Eventi
Immagini pubblicate dalla rivista LIFE

Anche le rockstar hanno la mamma

Anche le rockstar hanno la mamma
Eventi 21 Gennaio 2015 ore 10:00

Quando immaginiamo la vita di una rockstar, la prima cosa che ci viene in mento è l’eccesso: eccesso di talento, eccesso di creatività, eccesso nel vestirsi, eccesso nel “conciarsi”, eccesso nel vivere. Tutte le più grandi rockstar dei tempi andati, quelle che, di fatto, hanno reso iconica l’immagine del cantante, sono passati attraverso gli eccessi della vita, che fossero solo di facciata o più che mai reali. Insomma, questi grandi artisti apparivano a tutti come degli esseri sovrumani, superiori a tutti noi, in grado di dormire 2 ore a notte, aizzare masse di fan esagitati per interi concerti e bere quantità di alcol fuori da ogni (nostra) concezione. Poi, però, il 24 settembre 1971 tutto ciò crollò: la nota rivista americana LIFE ci svelò la realtà, ovvero che anche le rockstar erano assolutamente umane, con tanto di mamma e papà alle spalle.

Nei primi giorni del 2015, a di stanza di ben 44 anni, il sito LIFE.com ha deciso di riproporci gli scatti del fotografo John Olson, raccolti tra Londra e Brooklyn e realizzati direttamente nelle abitazioni (spesso umili dimore) di famiglia di grandi artisti della musica degli anni '60 e '70.

8 foto Sfoglia la gallery

Dai riccioli di Frak Zappa alla cameretta di Ginger Baker. Quello che viene a galla grazie ai bellissimi scatti di Olson è la vita quotidiana che queste rockstar hanno vissuto per anni prima di diventare delle icone assolute della musica. Sorrisi imbarazzati davanti alle carezze di mamma e sbuffi neanche troppo nascosti alle annotazioni di papà; foto di vecchie ricorrenze, quando i concerti erano solo un sogno, e camerette lasciate intatte da quando il “piccolo” ha lasciato casa per tentar fortuna. Frank Zappa, quando parla dei suoi genitori, sembra un’altra persona, ma non mette da parte la sua solita ironia: «Mio padre ha l'ambizione di fare l’attore. Vorrebbe andare in televisione, ma non lo dice a nessuno». È lui, invece, ad imbarazzarsi quando è sua madre a parlare: «La cosa che mi fa impazzire di Frank sono i suoi capelli: ricci e neri più dei miei». Imbarazzato è anche Elton John quando sua madre ricorda che «a 4 anni lo mettevamo a letto di giorno perché la sera voleva venire alle feste insieme a noi».

Tra i tanti artisti immortalati con mamma e papà da Olson (Eric Clapton, David Crosby, i Jackson 5 e Grace Slick), quello che meno potevamo immaginarci in quella situazione è certamente Ginger Baker: solitamente immaturo, irrispettoso, a tratti anche odioso, con i giornalisti e chi gli stava attorno, nelle mura d’infanzia si trasformava. Parola del fotografo: «Era completamente diverso». Merito di una madre che sapeva come viziarlo il “suo Pete”, come lo chiamava lei. Anche se non gli risparmiava qualche tirata d’orecchie: «Le persone mi dicono,: “Ti rendi conto che tuo figlio è così brillante...” e mi piacerebbe rispondere: “Vorrei fosse un po’ più brillante a mantenere in ordine la camera”». Che ci volete fare, la mamma è sempre la mamma.