Eventi
Cose di casa nostra

Bergamospia (si dice, non si dice) Distretto del centro, Riva in bilico

Bergamospia (si dice, non si dice) Distretto del centro, Riva in bilico
Eventi 02 Settembre 2015 ore 10:40

Che cosa si dice, che cosa si scrive, ma soprattutto cosa non si dice e non si scrive (solitamente) della nostra città. Tra sussurri e grida una raccolta indiscreta.

 

Distretto del Commercio, Riva in bilico 
Derby Ascom-Confesercenti per sostituirlo

Movida-Photo-Devid-Rotasperti (61)

Il Distretto del commercio di Bergamo Centro si appresta a cambiare timoniere. Il presidente e amministratore delegato Alessandro Riva non sembra più godere dell'appoggio incondizionato dei soci principali, ovvero Comune e associazioni di categoria. Anche dalla base, ultimamente, si sono levati malumori. Troppe le iniziative effimere come l'Uomo della Luce, oppure finite fuori target come Bergamo Balla, con i negozi relegati dietro le quinte degli spettacoli di strada. Per rilanciare il commercio di via Venti e dintorni serve "un cambio di passo", come direbbe Gori. Riva rischia invece di dover fare un passo indietro. Le grandi manovre per designare il sostituto sono già partite: la scelta potrebbe cadere su chi in questi anni ha seguito da vicino l'iter dei Distretti. Due i nomi che circolano al momento: Filippo Caselli, vicedirettore di Confesercenti, e Roberto Ghidotti, funzionario Ascom e attuale presidente del Distretto di Treviglio. Tra le due associazioni si profila un bel derby.

 

Accoglienza a due ruote in Val Seriana

ciclabilevalleseriana3

Mentre tanti blaterano sui profughi (pro o contro) in Val Seriana c'è chi si preoccupa di compiere gesti concreti. Il Comitato di cittadini per costruire l'accoglienza, nato dopo le proteste di Rovetta all'arrivo dei migranti, conta già un centinaio di iscritti. Dopo il "Ferragosto solidale", con balli e tavolata, un'altra iniziativa è in programma per domenica: "Accoglienza a due ruote". Il Comitato porterà a spasso lungo la ciclabile quindici richiedenti asilo, che pedaleranno da Rovetta a Colzate su bici regalate e rimesse in sesto per l'occasione. La strada verso l'integrazione è più corta se la si percorre insieme.

 

Comune-Borgo S. Caterina 2-0

notte in santa caterina

Il coprifuoco imposto alla movida dal nuovo regolamento comunale (si chiude alle 12.30, chi fa il  bravo fino all'1.30) regge l'urto del Tar. Chiamati a pronunciarsi sulla sospensione provvisoria del provvedimento, in attesa di decidere nel merito, i giudici amministrativi non ne hanno ravvisato la necessità. Il coprifuoco resta dunque in vigore, almeno per altri cinquanta giorni. Già due mesi fa, al momento della presentazione del ricorso da parte degli esercenti del Borgo, era peraltro arrivato un "no" alla sospensione. Il Comune di Bergamo si porta dunque sul 2-0. Il 21 ottobre il TAR dirà l'ultima parola, quella più importante perché definitiva. Ma ribaltare il risultato sembra un'impresa più ardua che rimontare uno svantaggio in una semifinale di Champions.

 

Stendardo scrive a Giorgio: 
«Volevi andare via e non ti abbiamo fermato»

0A2A5434

«La spontanea rinuncia alla propria esistenza è quasi sempre legata alla forte speranza di ritrovare una vita migliore». Inizia così la lettera di Guglielmo Stendardo a "Giorgio", il tifoso nerazzurro che si era tolto la vita alcune settimane fa. La "sua" Curva, domenica sera, lo aveva ricordato con una scenografia scintillante. E la squadra gli aveva dedicato la vittoria. «Caro Giorgio - prosegue Stendardo -, non siamo dispiaciuti perché tu, in solitudine, abbia deciso di andare via da questo mondo, ma siamo, innanzitutto, arrabbiati per non averlo saputo impedire. Ci resta un'unica speranza: che la nuova dimensione possa donarti tutto quanto era nei tuoi desideri e che in parte ti eri già reso meritevole». Il popolo nerazzurro ringrazia e applaude il difensore, definito "uno di noi" sulla pagina Facebook della Curva. Come lo era anche Giorgio.

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter