Il 13 maggio

Il problema degli accumulatori di animali in Bergamasca: convegno di Legambiente a Verdello

Le persone affette da questa patologia pensano di aiutare gli esemplari che trovano, ma generano situazioni di disagio

Il problema degli accumulatori di animali in Bergamasca: convegno di Legambiente a Verdello
Pubblicato:
Aggiornato:

L’amore per gli animali non c’entra proprio, anche se chi li accumula (in genere, è interessato a gatti e cani) è convinto di essere chiamato a salvarne quanti più possibile. Non fa nulla se poi queste creature, a decine, non ricevono nemmeno il minimo necessario, anzi trovano sempre condizioni di vita peggiori di quelle che hanno lasciato: i loro salvatori diventano così, invece, i loro inconsapevoli aguzzini.

Un fenomeno da affrontare

Si tratta di una vera e propria patologia, di cui queste persone non si accorgono nemmeno. Succede anche nella Bergamasca e ci sono stati casi eclatanti, con un finale assai oneroso per i Comuni dove si sono verificati: infatti, il più delle volte, questi accumulatori non hanno possibilità finanziarie per fornire cibo, cure, spazi, tempo e pulizia agli animali che trovano in giro. Per cui, questi sono costretti a vivere stipati in ambienti poco idonei, sovraffollati di altre creature, pieni di sporcizia e senza le necessarie cure e attenzioni.

I casi vengono per lo più segnalati dai vicini, quando si accorgono che gli odori ed i rumori provenienti da una casa diventano inaccettabili. Gli interventi da parte degli operatori del settore (Polizia locale, assistenti sociali) sono difficili, anche perché quando si procede ad un sequestro di decine di esemplari, spessissimo gli oneri ricadono sulle Amministrazioni.

Il convegno a Verdello

Per questo motivo Legambiente Bergamo, con il Comune di Verdello e il patrocinio della Provincia, ha organizzato per il 13 maggio prossimo, dalle 8.30 alle 13, nel palazzo comunale, in sala Abbiati, un convegno formativo per gli operatori del settore. L'obiettivo è cercare e trovare tutte le soluzioni possibili per questo problema che, soprattutto dopo il Covid, si sta diffondendo. «Non dimentichiamo che chi accumula animali una volta, lo farà sempre - hanno commentato gli organizzatori -. È un problema da arginare con un lavoro che coinvolge molte figure dedicate».

I relatori saranno Ermanno Giudici, formatore accreditato PoliS Lombardia, Emanuela Prato Previde, professore associato di Psicologia della Facoltà di Medicina all'Università di Milano, il capitano Matteo Manesso e il maresciallo dei carabinieri forestali Iuri Donini, oltre al comandante Giovanna Farina della Polizia locale di Verdello, Arcene e Lurano.

Per le iscrizioni, ci si può registrare a questo link, oppure chiamare il numero 3429591233.

Commenti
Lascia il tuo pensiero

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici sui nostri canali