Notizie su Bergamo e provincia

Notizie su Bergamo e provincia (3-8 settembre 2018)

Notizie su Bergamo e provincia (3-8 settembre 2018)
Eventi 08 Settembre 2018 ore 08:45

8 SETTEMBRE

 

1 – A Valbrembo il primo Memorial Mondonico organizzato da La Passione di Yara

Uniti per ricordare Emiliano Mondonico. Nel pomeriggio di sabato 8 settembre, a Valbrembo si è disputato il primo torneo alla memoria dell’ex allenatore scomparso nel marzo scorso dopo una lunga malattia. Alla manifestazione, organizzata da La Passione di Yara Onlus, hanno preso parte quattro squadre composte da ex calciatori, tifosi e dirigenti che hanno voluto onorare la memoria del tecnico che ha scritto pagine storiche nella storia di ciascun club. Il battesimo è stato dato da Clara Mondonico, figlia di Emiliano, che prima del via ha dichiarato: «Ringraziamo i genitori di Yara perché credo che la forza e il coraggio che hanno avuto loro debba essere d’esempio a tutti. Io non credo che possa capitare un cosa peggiore di quella successa a loro, ma hanno voglia di reagire e di dimostrare che si può e si deve andare avanti. Io posso solo ringraziarli perché sono un esempio anche per me».

2 – Va a funghi al Cimon della Bagozza e lo ritrovano morto

La mattina di sabato 8 settembre, un uomo di 62 anni è andato a funghi in Val di Scalve, vicino al rifugio Cimon della Bagozza (in territorio di Schilpario). Poi, però, non ha più fatto ritorno. Per questo sono stati allertati i soccorsi, partiti attorno alle 14. Purtroppo, poco dopo, la tragica scoperta: il 62enne è stato trovato senza vita. Sembra che la causa del decesso sia stato un malore improvviso.

3 – Ritrovato vivo Bruno Pesenti, il 70enne scomparso in Val Taleggio mercoledì

Sabato 8 settembre è stato ritrovato in vita Bruno Pesenti, il 70enne di Cassano d’Adda (Milano) ex dipendente dell’Ats di Bergamo, di cui non si avevano più notizie da mercoledì 5. L’uomo, proprio quel giorno, era riuscito a contattare i soccorsi con il cellulare durante un’escursione tra la Val Taleggio e la Val Brembana, ma poi il telefono si era spento e decine di soccorritori ci hanno messo tre giorni per riuscire alla fine a trovarlo, sul monte Sornadello. Fortunatamente sembra che stia bene e sia solo molto provato.

4 – Cresce il turismo a Bergamo: l’agosto 2018 è stato il migliore degli ultimi vent’anni

Escludendo l’anno dell’Expo a Milano (il 2015), quello da poco conclusosi è stato il miglior agosto degli ultimi vent’anni in termini di presenze turistiche a Bergamo. Lo dicono chiaramente i numeri dell’Ascom, che riportano di un netto più 8 per cento rispetto al 2017 in termini di presenze e, soprattutto, un allungamento del tempo medio di permanenza nelle strutture dei visitatori. A scegliere Bergamo sono soprattutto stranieri, in particolare dal Nord Europa.

5 – Morto anche il papà di Giovanni. Investiti una settimana fa a Lallio

Stavano attraversando a piedi la Provinciale a Lallio quando sono stati travolti da una 500. Sono stati scagliati lontano in un fosso profondo due metri. Gravissimo incidente, sabato scorso a Lallio, quello che è costato la vita a Giovanni Scanzi, 24 anni, cuoco del Bù Cheese Bar di bergamo. Il padre Massimo, 64 anni, era finito nella Rianimazione del Papa Giovanni, ma si è spento dopo una settimana di lotta tra la vita e la morte. Nel punto della tragedia la strada è molto trafficata ma non ci sono semafori o strisce pedonali, per raggiungere la carrozzeria M&P. Alla guida della Fiat che li ha investiti il milanese S.A., 34 anni, milanese abitante nel Lodigiano ma con un passato a Curno. Era passato a trovare i parenti. È risultato negativo all’alcoltest e ha raccontato alle forze dell’ordine, sotto choc, che «hanno attraversato di corsa, li ho visti all’ultimo secondo». Il botto è stato talmente forte da essere distintamente sentito da chi lavora nelle attività ai lati della provinciale.

6 - Si ribalta in tir sull’A13, barianese morto sul colpo

Terribile l’incidente, verificatosi attorno alle 14.40 di ieri pomeriggio. Il tir guidato da Gianpietro Moleri si è ribaltato rimanendo incastrato sotto un cavalcavia lungo l’A13. Morto sul colpo il conducente, che trasportava soda caustica. Il tratto di strada dove si è verificato il sinistro stradale è rimasto chiuso al traffico per tutta la notte. È stato necessario, infatti, intervenire sul manto stradale dopo la dispersione dell’acido corrosivo a bordo del tir. Era un uomo discreto Gianpietro, residente a Bariano, dove era sposato e con un figlio. Il lutto inaspettato ha immediatamente scosso la comunità. Ad esprimere un pensiero di cordoglio è stato il sindaco, Fiorenzo Bergamaschi: «Gianpietro era un brav’uomo – ha dichiarato, anch’egli scosso dall’accaduto – Era una brava persona, un uomo discreto e un lavoratore onesto. Sono vicino alla sua famiglia in questo momento terribile».

