Eventi
I nostri portabandiera ai Giochi

I magnifici bergamaschi a Rio che all'ultimo son diventati 5

I magnifici bergamaschi a Rio che all'ultimo son diventati 5
Eventi 09 Agosto 2016 ore 05:30

I trentunesimi giochi olimpici hanno preso il via. E fra le 207 nazioni partecipanti l'Italia si è presentata forte di 307 atleti (144 donne e 163 uomini), di cui cinque bergamaschi: il nuotatore Marco Belotti, la pallanuotista Laura Teani, il marciatore Matteo Giupponi, la staffettista Marta Milani e, sorpresa dell'ultima ora, il ciclista Simone Consonni. La truppa "made in Bergamo" sarebbe potuta essere più numerosa ma, per quanto concerne la pallavolo, il ct Bonitta ha convocato le palleggiatrici Leo Lo Bianco (che rappresenterà un po' di Foppa in azzurro in compagnia di Guiggi, Sylla e Gennari) e Orro escludendo così la figlia d'arte Ofelia Malinov (il padre Atanas fu allenatore della prima Grande Foppa), mentre per quanto riguarda l'atletica il Coni ha escluso dai convocati Jamel Chatbi, marocchino naturalizzato italiano e residente nella nostra provincia, in quanto nel corso di questa stagione avrebbe eluso tre controlli antidoping. "Dimenticata" anche la campionessa bergamasca di beach volley Greta Cicolari. L'atleta di Azzano si era candidata a raggiungere Rio dopo che la Orsi Toth era stata trovata positiva a un test antidoping, per far coppia con Marta Menegatti, già compagna della Cicolari a Londra 2012. Nonostante il sostegno di tanti fan della Cicolari, la Federazione ha scelto diversamente e forse nella decisione hanno influito anche ragioni extrasportive (ne abbiamo parlato QUI). Ecco di seguiti i magnifici 5 bergamaschi a Rio.

 

Laura Teani (pallanuoto)

Laura Teani

Salvo inimmaginabili imprevisti dell'ultimo momento, la presenza in Brasile della pallanuotista Laura Teani non è mai stata in discussione. Originaria di Stezzano, la 25enne portierona del Plebiscito Padova fresco vincitore dell'ultimo scudetto, dovrebbe partire però dalla panchina nonostante una grandissima stagione vissuta da protagonista. «Ora va bene così - commenta Laura -. L'importante sarà farmi trovare pronta quando sarò chiamata in causa. Avevo promesso a mia mamma che un giorno sarei andata alle Olimpiadi. Ora sono qui». Il Setterosa - così viene chiamata la formazione azzurra di pallanuoto femminile - potrebbe essere una di quelle formazioni in grado di stupire maggiormente, magari conquistando un'altra medaglia dopo i bronzi vinti a Mondiali ed Europei.
Girone di qualificazione: Italia-Brasile martedì 9 ore 15.20
Girone di qualificazione: Italia-Australia giovedì 11 ore 15.20
Girone di qualificazione: Italia-Russia sabato 13 ore 15.20
Eventuali quarti di finale: lunedì 15 (orario da definire)
Eventuale semifinale: mercoledì 17 (orario da definire)
Eventuale finale: venerdì 19 (orario da definire)

 

Marta Milani (atletica)

martamilani

Dopo tanti anni di sacrifici e duro lavoro, anche Marta Milani corona il sogno olimpico. La 29enne di Monterosso ha infatti preso il volo per Rio de Janeiro essendo stata convocata fra le possibili staffettiste della 4x400. Il condizionale è ancora d'obbligo perchè, ad oggi, non si sa chi sarà fra le titolari e chi fra le riserve. In questa specialità il gruppo azzurro è ricco di atlete e la bagarre sarà serratissima. Dal canto suo Marta ha dalla propria parte una buona dose di esperienza, oltre che degli ottimi tempi che la vedono fra le migliori del palcoscenico nazionale. «La convocazione è un sogno. Ma io voglio scendere in pista, non fare la riserva». La quattrocentista cresciuta nell'Atl. Bergamo 59 Creberg è carica e mostra di avere le idee ben chiare. Un posto sul podio appare impossibile, ma una qualificazione per la finalissima (e in staffetta può succedere davvero di tutto) è alla portata delle nostre. Sperando di vedere anche Marta in pista.
Batterie: sabato 20 ore 1.40
Eventuale finale: domenica 21 ore 3.00

 

Matteo Giupponi (atletica)


Anche per il 27enne marciatore di Villa d'Almè, quella brasiliana sarà la prima partecipazione ad un'Olimpiade. Giupponi, che spegnerà le ventotto candeline il prossimo 8 ottobre, aveva già accarezzato il sogno a cinque cerchi nel 2012, ma in quell'occasione il Coni puntò tutto su Schwazer, poi squalificato per doping. «Questo è un sogno che si realizza - spiega il marciatore bergamasco -, è la massima ambizione per una persona che nella vita fa sport». Dal nulla di Londra, Giupponi potrebbe trovarsi di fronte a un doppio impegno. La sua presenza al via nella 20 km è certa ma, dopo lo stop imposto a Schwazer (l'ultimo verdetto verrà emesso il 4 agosto) per una nuova positività a un controllo antidoping, Giupponi potrebbe essere protagonista anche nella 50 km proprio al posto dell'altoatesino. Per il carabiniere, cresciuto nell'Atl. Bergamo 59 Creberg, portare a casa una medaglia sarà un'impresa molto ardua, ma conquistare un piazzamento nei primi otto-dieci posti, magari cercando di migliorare i primati personali, sarebbe già un risultato più che prestigioso.
Marcia 20 km: venerdì 12 ore 19.30
Marcia 50 km: venerdì 19 ore 13.00

 

Marco Belotti (nuoto)

Marco Belotti
Per il nuotatore di Trescore Balneario Rio rappresenta la terza Olimpiade, dopo quelle disputate a Pechino 2008 (due quarti posti con le staffette 4x100 e 4x200 stile libero) e Londra 2012 (prestazione sottotono, fuori dalle finali). E pensare che a novembre tutto sembrava finito dopo le fratture di radio e ulna. «Ringrazio quelli che mi sono stati vicino - ha detto Marco Belotti - senza di loro non ce l'avrei mai fatta». A Rio sarà in vasca sia nei 200 stile libero, sia nella 4x200 stile libero che rappresenta il grande obiettivo del nuotatore bergamasco. «Trovarmi un'altra volta in finale sarebbe davvero grandioso».
200 stile libero: batterie domenica 7 dalle 18.19, eventuali semifinali lunedì 8 dalle 3.11, eventuale finale marted' 9 alle 3.21
4x200 stile libero: batterie martedì 9 dalle 19.17, eventuale finale mercoledì 10 alle 4.38

 

Simone Consonni

consonni

L'esclusione della Russia per il cosiddetto "doping di Stato" ha aperto all'ultimo minuto le porte di Rio al quartetto azzurro dell'inseguimento a squadre e il giovane ciclista bergamasco del Team Colpack, campione italiano su strada, ha subito risposto: presente. Con lui in Brasile ci saranno Filippo Ganna, Francesco Laumon e Liam Bertazzo. Consonni da una decina di giorni era al Sestriere con Ganna e mercoledì aveva corso la notturna di Osio Sotto classificandosi terzo. Appena saputo della convocazione per Rio si è precipitato in auto a Brembate Sopra per organizzare la partenza. «Sono in confusione e soprattutto emozionato, ma in fondo una piccola speranza l'avevo», ha dichiarato a L'Eco di Bergamo. Poche illusioni, ma grande voglia di far bene: «Non sarà facile presentarci competitivi, perché abbiamo pochissimi giorni a disposizione, neppure il tempo di ambientarci. Non sarà semplice, ma ce la metteremo tutta».

La corsa è in programma venerdì 12 agosto alle 23 ora italiana. 

 

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter