Eventi
Notizie su Bergamo e provincia

Notizie su Bergamo e provincia (25-30 luglio 2016)

Notizie su Bergamo e provincia (25-30 luglio 2016)
Eventi 30 Luglio 2016 ore 09:00

30 LUGLIO

 

1 - Orobie Ultra Trail, è Oliviero Bosatelli da Gandino il vincitore, con un tempo di 24 ore e 8 minuti

La seconda edizione dell'Orobie Ultra Trail, la massacrante corsa in montagna di 140 km con un dislivello positivo di 9.500 metri, ha un vincitore. Il primo a tagliare il traguardo situato in Città Alta sabato 30 luglio è stato Oliviero Bosatelli, corridore di Gandino della Valetudo Skyrunning Italia e che ha battuto tutti gli avversari con l'incredibile tempo di 24 ore e 8 minuti. Già dopo 10 chilometri, Bosatelli è passato al comando del gruppo e ha dunque deciso di non dormire per difendere il vantaggio accumulato. Una scelta che gli è valsa la vittoria. Alle sue spalle un altro bergamasco, Guido Caldara di Albino, che ha chiuso in 25 ore e 20 minuti. In terza posizione, invece, Andrea Macchi da Gavirate (Varese), con il tempo di 25 ore e 43 minuti. Bosatelli l'anno scorso era arrivato secondo. La mattina di sabato 30 luglio, sono invece partiti da Carona, alle 10, i concorrenti della 70 km (4.200 metri di dislivello positivo), cioè il Gran Trail Orobie, che vanta quest'anno 723 iscritti e ha l'arrivo sempre in Città Alta. Tempo limite di percorrenza 24 ore.

2 - A Bonate Sotto due giovani tra i 22 e i 28 anni possono avere una casa in cambio soltanto di un po' di volontariato

Una bella iniziativa del Comune di Bonate Sotto e della parrocchia, che mettono a disposizione un'abitazione a due giovani tra i 22 e i 28 anni in cambio soltanto di un po’ di lavoro e di un piccolo contributo economico. Si parla di 10 o 12 ore di volontariato e di 80 euro al mese per sistemarsi in un appartamento messo a disposizione della parrocchia. L'iniziativa si chiama "Di casa in casa" ed è stata pensata per affrontare il problema dei giovani che per vari motivi non riescono a costruirsi una propria vita indipendente da quella di mamma e papà. I colloqui sono previsti per il 4 settembre.

3 - Busker Festival a Sarnico, è già un successo: venerdì superate le 10mila presenze

Manca ancora un giorno e mezzo alla fine dell'edizione 2016 del Busker Festival di Sarnico, l'evento che porta per le strade della cittadina del Sebino 38 compagnie di artisti di strada per un totale di circa 70 spettacoli, ma si può già parlare di grande successo. Soltanto nella giornata di venerdì 29 luglio, infatti, sono state addirittura 10mila le persone riversatesi sul lungolago per l'iniziativa. Stasera, invece, l'evento sconfinerà anche a Paratico, sulla costa bresciana del lago, dove si terranno alcuni spettacoli. Domenica 31 luglio, invece, la giornata finale del Busker Festival si aprirà con l’attesa Battaglia dei Cuscini portata in scena dalla Compagnia Melarancio di Cuneo e in programma dalle 10.30 in piazza XX Settembre a Sarnico.

4 - Sorisole, tentano rapina alla filiale del Credito Bergamasco ma due dipendenti reagiscono. Uno è rimasto ferito

Paura nel pomeriggio di venerdì 29 luglio a Sorisole, precisamente presso la filiale locale del Credito Bergamasco. Alle 16 circa, due delinquenti sulla quarantina (un uomo e una donna), a volto scoperto, hanno fatto irruzione in banca armati di taglierino. Inaspettatamente, però, due dipendenti della filiale hanno reagito: ne è nata una colluttazione nella quale uno degli impiegati è rimasto ferito a un dito. Impauriti, i delinquenti hanno così deciso di fuggire. Nonostante l'immediato intervento delle forze dell'ordine, i due sono riusciti a fuggire e a far perdere le loro tracce. Si ipotizza che con loro ci fosse un complice, che li ha attesi all'esterno della banca per aiutarli poi a scappare. Sul posto anche il personale del 118, che ha prestato le prime cure all'impiegato ferito.

5 - Il Gruppo Vitali regalerà alla città la sistemazione della barchessa di destra dell’Accademia Carrara

Una bella notizia per Bergamo: il Gruppo Vitali Spa regalerà alla città la sistemazione della barchessa di destra dell’Accademia Carrara. Grazie a questo dono, sarà finalmente completato il recupero della pinacoteca di Bergamo, riaperta il 23 aprile 2015 dopo un lunghissimo intervento di restauro. Nello specifico, il Gruppo Vitali ha offerto alla Fondazione Carrara e al Comune, che è proprietario dell’immobile, la possibilità di rimettere a nuovo la barchessa di destra. Si tratta tecnicamente di una sponsorizzazione. L’offerta è stata trasmessa nei giorni scorsi alla Fondazione, che ha approvato e che ora avrà il compito di trasmettere al Comune di Bergamo il progetto, che dovrà essere approvato e trasmesso alla Soprintendenza per il parere definitivo. La conclusione dei lavori è stimata entro la primavera 2017. Nelle intenzioni della direttrice Emanuela Daffra, la barchessa di destra ospiterà esposizioni temporanee, ma anche conferenze e riunioni con una capienza fino a 100 persone. Al piano terra sono previste sale di rappresentanza o per piccole esposizioni, potrà esservi collocata la sede stessa della Fondazione, ma anche spazi per l’acclimatamento delle opere in prestito. Al primo piano lo spazio espositivo vero e proprio.

6 - Lovere, 50enne morto dopo aver bevuto del popper

Dopo diverse ore di agonia, un uomo di 50 anni, operaio residente in Val Camonica, è morto in ospedale dopo il ricovero avvenuto la sera di mercoledì 27 luglio. A causare il decesso l'ingestione di una boccetta di popper, droga che andrebbe inalata e non ingerita. L’uomo, secondo la ricostruzione dei fatti, si trovava sul lungolago di Lovere in compagnia di due amici, un 30enne bresciano e un 40enne bergamasco. Sembra che il 50enne abbia ingerito il popper anziché inalarlo. Gli amici lo hanno subito accompagnato in ospedale, ma in poche ore le sue condizioni sono peggiorate, fino alla tragica morte. I due amici della vittima sono stati iscritti nel registro degli indagati per morte in conseguenza di altro reato. La magistratura, nel frattempo, ha disposto l’autopsia.

7 - Parla il legale del siriano arrestato a Orio e accusato di terrorismo: «L'Italia non ha motivo di processarlo»

Vittorio Platì è l’avvocato che assiste Alali Alhussein Ahmad, alias Arhad Faowaz, cioè il siriano di 31 anni fermato nel novembre de 2015 all’aeroporto di Orio al Serio e accusato di terrorismo internazionale dopo essere stato trovato in possesso di foto compromettenti sul cellulare. Secondo il pm di Brescia Silvia Bonardi, Alali avrebbe partecipato «all’organizzazione terroristica internazionale denominata Isis allo scopo di commettere atti di violenza con finalità di terrorismo all’interno dell’Unione Europea, laddove, più precisamente, facendo parte del corpo di polizia stradale dell’autoproclamato Stato Islamico, si portava mediante passaporto contraffatto, clandestinamente, sul territorio dello Stato italiano per poi da qui raggiungere Malta, verosimile luogo di smistamento verso ulteriori destinazioni comunitarie». Ma secondo Patì, l'Italia non avrebbe motivo di processare il suo assistito: «Secondo la Procura il reato sarebbe stato commesso in Siria: dove sta la competenza italiana? Nel nostro Stato il mio assistito non ha compiuto azioni terroristiche». Per questo motivo la difesa ha annunciato che proporrà la questione della competenza territoriale e che, comunque, se il procedimento dovesse andare avanti chiederà che il 31enne siriano venga giudicato in abbreviato. Intanto la prima udienza preliminare del processo, andata in scena il 29 luglio, s'è imbattuta in una questione burocratica: il giudice Cesare Bonamartini s'è visto costretto a rinviare l'udienza al 17 ottobre perché la richiesta di rinvio a giudizio non risultava essere stata fornita all’interessato con traduzione in arabo.

