in via Locatelli

I francobolli raccontano la libertà di stampa: la mostra alle Poste centrali di Bergamo

Cinque secoli - dall'invenzione della stampa all'Intelligenza Artificiale - narrati attraverso degli annulli filatelici. L'esposizione è visitabile fino al 27 luglio

I francobolli raccontano la libertà di stampa: la mostra alle Poste centrali di Bergamo
Pubblicato:

di Sara Barbò

La mattina di oggi (martedì 2 luglio), nel salone dell’Ufficio Postale di Bergamo di via Locatelli, è stata inaugurata la mostra filatelica dal titolo Da Gutenberg all’intelligenza artificiale, la libertà di stampa raccontata dai francobolli.

I francobolli raccontano di un percorso lungo cinque secoli, iniziato con l’invenzione della stampa durante la metà del 1400 grazie a Gutenberg, che ha stampato la prima Bibbia, e ad Aldo Manuzio, che ha rivoluzionato la diffusione dell’informazione, fino ad arrivare all’Intelligenza Artificiale.

Come e grazie a chi si sono evoluti i giornali

Le immagini filateliche non solo raccontano la storia dei grandi giornali, come La Stampa, La Repubblica La Gazzetta dello Sport (e tanti altri), ma anche la storia di donne e uomini che hanno contribuito allo sviluppo dell’informazione e delle innovazioni tecnologiche, oltre ai personaggi della filosofia e della scienza, come Galileo Galilei e fra’ Paolo Sarpi.

titolo mostra
Foto 1 di 3
Gutemberg L'invenzione della stampa
Foto 2 di 3
intelligenza artificiale
Foto 3 di 3

In una parte della mostra si tocca il tema della differenza di genere in ambito giornalistico: per esempio viene raccontata la vicenda di Matilde Serao, un’icona dell’emancipazione femminile, in quanto è stata la prima donna italiana a diventare giornalista professionista e anche la prima a dirigere un quotidiano nazionale (Il Giorno).

Chi ha presentato la mostra

All’inaugurazione erano presenti Rosa D'Amico, direttrice della filiale di Bergamo; Annamaria Gallo, responsabile Filatelia macro area Nord-Ovest; Giusy Montanino, referente filatelico territoriale. Ha partecipato inoltre Mario Bonacina, presidente del Circolo Filatelico Bergamasco e consigliere nazionale di Usfi, che ha raccontato un interessante aneddoto in cui diceva a un giornalista che «la filatelia, e nello specifico il francobollo, è l'arte di comunicare».

«Un francobollo - ha spiegato Gallo - nella sua piccola misura può portare conoscenza di eccellenze e personaggi. Racconta il percorso di un viaggio che parte a metà del 1400, con l’invenzione della stampa e che ha permesso una rapida diffusione del sapere, gettando le basi per la nascita del giornalismo moderno».

Annamaria Gallo, Mario Bonacina, Rosa D'Amico e Giusy Montanino
Foto 1 di 4
Giusy Montanno e Rosa D'Amico
Foto 2 di 4

Giusy Montanino e Rosa D'Amico

Annamaria Gallo
Foto 3 di 4

Annamaria Gallo

Giusy Montanino
Foto 4 di 4

Giusy Montanino

L’annullo filatelico

Dopo la presentazione, si è tenuta la cerimonia di timbratura con annullo filatelico dedicato alla mostra, di cui Giusy Montanino aveva precedentemente spiegato il significato: «Un annullo filatelico è un bollo, un'impronta creata per un'occasione specifica, ma va oltre all'impronta dedicata perché è un prestigioso veicolo di diffusione nazionale». Ha poi aggiuntoe:«Mi piace pensare alla filatelia come un fiore con tanti petali e ogni petalo racconta la storia della propria comunità. Questo fiore simbolico anche a Bergamo si è espresso con molti eventi».

Vi è stata inoltre la possibilità di timbrare cartoline e corrispondenza come ricordo della giornata. La mostra resterà aperta al pubblico fino a sabato 27 luglio durante l’orario di apertura delle Poste centrali di Bergamo: dal lunedì al venerdì dalle 8.20 alle 19.05 e il sabato fino alle 12.35.

Commenti
Danilo

Bell'articolo, per una mostra certamente da visitare. Faccio però notare che, a quanto mi risulta, Matilde Serao ha diretto IL MATTINO di Napoli, non IL GIORNO di Milano

Lascia il tuo pensiero

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici sui nostri canali