7 – Puntura di ape a Zandobbio, gravissimo 25enne

Caduto a terra dopo la puntura di un’ape, svenuto. È successo ieri a Zandobbio, dove un autista di 25 anni di Gandosso, appena giunto in un cantiere di via Cesare Battisti, è andato in shock anafilattico. Inevitabile il trasporto e ricovero urgente, in gravissime condizioni, all’ospedale Papa Giovanni di Bergamo. La prognosi è riservata.

8 – Borseggi seriali in un supermercato, arrestato dai carabinieri

È stato arrestato in flagranza di reato dai carabinieri della Compagnia di Treviglio con l’accusa di furto aggravato dalla destrezza il rumeno 48enne fermato ieri dopo aver consumato un borseggio ai danni di una cliente di un supermercato di Brembate. L’uomo, che si confondeva tra la clientela, cercando quindi di non dare nell’occhio, coprendosi anche con una giacca, si è avvicinato a una signora che aveva la borsa all’interno del cestino della spesa e, con destrezza, approfittando di un attimo di destrezza della stessa, le ha sottratto il portafogli. Le telecamere del negozio hanno registrato parte della scena e così la vigilanza dell’esercizio commerciale ha dato subito l’allarme al 112. Qui è quindi intervenuta dapprima una “gazzella” del Nucleo Radiomobile di Treviglio insieme a una pattuglia della stazione dei carabineiri di Brembate. Colto in flagranza, il rumeno, con alle spalle già altri precedenti per reati contro il patrimonio, è stato così arrestato e temporaneamente ristretto presso le camere di sicurezza della compagnia di Treviglio in attesa dell’udienza di convalida prevista, per la mattinata odierna, davanti al Tribunale di Bergamo.

9 – Blitz del sindaco all’Hotel Cabina di Capriate

Venerdì, ore 9.30, è scattato il blitz all’Hotel Cabina di Capriate. A penetrare in uno dei luoghi diventato simbolo del degrado in città è stato il primo cittadino, Vittorino Verdi, accompagnato dal capogruppo di maggioranza Patrizio Mazzola, dal consigliere Paolo Margutti, dal comandante dal vice della Polizia Locale.  Il sopralluogo effettuato dal borgomastro ha portato alla luce un aspetto che in molti avevano ipotizzato. La struttura, da tempo abbandonata a sé stessa, è il rifugio di diverse persone. «All’interno del Cabina abbiamo trovato un disastro e anche un extracomunitario che dormiva su un giaciglio di fortuna – ha spiegato Verdi – Non sarà certo l’unico che trova rifugio là dentro e si può ipotizzare che l’area sia frequentata da almeno cinque o sei persone. Ora contatterò la proprietà dell’immobile prima di redigere un’ordinanza». La situazione di degrado del Cabina era stata sottolineata all’inizio dell’estate anche dall’esponente del gruppo «Amici di Beppe Grillo», Massimo Bologna che aveva evidenziato le condizioni che ormai imperano in una struttura storica, dove ha avuto luogo uno scontro tra tedeschi e partigiani, nei giorni immediatamente successivi al 25 Aprile, che costò la vita a nove esponenti della Resistenza.

 

7 SETTEMBRE

 

1 – Sosta irregolare in aeroporto. Oltre 150 multe dei carabinieri

Sosta irregolare in aeroporto, oltre 150 sanzioni. Proseguono senza sosta i controlli dei carabinieri della Compagnia di Bergamo per arginare il fenomeno del parcheggio selvaggio nei pressi dello scalo bergamasco “Il Caravaggio”. In particolare, l’attività si riferisce all’abitudine, nota da tempo, di alcuni utenti dell’aeroporto, di sostare a lato della strada provinciale d’accesso, occupando una parte importante della carreggiata, con ripercussioni negative in termini di sicurezza sia per le auto che transitano, sia per i trasgressori stessi, che, scendendo dalle proprie auto e attraversando in maniera scomposta una strada in cui transitano molti veicoli e che costituisce l’unico accesso allo scalo aeroportuale, pongono a rischio la propria incolumità.

2 - Turismo, agosto da incorniciare. «È il migliore degli ultimi 20 anni»

La città conquista sempre più turisti, anche d'estate. È stato il miglior agosto - eccezion fatta per l'anno di Expo 2015 - degli ultimi vent'anni in città, come rilevano gli albergatori. «Agosto è sempre stato un mese tranquillo in una città da sempre legata al turismo business - commenta Alessandro Capozzi, vicepresidente degli Albergatori Ascom -. I numeri segnano quest'anno una crescita dell'8 per cento rispetto al 2017, confermando anche nella seconda metà del mese quanto già rilevato a Ferragosto. La città sembra essere ormai entrata tra le destinazioni turistiche». A scegliere Bergamo sono soprattutto stranieri, in particolare dal Nord Europa (Danimarca, Finlandia, Polonia), oltre a Francia e Germania. Non manca qualche italiano, anche se restano una minoranza, e arrivano anche israeliani, russi e arabi. Si allungano i tempi di permanenza, in media di due o tre giorni, contro ad una media di soggiorni in altri periodi di una o due notti. «Alla visita della città e di Milano, molti hanno aggiunto un tour sul Lago d'Iseo e la scoperta di San Pellegrino Terme», sottolinea Capozzi. E settembre sembra essere partito con il piede giusto, complice anche il Gran Premio di Monza il week-end scorso: «I segnali sono positivi di qui a ottobre- continua Capozzi-. Il turismo congressuale e business è in ripresa e stiamo ricevendo diverse prenotazioni per le prossime settimane».