8 - L'allarme della Caritas: negare il permesso di soggiorno ai profughi peggiora la situazione

Quello di don Claudio Visconti, direttore della Caritas Diocesana, è un appello rivolto direttamente alle istituzioni e teso a rivedere i meccanismi di erogazione dei permessi di soggiorno ai profughi. Il prete ha dichiarato a L'Eco di Bergamo: «L’accoglienza richiede tanto impegno da parte degli operatori e dei numerosi volontari, ma il rischio è che questo prezioso lavoro, spesso sotto traccia e invisibile, venga disperso. Questo lavoro si scontra con la fatica a cui gli operatori devono far fronte nel momento in cui il 70-80-90 percento dei permessi di soggiorno vengono diniegati. Questo fa decadere tutto il lavoro improntato alla relazione e alla cura della persona: chi deve legiferare è bene che tenga conto di questo, per evitare di “bruciare” il lavoro relazionale che gli operatori hanno fatto in questi anni. Quando arriva un diniego queste persone diventano infatti irregolari (con tutti i rischi che ne conseguono) e non possiamo lasciarle in mezzo ad una strada: o si ampliano le modalità di accesso ai permessi di soggiorno, oppure bisogna pensare a rimpatri assistiti. Lo Stato deve dunque prendere in mano la questione». Come riporta L'Eco, stando ai numeri sono attualmente 1.817 i profughi nella Bergamasca; nell’ultimo periodo (dall’11 aprile al 20 luglio) ne sono stati convocati in Prefettura 282. Di questi, solo 10 hanno ottenuto lo status, 7 hanno potuto beneficiare della protezione umanitaria e 6 di quella sussidiaria, mentre ben 195 sono stati respinti e i restanti rientrano tra sospesi, irreperibili, da riconvocare per mancanza di interprete o allontanati volontariamente dalle strutture.

9 - Calcio, badante reclama gli arretrati e un 47enne la minaccia con un fucile

Poteva avere conseguenze drammatiche il litigio scoppiato la sera di mercoledì 27 luglio, alle 22 circa, all’esterno di una palazzinina di via Umberto I, a Calcio. Tutto è iniziato quando una donna della Sierra Leone, accompagnata da un cugino, ha raggiunto l’appartamento di due anziani coniugi, reclamando dalla figlia dei due il pagamento degli ultimi sei mesi del suo lavoro di badante al servizio dei genitori. I toni della discussione si sono ben presto alzati e la figlia dei pensionati, allarmata, ha chiamato con il suo cellulare il marito. L’uomo, un operaio di 47 anni, incensurato, ha raggiunto velocemente la moglie e, quando è sceso dalla vettura, ha imbracciato un fucile senza colpo in canna ma con quattro proiettili inseriti nel caricatore. Il 47enne si è avvicinato con fare minaccioso all’extracomunitaria e ha puntato l’arma contro di lei e il cugino. Quest’ultimo non si è però fatto intimorire e si è avventato contro l’operaio. Durante la colluttazione, il fucile è caduto a terra ed è stato preso e nascosto in un campo circostante dal figlio del 47enne, che in questo modo ha voluto evitare guai peggiori al genitore. Nel frattempo sul posto sono giunti i carabinieri di Treviglio, allertati dalla moglie dell’operario, che hanno arrestato il 47enne per minacce e porto illegale di arma in luogo pubblico. Durante il processo per direttissima tenutosi il 29 luglio al tribunale di Bergamo, l'uomo ha dichiarato: «Non volevo sparare a nessuno. Volevo solo spaventare la badante e suo cugino, che erano molto aggressivi con mia moglie. Non è stata pagata per il suo lavoro perché eravamo d’accordo che era in prova per sei mesi. Comunque era nostra intenzione non avvalerci più del suo aiuto, in quanto lasciava per troppo tempo soli i miei suoceri, che sono anziani e necessitano di aiuto». Il processo è stato rinviato alla mattina di sabato 30 luglio.

10 - Bergamo WiFi, si cercano sponsor per ampliarsi ulteriormente

Bergamo WiFi cerca sponsor per ampliarsi ulteriormente nei quartieri e nei luoghi pubblici di Bergamo. La Giunta Gori ha approvato l’iter per il bando che consentirà a privati di legare il proprio brand al servizio di connettività gratuita cittadino. Di diventare, quindi, sponsor dell'iniziativa. L’assessore all’Innovazione Giacomo Angeloni spiega: «Si tratta di un’iniziativa pensata per espandere ulteriormente un servizio che in un anno è stato capace di registrare oltre 108mila utenti, con una media di 7.500 accessi al giorno, ed espandersi nei quartieri. Il bando è finalizzato alla ricerca di risorse finanziarie necessarie all’estensione del servizio al Sistema Bibliotecario Urbano, ai centri socio culturali, ai centri di aggregazione giovanile (compresi Polaresco ed Edonè), all’Orto Botanico, a Casa Suardi e all’Urban Center. Gli eventuali sponsor avranno la possibilità di pubblicizzare il proprio logo o marchio sullo spazio pubblicitario di uno o più percorsi della rete di connettività ad internet Bergamo WiFi. Non è escluso, inoltre, l'invio di una sorta di messaggio pubblicitario a favore dello sponsor a tutti i dispositivi mobile collegati alle eventuali reti installate. Angeloni dichiara: «Il servizio è molto amato dai nostri concittadini e il messaggio promozionale non sarà invasivo. Comparirà solo una volta al giorno sul dispositivo degli utenti. Bergamo continua a fare passi in avanti per diventare una vera smart city europea».

 

29 LUGLIO

 

1 - Coma etilico a 17 anni al Setai di Orio. Sciolta la prognosi, ma resta grave

Aveva nel sangue un tasso alcolemico superiore ai 3 grammi per litro. Per dare l'idea, oltre 0,50 viene ritirata la patente. Però lei non stava guidando: 17 anni, seduta a un tavolo con una quindicina di amici coetanei al Setai di Orio, all’improvviso si è accasciata a terra. Ha peso i sensi. Immediato il ricovero al Bolognini di Seriate, da dove è stata poi trasferita in codice rosso al policlinico di Ponte San Pietro per coma etilico. La studentessa abita in un paese della Bassa occidentale e frequenta un liceo cittadino. Secondo gli amici aveva bevuto al massimo un paio di cocktail. Ma quel tasso alcolemico fa pensare a maggiori dosi di alcol ingerite. Secondo le ultime informazioni fornite dai medici, la giovane è uscita dal coma, ma le sue condizioni restano gravi. Gli esiti degli altri esami effettuati hanno escluso la presenza nel suo corpo di altre sostanze.

