questi ultimi possono raggiungere le vette dei monti Aralalta e Baciamorti; il risultato, per chi non teme il freddo, è il panorama che si staglia sulle Orobie bergamasche e lecchesi. Uno spettacolo che con la neve lascia senza parole.

1 - Partenza
Foto 1 di 6
2
Foto 2 di 6
3
Foto 3 di 6
4 - Rifugio Cesare Battisti
Foto 4 di 6
5
Foto 5 di 6
6
Foto 6 di 6

La nostra gita trova partenza dal borgo di Capo Foppa, frazione di Pizzino. A seconda dell’innevamento possiamo risalire la carrareccia che ci condurrà in prossimità del sentiero Cai 120, dove è possibile trovare parcheggio lungo il ciglio della strada. Zaino in spalla, possiamo imboccare il sentiero colmo di neve, che si snoda in falsopiano tra faggi e betulle: in base alle precipitazioni potrebbe essere utili fin da subito le ciaspole.

Dopo un breve tratto nel bosco si piega a destra, raggiungendo un alpeggio con bella vista sul Resegone e poi, con percorso facile, si guadagna l'altipiano dove è posto il rifugio Angelo Gherardi, a 1.650 metri di altitudine.

La struttura viene gestita dall’associazione Alpi Ande Due ed è aperta tutti i weekend della stagione invernale. Con questa opera, il Cai di Zogno volle onorare la memoria del socio Angelo Gherardi, esperto sci-alpinista morto accidentalmente durante un'ascensione invernale al Corno Stella il 29 dicembre 1974. Per informazioni e prenotazioni: 035.814749.

7
Foto 1 di 6
8 - Quasi in vetta
Foto 2 di 6
9
Foto 3 di 6
10
Foto 4 di 6
11
Foto 5 di 6
12 - Vetta Pizzo Baciamorti
Foto 6 di 6

Una bianca tavolozza, circondata da bellissime montagne, si apre davanti ai nostri occhi. I meno allenati, ma anche famiglie e bambini, possono fermarsi qui, tra il tepore del camino, i manicaretti tipici bergamaschi e il panorama unico che spazia su Resegone, Grignone, Grignetta e le altre montagne lecchesi.

Gli esperti possono invece continuare in direzione nord e raggiungere con pochi sforzi l'ex rifugio Cesare Battisti, ora privato. Oltre, il sentiero sale con più decisione e a mezzacosta…

L’articolo completo, con tutti i percorsi e le bellezze della zona, lo potete leggere sul PrimaBergamo in edicola da venerdì 27 gennaio

Seguici sui nostri canali