Con il trailer

Il film da vedere nel weekend It, attesissimo e terrificante

Il film da vedere nel weekend It, attesissimo e terrificante
Eventi 21 Ottobre 2017 ore 06:30

Regia: Andy Muschietti.
Con: Bill Skarsgård, Owen Teague, Jaeden Lieberher, Finn Wolfhard, Wyatt Oleff, Jeremy Ray Taylor, Jack Grazer, Chosen Jacobs, Javier Botet, Nicholas Hamilton, Megan Charpentier, Sophia Lillis, Steven Williams, Jackson Robert Scott.
Dove vederlo a Bergamo e provincia: qui.

 

Ci sono opere che anche a fronte di una realizzazione magari non eccellente riescono a imporsi nell’immaginario collettivo per l’iconicità dei loro personaggi, di alcune battute o situazioni o semplicemente perché sono state in grado di mobilitare (almeno nel caso del cinema thriller-horror) paure ancestrali o comunque mai completamente riassorbite dalla società. È sicuramente il caso della miniserie It, uscita nel 1990 per la regia di Tommy Lee Wallace e tratta dall’omonimo romanzo di Stephen King. Rivista oggi la serie denuncia dei limiti innegabili: la scrittura dei personaggi era tutt’altro che eccellente e soprattutto gli effetti speciali oggi appaiono ancora artigianali e grezzi. Ciò nonostante, la figura del clown Pennywise è riuscita a imporsi nell’immaginario comune come una delle più inquietanti mai partorite dal cinema di genere. Il clown assassino di bambini, mostro inquietante che si alimenta delle loro paure, è riuscito a sopravvivere alla realizzazione incerta della miniserie e torna oggi in grande stile con un remake omonimo.

4 foto Sfoglia la gallery

La struttura narrativa del film segue in maniera puntuale (spesso anche visivamente) quella dell’opera originale. La vicenda è ambientata a Derry e ha inizio negli anni Ottanta. Durante una giornata estremamente piovosa il piccolo Georgie esce di casa per giocare con una barchetta di carta e viene avvicinato da un bizzarro clown, che lo cattura e lo rapisce. La presenza maligna inizierà poi ad infestare la vita di altri bambini, fra cui quella del fratello di Georgie (Billy) e del suo gruppo di amici.

Per gli appassionati della letteratura di Stephen King, It è senza dubbio un must. Da molti ritenuto il suo vero e proprio capolavoro, il romanzo è in effetti una grande summa della sua opera e anche ai più fedeli amanti dell’autore doveva essere spiaciuto vedere una trasposizione che – per quanto comunque non spiacevole – tradiva il testo di partenza soprattutto nel finale (senza dubbio la parte più ridicola di tutta la miniserie). Soprattutto perché a fronte del grande fascino del Male che emerge dalla figura del clown e dalle sue azioni, il film intercetta tutta una serie di tematiche di grande interesse, fra cui emerge con forza quella dei legami dell’infanzia e della necessità di confrontarsi con le proprie paure come momento iniziale di un processo di formazione del sé.

 

 

La regia di questo necessario ma complesso remake è stata affidata a Andy Muschietti, una delle nuove firme del cinema horror che ha fatto parlare molto positivamente di sé con il film La madre, uscito ormai da qualche anno. Senza anticipare troppi elementi di quello che si presenta come un ottimo adattamento del romanzo di King possiamo subito precisare che le scelte registiche messe in atto da Muschietti riscrivono quasi completamente le atmosfere di Derry rispetto a quelle del 1990. Nonostante molte sequenze siano riprese in maniera perfetta, ciò che si nota sono soprattutto gli scarti e le differenze. L’immagine di Pennywise che emerge dal film è più inquietante e concreta di quanto non fosse quella (più apertamente clownesca) della serie originale.

Nel complesso questo nuovo It rende giustizia al romanzo di King e, cosa che può piacere o no, si segnala per la sua distanza dalla miniserie di Wallace praticamente in ogni momento, come a voler precisare che quello era un tentativo incerto, di cui il film di Muschietti costituisce la piena realizzazione. Al di là di tutto, però, un film validissimo che non mancherà di soddisfare anche gli appassionati di letteratura.