3 – Duplice omicidio in sala slot, a ottobre parte il processo

È stata fissata la prima udienza del processo riguardante il duplice omicidio avvenuto il 4 aprile scorso nella sala slot «Gold Cherry» di Caravaggio. Si terrà il prossimo 19 ottobre, in udienza pubblica, davanti alla Corte d’Assise di Bergamo. Il processo vede imputato Maurizio Novembrini, 44 anni, con l’accusa di duplice omicidio per aver freddato a colpi di pistola il fratello Carlo Novembrini, 50 anni, e la sua compagna Maria Rosa Fortini di 40. Incastrato dalle riprese delle telecamere di sorveglianza del locale, Novembrini che si trovava in compagnia della sorella Ornella, dopo l’omicidio è fuggito per poi ricomparire ore dopo, a Treviglio, dove si è consegnato ai carabinieri che lo stavano aspettando sotto la sua abitazione.

4 - Violenze fisiche e psicologiche ripetute contro moglie e figli: arrestato 39enne

Stamattina all’alba i carabinieri della Compagnia di Treviglio hanno arrestato su ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa a firma del gip del Tribunale di Bergamo, Federica Gaudino, nei confronti di un albanese 39enne, residente a Spirano, incensurato e di professione corriere. Le indagini, che hanno ricostruito un quadro familiare di abusi e violenze che si trascinavano da circa dieci anni, sono state coordinate dalla Procura della Repubblica di Bergamo. Botte, insulti e violenze sessuali reiterate nel tempo nei confronti della moglie, una sua connazionale. Il tutto a volte anche alla presenza dei figli od addirittura contro i figli stessi, oggi adolescenti, responsabili soltanto di aver preso a volte le difese della madre quando assistevano alle ripetute violenze compiute dal violento genitore. Si parla anche di pedinamenti e percosse di ogni genere, in un caso spintesi anche in un tentativo di soffocamento. La gelosia morbosa il movente dell’uomo, che aveva anche minacciato di morte la consorte più volte. Era arrivato addirittura a pedinare la moglie sul luogo di lavoro o quando la medesima seguiva le lezioni di scuola guida. Dopo anni e anni di terrore e violenze la donna ha finalmente denunciato il tutto ai carabinieri della Stazione di Urgnano, appoggiandosi tra l’altro anche a un Centro Antiviolenza e ai Servizi Sociali territoriali per la necessaria assistenza. Le indagini, iniziate nel giugno scorso, hanno quindi permesso di ricostruire il grave quadro indiziario di colpevolezza a carico del 39enne, che esercitava nei confronti della moglie un vero e proprio controllo ossessivo all’interno della mura domestiche e non solo.

5 – Auto contro furgone a Caloziocorte, muore 91enne

Incidente mortale nel primo pomeriggio ieri a Calolziocorte. Lo scontro tra un’auto e un furgone è costato la vita a un uomo di 91 anni: Francesco Arminio, di Brescia. Ferita anche la moglie di 73 anni. Secondo una prima ricostruzione la Volkswagen Golf Plus condotta dal novantunenne sarebbe finita prima sull’aiuola della rotatoria e poi sulla corsia di marcia opposta, dove in quel momento stava passando un furgone Opel Movano, condotto da un commerciante di 51 anni. L’auto è andata contro la fiancata del furgone, rovesciatosi. Impatto violento: distrutta la parte anteriori.

6 – Treviglio: travolto da un’auto in via Palazzo, grave 33enne

Un uomo di 33 anni è stato investito questa mattina poco prima delle 6 in via Palazzo a Treviglio, non distante dal cavalcavia che supera la Brebemi e porta a Casirate. Le condizioni del giovane sarebbero critiche, ed è stato trasportato in codice rosso all’ospedale di Treviglio.

7 – Un museo della fotografia all’ex convento di San Francesco

Proseguono i lavori al convento di San Francesco per realizzare il “museo” della fotografia di Bergamo. Racchiuderà più di un milione di immagini scattate tra Ottocento e Novecento ed è frutto di molte donazioni di privati, tra cui, di recente, l’archivio di Pepi Merisio, fotografo di fama, che collaborò con il Touring Club Italiano e numerose riviste come la Pirelli negli anni ‘50.

8 – Saldi estivi sottotono secondo l’Ascom

Saldi estivi sottotono. La corsa allo shopping d’occasione, conclusasi il 4 settembre, ha avuto un inevitabile calo dopo un inizio abbastanza buono. Un sondaggio Ascom tra i commercianti indica un calo degli affari di almeno il 10% rispetto al 2017.

 

6 SETTEMBRE

 

1 – Muore in ditta a Calcinate in via Ninola: inutili i soccorsi

Si sa ancora poco di quanto accaduto all’interno di un impianto lavorativo di via Ninola 34, a Calcinate. Risulta deceduto un uomo, per motivi ancora non confermati. Sul posto l’Ats di Bergamo, i carabinieri e l’elisoccorso da Bergamo in codice rosso. Inutile, però, ogni tentativo di rianimazione da parte dei soccorritori del “118”.

2 – Andrea Mainardi e Ivan Cattaneo al Grande Fratello Vip

Ci saranno due bergamaschi nel cast del programma tv «Grande fratello Vip3»: il cantante Ivan Cattaneo e lo chef Andrea Mainardi. Il programma andrà in onda su Canale 5 e sarà condotta da Ilary Blasi e Alfonso Signorini.

3 - Rubano nel supermercato a Vercelli, c’è anche una bergamasca

C’è anche una bergamasca di 53 anni tra le donne denunciate lunedì dai carabinieri della Stazione di Serrvalle Sesia (Vercelli) per aver rubato dei generi alimentari dai banchi di un supermercato. Le tre complici erano entrate nel supermercato “In’S” alle 11.15 circa, girovagando tra i banchi di vendita senza però sembrare particolarmente interessate a qualche specifico prodotto. L’atteggiamento delle tre donne non è passato inosservato agli addetti, che hanno cercato di seguire con lo sguardo i loro movimenti per alcuni minuti. Solo un quarto d’ora dopo, le tre donne, con aria indifferente, si sono allontanate dal supermercato attraverso l’uscita per i clienti senza acquisti, che peraltro non ha rilevato il passaggio di dispositivi antitaccheggio, salendo su un’utilitaria grigia parcheggiata poco lontano. Sospettando che qualcosa fosse però successo, gli addetti al supermercato hanno effettuato una immediata verifica dei banchi poco prima osservati dalle complici, riscontrando l’effettiva mancanza di alcuni prodotti alimentari non di prima necessità. Immediatamente, il responsabile alle vendite dell’esercizio commerciale ha richiesto l’intervento dei carabinieri di Serravalle, fornendo loro una sommaria descrizione delle sospettate e dell’auto con la quale si erano allontanate. Poco dopo, una pattuglia della Radiomobile ha intercettato e fermato il veicolo sospetto mentre tentava di allontanarsi da Serravalle e proceduto al controllo delle tre, trovandole in possesso di tutta la merce rubata poco prima. Le complici sono state denunciate in stato di libertà per concorso in furto all’Autorità Giudiziaria e proposte per l’irrogazione del foglio di via obbligatorio, mentre la refurtiva, per un valore di un centinaio di euro, è stata interamente recuperata e restituita al legittimo proprietario.

4 – Iper: passeggino con doppiofondo per rubare scarpe griffate, arrestata

Una donna è stata arrestata  ieri dai carabinieri di Treviglio, con l’accusa di furto pluriaggravato. Stava rubando all’Iper di Brembate: scarpe e vestiti griffati per un valore di circa 500 euro. Il trucco? Tanta organizzazione e un passeggino con doppiofondo. La donna, una 46enne sinti domiciliata in provincia di Piacenza, non nuova al taccheggio, stava forse tenendo una sorta di “addestramento”: era infatti insieme a tre minorenni, un 13enne, una 14enne e un 16enne, anch’essi denunciati a piede libero alla Magistratura Minorile. Dopo avere riposto temporaneamente i capi nel cestino per gli acquisiti, i quattro, ognuno con un compito ben specifico, hanno rimosso le relative placche antitaccheggio, nascondendo quindi la refurtiva all’interno di un doppiofondo del passeggino che portavano al seguito. Peccato che le telecamere del negozio abbiano visto tutto e la direzione abbia chiamato i carabinieri. Una pattuglia alla stazione di Brembate è intervenuta sul posto unitamente ad una “gazzella” del Nucleo Radiomobile di Treviglio, rintracciando  i quattro. La 46enne è stata arrestata, in attesa dell’udienza di convalida prevista per  stamani in Tribunale. I tre minorenni sono stati invece, appunto, denunciati alla Procura dei Minori.  La merce è già stata restituita alla proprietà dell’esercizio commerciale.

5 – Il tuffo nella fontana, poi il coma: morto dopo 4 anni

A giugno del 2014 si era tuffato nella fontana di piazzale Alpini. Una bravata per festeggiare la fine della scuola. Ma Abdelmajid Kassoudi aveva battuto la testa gravemente, rimanendo paralizzato. Pochi mesi dopo, a ottobre, mentre era ricoverato al centro di riabilitazione di Mozzo, finì in coma. La causa? Un’iniezione di insulina che lo portò a un’estrema ipoglicemia. Ancora oggi non è stato scoperto il responsabile. Il ragazzo era ricoverato alla casa di riposo Santa Maria Ausiliatrice, ed è morto 20 venti giorni fa. Era in stato vegetativo.

6 – C’è una bergamasca (di Lovere) in finale a Miss Italia

Patrizia Bendotti di Lovere, già Miss Bergamo e Miss Club Amici dell’Atalanta, appassionata di ballo, è stata selezionata tra le 30 ragazze che il 17 settembre a Milano si disputeranno il titolo di Miss Italia 2018, con diretta su La7 condotta da Francesco Facchinetti.

7 – Maltempo, danni per sei milioni tra maggio e giugno a Bergamo

Ammonta a 37 milioni di euro il risarcimento richiesto al Governo da Regione Lombardia per i danni da maltempo dei mesi scorsi. In provincia di Bergamo  sono stati quantificati danni per ben sei milioni euro per gli eventi calamitosi degli scorsi mesi. Diversi sopralluoghi sono stati già compiuti da funzionari regionali e della Protezione civile nazionale nella seconda metà di agosto. Le stime dovranno poi essere approfondite, verificate e validate nel corso dell’istruttoria che la Regione farò a seguito della dichiarazione di stato d’emergenza.

8 - Seriate, apre il cantiere dello skate plaza al centro sportivo

Proseguono al centro sportivo di via Decò Canetta, Seriate, i lavori per la realizzazione dello skate plaza, per un importo complessivo di 167 mila euro. «Lo skate plaza completa l’offerta sportiva del nuovo centro; pensato come una piazza per chi vorrà praticare skate e roller, due sport sempre più diffusi tra giovani ed adulti. Un luogo dunque per le acrobazie all’interno del centro sportivo. Sarà affidato al nuovo gestore che organizzerà corsi e manifestazioni, arricchendo l’offerta sportiva della città», dichiara il sindaco Cristian Vezzoli.

 

5 SETTEMBRE

 

1 – Taser anche alla Polizia locale. Fontana: «Venga coinvolta Bergamo»

In 12 città italiane (Milano, Napoli, Torino, Bologna, Firenze, Palermo, Genova, Catania, Padova, Caserta, Reggio Emilia, Brindisi), è partita la sperimentazione di tre mesi per l’uso del taser. L’assessore alla Sicurezza della Regione Lombardia Riccardo De Corato, che ha anche la delega alla Polizia locale, chiede che ne vengano dotati gli agenti della Polizia locale di tutti i Comuni lombardi. E Gregorio Fontana, deputato bergamasco di Forza Italia e membro della Commissione Difesa, vuole che il taser arrivi anche a Bergamo.

2 – Sopralluogo a Zingonia, Bolognini: «A gennaio inizia l’abbattimento»

Comincerà a gennaio l’abbattimento delle torri di Zingonia e, nel frattempo, sono già stati sistemati quasi tutti gli ex residenti. Questi i principali esiti del sopralluogo che l’assessore alle Politiche sociali, abitative e disabilità della Regione Lombardia, Stefano Bolognini, ha effettuato questa mattina a Zingonia.  Lo hanno accompagnato i sindaci di Ciserano, Enea Bagini e di Verdellino, Silvano Zanoli e il comandante della stazione dei carabinieri di Zingonia Gerardo Tucci.

3 - Quattro bergamaschi ai Campionati Mondiali Giovani Cavalli

Sono bergamaschi ben 4 dei 19 cavalieri che rappresenteranno l’Italia al Campionato Mondiale Giovani Cavalli che si svolgerà a Lanaken (Belgio) dal 13 al 16 settembre. Si tratta dell’evento più importante dedicato ai cavalli fino ai 7 anni di età nel Salto Ostacoli, a cui parteciperanno i 540 migliori talenti dell’equitazione mondiale, selezionati dalle federazioni equestri di 45 nazioni. Questi i binomi impegnati in gara: nella categoria 5 anni Mario Rota con Fata Morgana di Villagana e Davide Fenili con Impressive Gln; nella categoria 6 anni Daniele Cuva con Hooligan B e nella 7 anni Giovanni Lucchetti con Franc Parler Dew-Drop.

4 - Per non prendere una multa si finge medico: denunciato

Domenica pomeriggio una pattuglia della Polizia locale di Romano stava svolgendo un’operazione di controllo nel centro di Cividate quando è comparsa una Mercedes il cui conducente guidava senza aver allacciato la cintura di sicurezza. Immediatamente gli agenti hanno fermato l’auto e chiesto i documenti al conducente per compilare il verbale della sanzione prevista. Il conducente alla vista del verbale si è però giustificato. «Sono un medico – ha detto agli agenti – sto andando da un paziente per un’emergenza, è in fin di vita, per la fretta non ho legato la cintura, lasciatemi andare, altrimenti accadrà l’inevitabile e voi ne sarete responsabili». Gli agenti però si sono insospettiti e dopo aver compilato il verbale e preso i documenti hanno lasciato andare l’automobilista. Una volta rientrati hanno effettuato i controlli e il conducente è risultato essere F.A., un rappresentante di saponi, italiano di 48 anni, residente in un Comune della Val Seriana. Per lui ora è scattata la denuncia per scambio di persona e per aver fornito false generalità.

5 – Evasione fiscale a Treviglio, sequestrati beni per 2,5 milioni

Le Fiamme gialle di Treviglio hanno operato ieri un sequestro preventivo di beni per circa due milioni e mezzo di euro nei confronti di due società della zona, ritenute responsabili di aver evaso cifre a sei zeri di tasse. Non è ancora noto di che aziende si tratti. Si sa che hanno entrambe sede nella Bassa e che operano nel settore della plastica. In particolare, avrebbero evaso Iva, ma anche importanti cifre di Irpef che le due società avrebbero dovuto versare per conto dei propri dipendenti. Il sequestro copre completamente le somme dovute dalle due aziende, che risultano amministrate dallo stesso imprenditore che è stato denunciato alla Procura. Il provvedimento è stato emesso al culmine degli accertamenti condotti dai finanzieri di Treviglio, nell’ambito di una verifica fiscale.

6 – Bambino in pericolo di vita: l’aeronautica militare lo porta a Bergamo

L’aeronautica militare ha effettuato un trasporto sanitario urgente con Falcon 900 da Catania a Bergamo in favore di un bambino 10 anni in imminente pericolo di vita. Per questo tipo di missioni, che richiedono tempi di reazione rapidissimi, - l’aeronautica militare mantiene assetti ed equipaggi in stato di prontezza operativa, a disposizione dei cittadini ogni singolo giorno dell’anno, 24 ore su 24.

7 – Cinquantamila presenze d’estate alle piscine Italcementi

È stata una buona estate per le piscine Italcementi, con oltre 50mila presenze – nonostante l’agguerrita concorrenza delle strutture in provincia - e un incasso totale di 320 mila euro. Però la struttura da tempo necessita una riqualificazione, e la cifra necessaria è enorme, rispetto al fatturato annuo: servono 12-13 milioni, infatti. Il bando per la ricerca di un privato interessato sarà pubblicata entro fine anno.

8 - Ribaltamento sulla Francesca, due feriti

Brutto incidente questa notte sulla Francesca di Ciserano, a poche decine di metri da piazza Missile e dall’incrocio con Corso Europa. Ancora da appurare le cause del ribaltamento del mezzo su cui viaggiavano due uomini di 37 e 55 anni. Le loro condizioni sembravano serie: i soccorritori si sono mossi in codice rosso, per poi abbassare il livello dell’emergenza a verde. Entrambi sono stati portati in ospedale, al Papa Giovanni XXIII di Bergamo.

 

4 SETTEMBRE

 

1 – Annega in Versilia per un malore. Morta oggi una 69enne di Romano

Una 69enne bergamasca, C.D., di Romano di Lombardia, volontaria della Caritas e mamma di un figlio, è morta a Tonfano di Marina di Pietrasanta mentre si stava concedendo un bagno in mare durante la sua vacanza con il marito. Un malore sarebbe stata la causa dell’annegamento. I bagnini hanno prestato subito soccorso, assieme a dei medici presenti in spiaggia fino all'arrivo dei sanitari inviati dal 118. Purtroppo le manovre di rianimazione effettuate anche con il defibrillatore non hanno avuto successo. La salma è ora a disposizione dei familiari per i funerali.

2 – Addio al cuoco investito a Lallio. In migliaia al funerale di Giovanni

Mentre il padre lotta è ancora al Papa Giovanni in prognosi riservata e – sedato - non sa cosa è successo al figlio, Giovanni Scanzi se n’è andato: i due sono stati investiti sabato mattina a Lallio. Oggi a San Gallo, frazione di San Giovanni Bianco, migliaia di persone hanno dato l’ultimo saluto al 24enne, cuoco al Bù Cheese Bar di Bergamo. Le auto sono state parcheggiate fino alla frazione di San Pietro d’Orzio e il campo sportivo del borgo è stato adibito a parcheggio.

3 – Quaranta agenti di Polizia in più da febbraio in provincia

Quaranta agenti di Polizia in più da febbraio nella Bergamasca. Ad annunciarlo con soddisfazione sono stati i parlamentari leghisti Roberto Calderoli, Simona Pergreffi, Daniele Belotti, Cristian Invernizzi, Tony Iwobi, Alberto Ribolla, Daisy Pirovano e Rebecca Frassini, che avevano fatto propria la sollecitazione avanzata da alcuni sindaci. «Abbiamo avuto conferma che entro febbraio arriveranno a Bergamo ben 40 agenti di polizia che andranno finalmente ad integrare la pianta organica delle forze dell’ordine in servizio nella nostra provincia – hanno dichiarato – Da settimane stiamo lavorando affinché nella ridefinizione delle nuove piante organiche delle questure italiane, la nostra provincia abbia un adeguato rinforzo, visto che in base alle dotazioni in vigore oggi, che risalgono al 1989, Bergamo risulta la realtà con il minor numero di agenti in rapporto alla popolazione».

4 – Bergamo diventa smart city: coinvolti 7 quartieri periferici

Bergamo diventa una smar tcity e sceglie A2A smart city spa per il progetto della realizzazione di 7 piazze smart e per il completamento della copertura wifi cittadina. L’importante intervento riguarda la realizzazione di 7 piazze smart nei quartieri periferici: Celadina, Boccaleone, Malpensata, Grumello al Piano, Campagnola, Colognola e Carnovali. Le piazze digitali saranno zone a disposizione dei cittadini in cui verranno installate panchine con punti di ricarica dispositivi, cestini intelligenti, sensori di innaffio, sensori ambientali, totem interattivi.

5 – La pm Ruggeri a cena con Salvini. Il caso domenica alla Bèrghem Fest

Un retroscena davvero interessante quello portato alla luce del Corriere della Sera Bergamo: domenica sera alla BèrgheFest di Alzano, con ospite d’onore Matteo Salvini, c’era anche la pm Letizia Ruggeri, che ha sostenuto l’accusa nel processo sull’omicidio di Yara Gambirasio. Non solo: dopo l’intervento del ministro leghista, ci ha cenato insieme. «È stato un incontro privato, a titolo puramente personale», ha spiegato la Ruggeri. Che ci tiene a dire al cronista del quotidiano che «non siamo tutti di sinistra». Notare che in serata Salvini è tornato ad attaccare la magistratura. A partire dal pm di Agrigento, Luigi Patronaggio, che l’ha indagato per sequestro di persona dopo il caso della nave Diciotti.

6 - Aggressione con mannaia da 40 cm. Fermato, verrà espulso dall’Italia

A pochi giorni dal sequestro di droga di Verdellino e dall’espulsione alla frontiera aeroportuale di Milano-Malpensa di un magrebino pericoloso, ieri sera i carabinieri della Compagnia di Treviglio hanno effettuato un altro intervento nell’area sensibile di Zingonia e precisamente nei noti palazzoni del degrado “Anna” di Ciserano. Qui i militari hanno rintracciato un marocchino 28enne, pregiudicato e clandestino sul territorio nazionale. Lo straniero è stato fermato mentre stava colpendo violentemente un proprio connazionale con una mannaia di circa 40 cm, di cui 25 di lama. Probabilmente lo scontro tra extracomunitari, come già verificato più volte in passato, è legato al controllo dello spaccio di droga “su piazza”. Fortunatamente la vittima dell’aggressione ha riportato soltanto ferite superficiali. Fermato il 28enne, i militari dell’Arma, con non poca fatica e l’intervento del “118”, sono riusciti a bloccarlo e a sedarlo. A suo carico pendeva un ordine di espulsione emesso dal Questore di Milano da eseguire. A questo punto, per esigenze di ordine e sicurezza pubblica, i carabinieri hanno pianificato il trattenimento coattivo del marocchino clandestino che in giornata verrà accompagnato presso il Cie di Torino (Centro di identificazione ed espulsione), in attesa di essere rimpatriato nel proprio paese di origine.

7 – Incidente sull’asse a Bonate Sopra: traffico bloccato

Gravi ripercussioni sul traffico stamattina dalle 7 e mezza in poi a Bonate Sopra, sull’asse interurbano in direzione Bergamo, a causa di uno scontro con più veicoli. Ci sarebbero cinque persone coinvolte. Sul posto due ambulanze e le squadre dei vigili del fuoco.

8 – Dopo 35 anni ha chiuso la Gastronomia Bettoni

Le saracinesche sono abbassate da qualche giorno e in quei locali, all’incrocio tra via Zambonate e via Quarenghi, arriverà presto un fruttivendolo. La Gastronomia Bettoni chiude dopo 35 anni. Le parole d’addio, «ringraziamo tutti i nostri amici, clienti e fornitori augurando ogni bene», sono già state tolte.  Celestina Bettoni, 70 anni, è andata in pensione: i suoi due figli si occupano di altro e non possono portare avanti l’attività. Così lei farà «solo» la nonna di ben sei nipoti.

9 – Tenaris, investito da 30 milioni di euro a Dalmine

Lo scorso 3 settembre Tenaris Dalmine ha ufficialmente inaugurato il nuovo Trt2, l'impianto di trattamento termico (ovvero che migliora le caratteristiche meccaniche) dei tubi di medio e grande diametro. Si tratta di un investimento molto significativo, di un importo pari a quasi 30 milioni di dollari, realizzato in 12 mesi con il coinvolgimento di varie aziende del territorio bergamasco. Attraverso il nuovo impianto Tenaris Dalmine potrà trattare una maggiore quantità di tubi, con diametri superiori a quelli attuali arrivando fino a 711 mm di diametro e 40 mm di spessore. Inoltre verrà ulteriormente migliorata la  loro qualità, anche grazie ai nuovi impianti di sabbiatura e molatura e nastratura, anch’essi parte del nuovo investimento. Ma, come ha sottolineato Michele della Briotta, presidente di Tenaris Europa, «ciò che ci fa più piacere evidenziare è che il nuovo investimento ci consente di migliorare ulteriormente la sicurezza con cui svolgiamo tutte le operazioni nell’impianto e di ridurre considerevolmente i consumi energetici, con un positivo beneficio ambientale». «Questo investimento - ha aggiunto Della Briotta -rappresenta la conferma dell'impegno continuo ad investire nei miglioramenti dei processi e nell’espansione delle attività produttive, uno dei valori fondanti di Tenaris».

 

3 SETTEMBRE

 

1 – Boato a Verdello, operaio ustionato durante il lavaggio di una cisterna

Un 37enne marocchino di Martinengo, dipendente del distributore di benzina e autolavaggio Zeni, è rimasto ferito durante il lavaggio di un camion cisterna che trasportava resina. L’operaio era salito sopra la cisterna e dopo aver aperto il boccaporto ha inserito il braccio per rilasciare, con ogni probabilità, le sostanze per effettuare la pulizia. Proprio queste, a contatto con i residui di resina rimasti nella cisterna, potrebbero aver causato la forte fiammata. I presenti hanno udito come un boato e poi la fiammata ha investito il braccio e il viso del 37enne che, spaventato, è sceso subito dalla cisterna con i chiari segni dell’ustione sul corpo. A raccontarlo è stato il trasportatore della cisterna, residente a Offanengo e dipendente di un’azienda di Gallarate. Sul posto sono presenti i Vigili del fuoco di Bergamo e Dalmine, che hanno messo in sicurezza l’area anche se al loro arrivo le fiamme erano già state estinte grazie ai sistemi di sicurezza subito attivati. Sul posto anche la Polizia locale e i carabinieri di Verdello che stanno ricostruendo l’accaduto. Il 37enne è stato trasportato in ospedale a Bergamo in codice rosso. Le sue condizioni sarebbero gravi.

2 – Aggressione a Ciserano, ferito un ragazzo di 19 anni

Aggressione a Ciserano, c’è un ferito, un 19enne, che però non avrebbe subito conseguenze gravi. È successo in Corso Europa 11 a Ciserano e qualcuno ha chiamato i soccorsi. Intervento di un’ambulanza della Croce rossa di Urgnano in codice rosso (ma poi in ospedale ha avuto un semplice codice verde). Sul posto anche le forze dell’ordine.

3 – SuperEnalotto, ad Aarcene sfiorato il Jackpot: un 5 da 7mila euro

Jackpot solo sfiorato al SuperEnalotto per due giocatori di Dairago (Milano, Bar Centrale in via XXV Aprile 55) e Arcene (Bergamo, Confu Bar in Corso Europa 2), ma entrambi si aggiudicano una vincita da 7mila euro a testa con il 5. Il Jackpot nel frattempo ha raggiunto i 34 milioni di euro. L’ultima sestina vincente è stata centrata lo scorso 23 giugno, con un sistema che ha distribuito 51,3 milioni di euro in tutta Italia, mentre in Lombardia il 6 manca da giugno 2013, con 40,7 milioni vinti a Milano.