2 - Il Comune annuncia, entro fine anno, 725 nuovi alberi in città

Giovedì 28 luglio, la Giunta del Comune di Bergamo ha deliberato la piantumazione, entro la fine dell'anno, di ben 725 nuovi alberi nei confini cittadini. 500 saranno piantati lungo i viali della città, circa 120 nel nuovo parco della Malpensata e i restanti nei quartieri di Longuelo e Grumello al Piano. La spesa complessiva dell'operazione ammonterà a circa 150mila euro. Ad annunciare pubblicamente la decisione è stata l'assessore all'Ambiente Leyla Ciagà, che ha anche precisato: «Gli alberi che saranno piantati saranno scelti tra le specie conosciute come “antismog”, ovvero quelle che trattengono sulle proprie foglie buone quantità di polveri sottili e in grado di metabolizzare importanti quantità di anidride carbonica: un tentativo di riequilibrio del microclima urbano attraverso un primo rafforzamento del patrimonio arboreo, mettendo a dimora biancospini, ippocastani, tigli, platani, frassini e tanto altro».

3 - Il Comune ha perso il bando per il finanziamento regionale per la realizzazione di piste ciclabili

Il Comune di Bergamo è il primo degli enti locali esclusi nella classifica dei finanziamenti regionali concessi a progetti legati a piste ciclabili. Una brutta notizia per Palazzo Frizzoni, ma che non abbatte l'assessore alla Mobilità Stefano Zenoni: «Nella categoria in cui ci siamo candidati sono stati finanziati 8 progetti. Noi siamo noni in classifica, primi degli ammessi non finanziati. Peccato, ovvio. D’altronde ritengo assolutamente utile provare tutti i bandi di interesse, sapendo che la vittoria non è mai certa. Mi piace comunque vedere però il bicchiere mezzo pieno. Innanzitutto va detto che si sono candidate molte città, molti comuni e diversi parchi regionali. Molti di questi soggetti, ovvero decine di progetti, sono stati giudicati inammissibili. Il nostro invece è in classifica, appena fuori dalla “zona UEFA”. È dunque coerente alle finalità del bando, a riprova del buon lavoro degli uffici. L’attività progettuale non è stata vana. Se qualche Comune dei primi 8 dovesse rinunciare o non essere in grado di fare gli interventi nei tempi dettati dalla Regione, o decidesse di ridurre l’importo richiesto, i finanziamenti avanzati verrebbero redistribuiti nel rispetto della classifica degli esclusi, in ordine di arrivo. In più, gli eventuali ribassi di gare, presumibili di questi tempi, saranno anch’essi distribuiti tra gli altri. Inoltre, è possibile che altri bandi vadano a finanziare i Comuni seguendo la classifica redatta in questa occasione. Ergo, non abbiamo ottenuto i fondi subito, ed è un peccato, ma speriamo che possano arrivare tra qualche mese. Da ultimo, lo sforzo progettuale lascia nei nostri uffici uno schema completo per l’asse di ciclabilità Est-Ovest della città, composto da diversi interventi che intendiamo realizzare comunque, anche con altre risorse (oneri, standard, ecc.), anche nel caso in cui dalla Regione, alla fine, dovesse arrivare poco o nulla».

4 - Incontro sindacati-Governi sul caso Italcementi: c'è soddisfazione

Si è tenuto oggi, venerdì 29 luglio, presso gli uffici del ministero dello Sviluppo economico di Roma, l'ennesimo incontro a seguito dell’acquisizione del Gruppo Italcementi da parte dei tedeschi di Heidelberg Cement. Attorno al tavolo erano presenti i vertici di Italcementi, guidati dal nuovo amministratore delegato Roberto Callieri, Andreas Schnurr, responsabile delle risorse umane mondo di Heidelberg Cement, e i rappresentanti delle organizzazioni sindacali e delle istituzioni dei territori coinvolti. E proprio quest'ultimi, attraverso una nota diffusa a fine incontro, si dicono soddisfatti di quanto deciso nell'incontro: «Il rinnovato impegno mostrato dal ministro Calenda e dal governo nella vertenza Italcementi/Heidelberg Cement va nella direzione che auspichiamo da sempre: la priorità è quella di preservare e rilanciare una eccellenza dell’economia italiana, e di garantire la salvaguardia dei posti di lavoro. La prima cosa da fare, adesso, è l’estensione degli ammortizzatori sociali per tutta la durata del Piano industriale, e anche su questo aspetto auspichiamo risposte positive da parte del governo. Pur in presenza di questi segnali positivi da parte del Mise, noi non abbassiamo la guardia - hanno continuato i segretari nazionali Feneal, Filca, Fillea, Fabrizio Pascucci, Salvatore Federico e Marinella Meschieri -, anzi torniamo con forza a ribadire le nostre proposte: mantenere i livelli occupazionali in tutti i siti produttivi così come previsto dagli accordi, aumentare il personale in dotazione alla sede centrale e al Centro di ricerca di prodotto (i.lab), che costituisce un fattore strategico per il gruppo e va rafforzato in Italia, estendere e applicare agli stabilimenti di tutta Italia il Piano sociale già in vigore nella sede di Bergamo, un piano importante ed innovativo, anche perché costituisce un connubio efficace tra il sostegno economico e le politiche attive del lavoro. Insomma, Italcementi confermi i buoni propositi annunciati nel corso dell’incontro e non vanifichi le buone relazioni sindacali intercorse fino a questo momento». Il ministero si è impegnato a riconvocare le parti entro il mese di settembre.

5 - Violazione ambientale: sequestrato cantiere della ciclopedonale in Valle del Lujo

Ieri il Corpo Forestale dello Stato ha messo i sigilli alla ciclopedonale della Valle del Lujo. «Si sarebbero in sostanza riscontrate - scrive L'Eco di Bergamo - delle difformità rispetto al progetto approvato (l’opera è comunale), e delle inadempienze nella gestione di materiali e rocce da scavo. A quanto è stato possibile apprendere, il problema riguarderebbe in particolare dei riporti di materiale non previsti a progetto, e non strettamente funzionali alla pista ciclopedonale. Sembra escluso che siano stati depositati rifiuti pericolosi, e il punto interessato, trovandosi in alto, non causerebbe problemi idraulici rispetto al corso del torrente Lujo».

6 - Aeroporto, volano gli utili. E si discute di fusione con Sea

Il Cda di Sacbo, società di gestione dell'aeroporto di Bergamo, ha analizzato i dati semestrali che indicano un incremento significativo dei passeggeri, nell’ordine del 6,7% rispetto allo scorso anno, con un totale complessivo, da gennaio a giugno 2016, di 5 milioni e 242.919 transiti. Il fatturato è risultato pari a 59,872 milioni (+più 7,4% rispetto al primo semestre 2015), con un risultato corrispettivo di 6,792 milioni, corrispondente a una crescita del 28,5% dell'utile netto. Nel frattempo Gori e Sala, nei giorni scorsi, si sono incontrati per discutere delle ipotesi di fusione tra Sea (società di gestione di Malpensa) e Sacbo. Il punto non è se, ma come fare la fusione e cioè la definizione del peso delle due componenti nella futura società, nonché le strategie industriale. Bergamo vuol continuare a contare.

7 - Schianto tra due auto a Martinengo: cinque feriti, uno grave

Violento incidente ieri mattina a Martinengo. «Poco prima delle sei - scrive Il Giorno -, in via Vallere, tra Martinengo e Palosco, c'è stato uno scontro tra due automobili. Ancora da chiarire la dinamica dello scontro, ma sono rimasti coinvolti cinque uomini: un giovane di 27 anni, uno di 39, un 41enne, un 49enne e un 53enne. Uno di loro è rimasto ferito in modo piuttosto serio, per lui è stato chiamato l’elicottero del 118 che l’ha trasportato agli Ospedali Civili di Brescia».

