Eventi
È stata casa del cantante Kenny Rogers

La più bella villa di Bel Air? Ahinoi, è già venduta (e costava...)

La più bella villa di Bel Air? Ahinoi, è già venduta (e costava...)
Eventi 25 Marzo 2015 ore 09:45

Il Wall Street Journal ha reso noto che la splendida tenuta di Bel Air, quartiere di lusso di Los Angeles, conosciuta ai più con il nome di Lionsgate e appartenuta al cantante country Kenny Rogers, è stata venduta per l’incredibile cifra di 50 milioni di dollari, circa 46 milioni di euro. La notizia è stata fornita da Mia Trudeau, mediatrice dell’affare per la Hilton & Hyland, agenzia immobiliare rinomata per gli immobili di pregio di cui tratta vendite e acquisti. Il nome del compratore resta segreto, così come anche quello dei venditori. Da anni, infatti, la tenuta non era più in mano a Rogers. L’unica cosa che la Trudeau ha voluto far sapere è che i venditori sono europei mentre i compratori americani. Del resto riuscire a mantenere il riserbo è una qualità essenziale per una professionista del suo livello. Il Wall Street Journal, facendo alcune verifiche sui registri pubblici, ha riportato che nel 2010 la villa sarebbe stata acquistata da un ente giuridico chiamato Basilisk, che per far sua l’abitazione avrebbe versato 12,2 milioni di dollari. Tenendo conto dei 50 milioni di oggi, una plusvalenza niente male.

Vanno fatte però un paio di precisazioni: innanzitutto che il prezzo di vendita comprende anche l’arredamento e gli oggetti d’arte oggi contenuti nella villa, il cui valore è decisamente alto, e che gli ultimi proprietari hanno fatto diversi lavori che hanno sicuramente alzato il prezzo complessivo dell’immobile. Fino a quando la casa è stata in mano al cantante Rogers, era una villa da 870 metri quadri: con i lavori compiuti negli ultimi anni è arrivata ad essere grande oltre 2mila metri quadri. Inizialmente l’abitazione era stata messa sul mercato per 65 milioni di dollari, ma fu tolta durante la realizzazione di alcuni ampliamenti. A dicembre il prezzo è stato diminuito a 50 milioni, considerando anche lo stato attuale del mercato immobiliare losangelino, leggermente in calo rispetto a pochi anni fa. Ma vale realmente tutti questi soldi? Vi portiamo con noi in un breve tour virtuale, poi starà a voi giudicare.

 

this-is-liongate-estate-the-24000-square-foot-property-that-just-sold-for-50-million-the-home-has-a-tennis-court-saltwater-swimming-pool-and-outdoor-glass-elevator

Non si sbaglia se si definisce la Lionsgate una reggia: nei 2mila metri quadri di abitazione sono presenti 9 camere da letto, 14 bagni, una sala da ballo (con bar) dotata di ingresso privato, una sala cinema con 12 comodissime sedute, un’area spa e una cantina refrigerata di ultima generazione per la conservazione dei vini. Gli ultimi proprietari hanno costruito anche una “piccola” dependance dotata di ulteriori 2 camere da letto e 3 bagni. All’esterno, nel giardino, si trova una stupenda piscina di acqua salata, affiancata da un bellissimo ascensore in vetro di design, un campo da tennis e una palestra.

 

the-home-sits-on-two-acres-of-property-and-both-of-its-bel-air-entrances-are-gated-rogers-was-the-owner-to-add-those-lions-to-the-gate-hes-a-leo

La villa poggia su un terreno complessivamente di circa 9mila metri quadrati, circondato da una folta vegetazione e da un muro di cinta che tiene lontani occhi indiscreti. Il nome Lionsgate le è stato dato dopo che Kenny Rogers fece aggiungere al cancello d’ingresso due grandi statue di leoni, in onore del suo segno zodiacale.

