Eventi
Cose di casa nostra

Bergamospia (si dice, non si dice) Corriere Bergamo, un altro che va

Bergamospia (si dice, non si dice) Corriere Bergamo, un altro che va
Eventi 02 Luglio 2015 ore 17:25

Che cosa si dice, che cosa si scrive, ma soprattutto cosa non si dice e non si scrive (solitamente) della nostra città. Tra sussurri e grida una raccolta indiscreta.

Il Corriere Bergamo perde un altro pezzo
Anche Anna Gandolfi trasloca a Milano

CORRIERE DELLA SERA INSEGNA

La redazione del Corriere Bergamo continua a perdere pezzi. Anna Gandolfi, braccio destro del responsabile Riccardo Nisoli, ha preso la via di Milano: da alcuni giorni lavora alla cronaca regionale. L'ha voluta il caporedattore Fabio Finazzi, già suo capo a Bergamo. Per sostituirla si è puntato sulla soluzione interna: Simone Bianco è stato promosso numero due, Armando Di Landro numero tre.

In via Solferino la Gandolfi ritroverà anche Cesare Zapperi, il primo a trasferirsi sotto la Madonnina. Al gruppo dei giornalisti pendolari va aggiunto Stefano Ravaschio, andato a ricoprire un altro incarico in Rcs giusto un paio di settimane fa. Un esodo che ha indebolito la redazione orobica, su cui tira aria di ridimensionamento. Previsto infatti il taglio di due pagine: forse solo estivo, forse definitivo. Chissà. Segnali non positivi, da leggere in un quadro che vede il gruppo Rcs costretto a fare i conti con un nuovo maxi piano di esuberi. Il nuovo corso del direttore Luciano Fontana, nel medio termine, potrebbe rimettere in discussione l'opportunità di proseguire con gli inserti locali: Bergamo e Brescia non dormono sonni tranquilli.

 

Profughi, spunta anche lo spettro tendopoli

la-protesta-di-una-trentina-di-profughimesi-a-lizzola-vogliamo-cambiare_e78dfa66-ffc0-11e4-b056-08bc7a8955e0_700_455_big_story_linked_ima

Sale l'emergenza profughi in Bergamasca: ormai siamo oltre quota 600 (per l'esattezza, 613 in 17 paesi). Ci sono sempre più proteste e sempre meno posti dove metterli. Tanto che il prefetto ha fatto aprire tre palestre: al Rubini di Romano, dove è in corso la maturità, a Filago e prossimamente Presezzo. Ma in caso di nuovi arrivi si pensa anche a una tensostruttura, che se non sarà una tendopoli finirà per assomigliarci molto. Un'eventualità che il presidente della Provincia Matteo Rossi non vuol prender in considerazione, però sempre più concreta. La Lega intanto soffia sul fuoco e attiva presidi qui e là. E con il caldo la situazione potrebbe farsi anche più rovente.

 

Facebook racconterà il processo a Bossetti

Facebook Bossetti

Domani inizia il processo a Massimo Bossetti, ma la giustizia virtuale ha già messo in movimento i suoi ingranaggi. Oggi andrà in scena l'evento organizzato da Justice of Mind a Capri, per discettare della prova del dna in una cornice balnear-chic. Intanto su Facebook, per non farsi mancare niente, è comparsa la pagina “Processo Massimo Giuseppe Bossetti”. Nella foto del profilo c'è l'imputato ritratto il giorno dell'arresto, mentre nell'immagine di copertina campeggia l'avvocato Claudio Salvagni, circondato dai giornalisti. Il legale ha precisato di non essere l'autore: si è limitato a  segnalarla sulla sua bacheca. L'impostazione, tuttavia, è pro difesa: si parte con cinque punti che spiegano perché il muratore sarebbe innocente. Sarà una sorta di diario social del processo, con licenza di commentare. Un'aula virtuale che, se non altro, contribuirà a divulgare il contenuto delle udienze, visto che in quella reale sarà praticamente impossibile entrare. Ottanta i posti disponibili, più della metà occupati dai giornalisti. L'udienza è pubblica a pena di nullità, ammonisce il codice di procedura penale. Mai come questa volta, però, solo sulla carta.

 

Cristina Parodi va pazza per le ortensie 
e su Twitter piovono omaggi floreali

foto

Cristina Parodi è sempre più amata dal popolo dei social network. Basta che cinguetti su Twitter la sua passione per le ortensie per vedersi sommersa dagli omaggi virtual floreali dei suoi follower. Fioccano gli scatti botanici e se ne vedono di tutti i colori: blu, rosa, azzurre. La first lady made in Bergamo ringrazia e ritwitta, forte di un seguito che continua ad aumentare: ormai ha passato i 90 mila follower.

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter