Eventi
Creatività contemporanea

Città Alta, colonna presa a mazzate per vedere l’effetto che fa (è arte)

Città Alta, colonna presa a mazzate per vedere l’effetto che fa (è arte)
Eventi 06 Giugno 2018 ore 06:30

L’anno scorso fu l’ex Diurno sotto Piazza Dante a ospitare installazioni e performance artistiche per Contemporary Locus, la creatura che intercetta il meglio della produzione contemporanea grazie al fiuto di Paola Tognan. Quest’anno, da martedì 5 giugno a domenica 1° luglio, è il Monastero del Carmine in Città Alta a fare da cornice all’evento. Nel chiostro è stato allestito Turbulence, nuovo progetto di The Cool Couple (Niccolò Benetton – 1986, Simone Santilli, 1987). La ricerca –  ironica e dissacrante, aggressiva e poetica -  giocata dai due tra immagini, sculture, azioni e performance, si sviluppa nell’antico monastero attraverso due lavori che, su dispositivi apparentemente opposti, mettono in scena la turbolenza della condizione umana. Lo spazio stesso nel quale è allestito il progetto, un antico monastero che mostra tutti i segni del tempo, è un palcoscenico speciale che sottolinea le provocazioni dei due artisti e accentua lo sguardo obliquo con il quale The Cool Couple osserva ed analizza i comportamenti umani.

01_The Cool Couple_Karma Fails, veduta dell_installazione e della performance, Museo del Novecento, Milano, Novembre 2017
Foto 1 di 11
02_The Cool Couple_Karma Fails, veduta dell_installazione e della performance, Museo del Novecento, Milano, Novembre 2017
Foto 2 di 11
02_The Cool Couple_Turborage, 2017, installazione, 3 pilastri in cemento e perlite _ 3 mazze di legno, Nirox Foundation, Krugersdorp, South Africa
Foto 3 di 11
03_The Cool Couple_Karma Fails, veduta dell_installazione e della performance, Museo del Novecento, Milano, Novembre 2017
Foto 4 di 11
04_The Cool Couple_Karma Fails, veduta dell_installazione e della performance, Museo del Novecento, Milano, Novembre 2017
Foto 5 di 11
05_The Cool Couple_Karma Fails, veduta dell_installazione e della performance, Museo del Novecento, Milano, Novembre 2017
Foto 6 di 11
06_The Cool Couple_Karma Fails, veduta dell_installazione e della performance, Museo del Novecento, Milano, Novembre 2017
Foto 7 di 11
07_The Cool Couple_Karma Fails, veduta dell_installazione e della performance, Museo del Novecento, Milano, Novembre 2017
Foto 8 di 11
08_The Cool Couple_Karma Fails, veduta dell_installazione e della performance, Museo del Novecento, Milano, Novembre 2017
Foto 9 di 11
monastero del carmine_Ph Mario Albergati
Foto 10 di 11
monastero del carmine_Ph Mario Albergati_
Foto 11 di 11

Meditazione e produzione. Il ciclo di performance Karma Fails – Meditation is Visualization (martedì 5 giugno alle ore 05, 06, 21, 22 e 23), costituisce l’opening e la prima parte del progetto del collettivo. Karma Fails sono azioni di meditazione fisica e mentale a partecipazione pubblica che intrecciano le pratiche della performance con quelle del rilassamento e della lettura guidata. Agite nel chiostro centrale del monastero del Carmine - alle prime ore dell’alba e nella notte, della durata di circa 30 minuti e per un massimo di 10 persone ciascuna -  si presentano come frame dilatati che interrompono il fluire quotidiano del pensiero e delle abitudini.  La meditazione qui viene utilizzata per denudare il concetto di successo individuale legato al profitto e, in contemporanea, per offrire l’opportunità di un «tempo altro» dove la luce e il buio si confondono e restituiscono passaggi naturali dimenticati.

Mazzate alla colonna. Turborage, il secondo lavoro proposto da The Cool Couple, consiste in un’alta colonna di cemento costruita e allestita all’accesso del monastero, a fronte delle colonne antiche che ne sorreggono il porticato. Per tutto il periodo della mostra il pubblico può colpire e distruggere con un bastone di legno o una mazza da baseball la struttura che, per l’apposita morbidezza del materiale usato, permette a ogni visitatore di scegliere tra la distruzione della colonna o la sua trasformazione in una scultura astratta. L’ideazione di questa scultura partecipativa prende avvio dal racconto di Gianni Rodari Il palazzo da rompere: una piccola città che, alle prese con bambini iperattivi e distruttivi, immagina e costruisce un palazzo arredato per essere vandalizzato e dal quale, finalmente, i bambini escono esausti e inoffensivi. Una novella che anticipa il successo delle stanze della rabbia, fenomeno e business sviluppato su scala mondiale negli ultimi 15 anni. Ciò che agli artisti interessa è la metafora sottesa alla novella di Rodari - sistemi attraverso i quali il potere gestisce la violenza isolandola e rendendola inoffensiva - e la sua declinazione nel sistema e nella storia dell’arte attraverso l’apposita realizzazione di una scultura partecipativa: la colonna, appunto.

Informazioni. Orari d’apertura: Sabato e Domenica 10-12; 16-20. Indirizzo: Monastero del Carmine, Via B. Colleoni 19, Bergamo. Ingresso libero. Sito internet: www.contemporarylocus.it.

Seguici sui nostri canali