 

lets-go-inside-the-mansion-shall-we

Costruita nel 1930, il merito di cotanta bellezza è dell’architetto Paul Revere, che la progettò. Kenny Rogers ne divenne proprietario solamente nel 1970. Non introdusse grandi novità, anzi, si può dire che lasciò la villa praticamente così com’era. Se non per i due leoni di cui vi abbiamo detto.

 

the-home-was-recently-renovated-to-include-a-guest-wing-it-was-expanded-by-over-twice-its-original-size

Con i lavori che hanno fatto gli ultimi misteriosi proprietari, la villa ha più che raddoppiato le proprie dimensioni, diventando una vera e propria reggia da sogno. Anche la nuova dependance è, per noi persone “normali”, una casa da sogno.

 

the-main-part-of-the-home-is-stunning-the-mansion-was-sold-fully-furnished-and-has-a-lot-of-amazing-amenities

La parte centrale della casa è veramente stupenda. A renderla ancora più bella ci sono gli arredi, scelti con gusto, e le finiture, vero fiore all’occhiello della villa. Come detto, è stata venduta compresa anche di mobilia. Vedendo queste foto, possiamo immaginare che abbiano pesato (e non poco) sul prezzo finale.

 

heres-the-massive-sitting-room

Il salotto è quasi un negozio d’antiquariato per il numero di mobili antichi e oggetti di lusso che contiene. Bisogna fare attenzione a muoversi in mezzo a tutta questa bellezza.

 

the-kitchen-has-two-central-islands-bar-seating-and-up-to-date-appliances

La cucina non è certamente da meno: dotata di addirittura due isole centrali, l’eleganza degli arredi si unisce meravigliosamente agli elettrodomestici di ultima generazione e agli elementi d’arredo più moderni, quali gli sgabelli da bar che contornano le isole.

 

there-are-nine-bedrooms-in-the-home

Le stanze da letto sono ben 9, tutte curate nei minimi dettagli. Difficile dire quale sia la padronale, dato che ognuna di esse lascia a bocca aperta.

 

as-well-as-14-bathrooms-this-stand-alone-tub-and-steam-shower-belong-to-the-homes-master-suite

I bagni sono invece 14, uno per ogni stanza più 5 presenti in diverse ali dell’abitazione. Raffinati ed eleganti, non sono eccessivamente sfarzosi. Anzi, presentano giusto il minimo indispensabile, anche se di gran classe.

 

theres-also-a-library-slash-study-where-the-new-owners-can-do-business

Una stanza particolarmente apprezzata da coloro che hanno avuto la fortuna di visitare la villa è stata la meravigliosa libreria/studio, con un camino in marmo che adorna una sala dove il pregiato legno degli arredi regna sovrano.

 

and-a-billiards-room-for-game-nights

Gli uomini non possono restare indifferenti davanti a questa stanza invece: la sala biliardo. Il tavolo da gioco regna sovrano nello spazio, ma a differenza di quel che si potrebbe pensare l’arredamento scelto e le finiture pregiate regalano eleganza a tutta la stanza, che resta assolutamente vivibile anche senza stecche in mano.

 

the-ballroom-of-the-home-has-its-own-private-entrance-and-private-kitchen-for-entertaining-guests

Per le feste c’è sempre la sala da ballo, dotata di bar e, soprattutto, di un ingresso privato, che permette ai padroni di casa di non dover per forza accogliere gli ospiti nel cuore dell’abitazione. Il bar, più che un angolo cocktail come potremmo immaginare, è in realtà una piccola cucina dove non manca assolutamente nulla.

 

swimmingpool

Il nostro tour si conclude con quella che, per molti, resta la parte migliore della casa: la fantastica piscina di acqua salata presente nel giardino. Dotata di una fantastica area relax, sia coperta che all’aperto, ogni parola è di troppo. Basta guardarla per sognare. Beato chi avrà la fortuna di crogiolarsi su una di quelle sdraio al caldo sole di Los Angeles.

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter