Eventi
Le perle dai campi

Il bello della XX giornata di A per quelli che se lo sono perso

Il bello della XX giornata di A per quelli che se lo sono perso
Eventi 26 Gennaio 2015 ore 10:28

CHE GOL!

Vede lo spazio, carica il tiro: che gol! Già, come avranno fatto a non vederlo? La rete più bella di giornata è (l'ennesimo) fantasma. Questa volta lo segna Morganella in Samp-Palermo, una conclusione del giocatore rosanero da fuori area che prima picchia contro la traversa, entra, e poi esce. L'immagine vista al replay mette angoscia. Si vede Chiffi, l'arbitro addizionale, perfettamente in linea con il corpo e con lo sguardo. Come avrà fatto a non vedere il pallone entrare? Se lo chiede pure Morganella che, infuriato, si presenta davanti alle telecamere: «Vergogna! Tanti arbitri in campo e non riuscite a vedere un gol del genere. Meritavamo la vittoria».

 

 

Chi invece il gol lo ha segnato (e ovviamente valido) è il solito Paul Pogboom Pogba. Ormai decisivo per definizione, il giocatore della Juventus stende anche il Chievo con il solito capolavoro (più un mezzo assist capolavoro per Lichtsteiner). È il quarto gol di fila che fa (tra campionato e coppa) e così la Juve adesso è a +7 dalla Roma. Imprendibile? Lo vedremo. Una cosa è certa: il francese è uno molto difficile da comprare. «Ci vogliono cento milioni di euro», urla Allegri dopo la partita. La gente invece si domanda se con Paul e soltanto con Paul la Juve può vincere la Champions. Tu chiamale se vuoi: speranze bianconere.

 

http://youtu.be/boszNUfDA3c

 

L'UOMO IN PIÙ

La vittoria se la merita anche la Lazio, che batte il Milan in rimonta e continua a graffiare l'idea che il terzo posto si può. Meriti? Quasi tutti di Parolo. A Roma (sponda biancoceleste eh) son già lì a fargli il monumento. Lui parla poco, corre molto, si inserisce e fa gol. Addirittura due nella notte dell'Olimpico. «Sono contento per la doppietta, una rete è per me visto che è il mio compleanno, l'altro è per mio zio che viene sempre a vedermi e ha festeggiato gli anni in settimana». Parolo da Gallarate da piccolo tifava il Milan. La prima partita della sua vita se la ricorda ancora. Piangeva perché l'allenatore lo rimproverava troppo. Tempi andati. Adesso è l'uomo in più di Pioli e di una Lazio davvero bella e spettacolare.

 

http://youtu.be/PWl3ngsXbpI

 

SHOW-TIME

Bella partita mica tanto, ma dopo 27 anni il Torino vince a San Siro contro l'Inter e all’ultimo respiro. Più che un respiro, un affanno. A fine partita Mancini-onestà: «Abbiamo dormito». Poi azzarda: «Andremo in Champions». Tra il dire e il fare c'è di mezzo un gioco ancora inconsistente. E poi c'è il Torino. La squadra di Ventura è il vero show. Sacrificio, grinta, volontà: caratteristiche che l'Inter soffre terribilmente. Ma il peggio succede al 94'. La partita è finita per quasi tutti. Quelli del Toro non spingono, quelli dell'Inter difendono. La palla - chissà perché - finisce in calcio d'angolo. Lo farà battere? Sì, l'arbitro lo fa battere. Nell'aera nerazzurra sono in quattro gatti. Anche Moretti, solissimo al centro dell’area, che la colpisce di testa. I granata si tirano fuori dalla lotta salvezza, Mancini scivola sempre più lontano dal terzo posto.

 

http://youtu.be/VCbOh1Uc9oA

 

HANNO DETTO

Sogna la Samp, e ovviamente lo fa insieme al presidente Ferrero. Il giorno prima della partita contro il Palermo, in conferenza stampa, dice: «Dov'è Eto'o? Lo chiamo e glielo chiedo». Stava in tribuna al Ferraris e alla fine s'è pure fatto un selfie. Ma c'è chi non ci crede. Massimo Mauro, per esempio, che a Sky dice: «E' solo un'operazione di marketing e Mihajlovic forse se ne è accorto». Chissà. Meglio di tutti se la cava Iachini. Dopo il gol fantasma in Samp-Palermo ci si aspetta lo sfogo, l'arrabbiatura, tutto tranne che la battuta alla Boskov. «Gol è quando arbitro fischia».

 

RISULTATI E CLASSIFICHE

20° Giornata:

CAGLIARI-SASSUOLO 2-1 (Rossettini, Acerbi, Cop)
LAZIO-MILAN 3-1 (Menez, Parolo, Klose, Parolo)
INTER-TORINO 0-1 (Moretti)
JUVENTUS-CHIEVO 2-0 (Pogba, Lichtsteiner)
PARMA-CESENA 1-2 (Pulzetti, autogol di Cascione, Rodriguez)
SAMPDORIA-PALERMO 1-1 (Eder, Vazquez)
VERONA-ATALANTA 1-0 (Saviola)
FIORENTINA-ROMA 1-1 (Gomez, Ljajic)
EMPOLI-UDINESE (stasera, ore 19)
NAPOLI-GENOA (stasera, ore 21)

LA CLASSIFICA: Juventus 49; Roma 42; Lazio, Sampdoria 34; Napoli 33*; Fiorentina 31; Genoa 28*; Palermo 27; Inter, Milan 26; Sassuolo, Torino 25; Udinese*, Verona 24; Atalanta 20; Empoli*, Cagliari 19; Chievo 18; Cesena 12; Parma 9**.
*una partita in meno
**un punto di penalizzazione

PROSSIMO TURNO: Genoa-Fiorentina, Roma-Empoli, Sassuolo-Inter, Udinese-Juventus, Chievo-Napoli, Atalanta-Cagliari, Palermo-Verona, Torino-Sampdoria, Cesena-Lazio, Milan-Parma.

MARCATORI: 13 gol: Tevez; 10 gol: Dybala, Higuain, Icardi, Menez; 9 gol: Callejon; 8 gol: Di Natale; 7 gol: Djordjevic, Gabbiadini, Ljajic, Matri, Mauri, Thereau, Zaza; 6 gol: Eder, Honda, Pogba, Toni, Vazquez, Vidal.