4 - Esulta perché negativa all’alcoltest. Ma aveva sniffato: via la patente

Curiosità emersa dai controlli effettuati dalla polizia stradale a Dalmine, attraverso un posto di blocco lungo l’ex statale 525. All’«alt», venerdì notte, una marocchina di 47 anni, di Pontirolo Nuovo, si è fermata regolarmente. Viene sottoposta all’alcoltest e risulta negativa. Peccato che la sua esultanza decisamente fuoriluogo – con tanto di bacio sul braccio del medico che ha effettuato il test - convinca gli agenti ad approfondire la sua situazione. Con gli accertamenti sulla droga. Si è scoperto, come ha raccontato il Corriere della Sera Bergamo, che si era messa al volante dopo avere assunto cocaina. Via la patente e denuncia all’orizzonte. In casi come questo, sono previsti una multa tra i 1.500 e i 6.000 euro, l’arresto da 6 mesi a un anno e il ritiro della patente da uno a due anni.

5 – Yacht Paolucci a Percassi, che lo restaura e lo vende

Un anno fa l’imprenditore Antonio Percassi, insieme ad alcuni soci, ha acquistato all’asta lo yacht Paolucci. Un modello inimitabile della nautica italiana, costruito nel 1970 a Viareggio, interamente di mogano. Nato come nave militare o ambulanza veloce per la Marina e in seguito “vettura” di rappresentanza dei presidenti della Repubblica Italiana, nel 2006 è stato acquistato da un privato, che l’ha restaurato. È stato messo recentemente all’asta, e il presidente dell’Atalanta l’ha comprato per rimetterlo nuovamente in sesto e vendita. Nuovi affari, dunque, niente lusso sfrenato da ostentazione.

6 – Arrestati un tunisino e un italiano nei palazzoni di Zingonia

Proseguono senza soluzione di continuità i controlli anticrimine dei carabinieri della Compagnia di Treviglio nell’area sensibile di Zingonia. Stanotte, i militari dell’Arma hanno in particolare arrestato un tunisino 22enne ed un italiano 26enne dopo aver ingaggiato con loro un inseguimento ad alta velocità da Ciserano a Osio Sopra lungo la statale 525. I carabinieri hanno rintracciato un’utilitaria con a bordo due soggetti nei pressi dei palazzoni Anna di via Bologna mentre stavano per effettuare una compravendita di sostanze stupefacenti con dei nordafricani presenti in quel momento nella zona. Alla vista dei carabinieri, il mezzo in questione è ripartito velocemente, ingaggiando così un rocambolesco inseguimento a oltre 100 km orari sino a Osio Sopra. Oltre alla “gazzella” del 112 si sono inseriti nell’inseguimento anche una pattuglia dei carabinieri della stazione di Fara Gera d’Adda e di Dalmine. Abbandonato il veicolo in mezzo alla strada, i due occupanti hanno poi tentato una disperata fuga a piedi, prima di essere ammanettati e quindi arrestati in flagranza di reato per concorso di persone in resistenza a pubblico ufficiale. Nei confronti del tunisino è scattata inoltre anche la contestazione per evasione, essendo difatti evaso dalla detenzione domiciliare per i suoi precedenti per reato contro il patrimonio.

7 – Incidente stradale domenica sulla Rivoltana, cinque feriti

È di cinque feriti, tra cui un bimbo piccolo, il bilancio dell’incidente stradale avvenuto ieri alle 17.20 a Calvenzano in prossimità della rotatoria della Provinciale Rivoltana. A scontrarsi, per una mancata precedenza, due utilitarie. Una carambola tra una Peugeot 307 e una Hyundai Atos Prime, con la seconda che si è ribaltata finendo la sua corsa nello spartitraffico della sp 136 in direzione Vailate. i feriti, fortunatamente non in modo grave, i sanitari hanno prestato le prime cure sul posto prima di trasferirli con tra ambulanze agli ospedali di Treviglio e Verdellino.

8 - Riparte oggi l'attività dei nidi del Comune di Bergamo

Ripartono oggi, dopo la tradizionale pausa estiva, le attività nei nidi comunali di Bergamo: da quest’anno saranno 540 i posti a disposizione nelle strutture del Comune, grazie agli ampliamenti e alle nuove attivazioni (basti pensare al nido convenzionato di Redona all’ex Filati Lastex) avvenute quest’anno. Diverse le novità realizzate durante l’estate 2018: la principale è la realizzazione dei due primi poli per l’infanzia pubblici della città di Bergamo. Grazie al finanziamento nazionale nel piano 0-6 sono state infatti realizzate due nuove sezioni dei nidi all’interno delle scuole dell’infanzia di via Meucci e via Fornoni: spazi riorganizzati, lavori edilizi per renderli fruibili e funzionali e nuovi arredi vengono ultimati proprio in questi giorni, in vista dell’apertura del servizio il prossimo 10 settembre. Infine, il Comune ha aderito anche quest’anno all’iniziativa Nidi Gratis, l’azzeramento della retta di frequenza a carico delle famiglie negli asili e micronidi. È il frutto della scelta che consegue al rimborso che numerosi Comuni lombardi, tra cui Bergamo, ricevono dalla Regione Lombardia e va a vantaggio delle famiglie che abbiano i requisiti previsti dalla Regione Lombardia, che non dovranno quindi effettuare alcun pagamento.