8 - Aperto un bando da oltre 4 milioni per i servizi a favore di persone disabili

Un bando per co-progettare e realizzare praticamente tutti i servizi comunali a favore di persone disabili a Bergamo: vale oltre 4 milioni di euro, precisamente 4.015.228 euro, il bando per l’assegnazione della co-gestione dei servizi a favore della disabilità del Comune di Bergamo. Una gara aperta da pochi giorni e a cui sarà possibile partecipare fino al 16 settembre: entro il 30 dicembre sarà sottoscritta la convenzione e completata la fase progettuale in sinergia con l’Amministrazione; potrà quindi avere il via l’attività vera e propria, prevista per un triennio a partire dal 1 gennaio 2017. Si tratta di una modalità nuova di realizzazione dei servizi: il Comune cessa di acquistare o erogare semplicemente servizi, ma entra fortemente nella fase progettuale dei servizi stessi, assume un ruolo attivo e si attiva nel reperimento di ulteriori risorse allo scopo di ampliare la gamma dei servizi presenti ed offrire soluzioni progettuali in linea con i bisogni emergenti del territorio presenti e futuri, aggiornando la risposta alle reali necessità dei cittadini fragili nonché coinvolgendo le reti sociali cittadine. Allo stato attuale sono 321 le persone disabili a cui il Comune di Bergamo eroga servizi. Nei prossimi tre anni è previsto un incremento di richieste di 22 persone in situazione di disabilità grave e di 112 persone in situazioni di disabilità meno grave. Attraverso il bando, l’Amministrazione si aspetta di riuscire a dare risposte adeguate a tutte loro.

9 - Hashish e marijuana fuori dall'oratorio, fermato un 57enne

L'olfatto del cane dell'unità cinofila della polizia locale - l'agente Spiry - non ha avuto dubbi. Aveva ragione. Così, ieri verso le 13, un 57enne che sostava nei pressi dell'oratorio di Spirano è stato arrestato per possesso di cinque piante di marijuana, un centinaio di semi e di diverse dosi di hashish. A.M., italiano, è stato deferito in stato di libertà dalla polizia locale. La polizia locale ha avviato le indagini finalizzate ad appurare dei possibili collegamenti con le attività di spaccio.

10 - Il regista bergamasco Luca Ferri al Festival di Venezia 

È stata annunciata ieri la presenza del film Colombi di Luca Ferri, regista bergamasco, al festival del cinema di Venezia.
Il film, un cortometraggio, sarà in concorso nella sezione Orizzonti. Una coppia d'innamorati trascorre insieme un secolo di vita mentre le mode, gli oggetti e i film si susseguono in una lenta ed inesorabile discesa verso il raccapriccio. La loro ossessione per i pomelli ottagonali delle caffettiere e per il design anonimo li accompagnerà lungo il passare delle decadi. Invecchiando e perdendo lentamente le forze, ma mai la lucidità, preferiranno escludere il mondo, oscurando e sigillando le persiane della loro abitazione e rinchiudendosi in loro stessi, sfogliando vecchie enciclopedie di animali estinti. «Colombi - commenta Ferri - è una riflessione sul secolo appena trascorso e sulla precisa volontà di due persone di non adattarsi ai cambiamenti che la società impone. Raccontando un sentimento puro come l’amore, il film ci introduce in un universo intimo fatto di piccoli gesti e scelte radicali, in cui l’isolamento resta l’unica possibilità di sopravvivenza».

11 - Seriate e Cina scese in campo all’insegna dell’amicizia

Seriate e Cina sono scese in campo ieri pomeriggio per il fischio di inizio del primo Torneo Italo–Cinese «Città di Seriate», disputatosi al centro sportivo comunale di Cassinone. In campo una cinquantina di calciatori della delegazione dello Yanbian F.C, divisi in quattro squadre, per altrettante partite amichevoli con le formazioni di Cassinone e le tre con maglia rossoblu composte dai ragazzi dell’Aurora e della Città di Seriate. Alle 18.15 il fischio di inizio del torneo, conseguente sviluppo del gemellaggio giovanile tra l’Atalanta Bergamasca Calcio e l’Associazione Football Yanbian, a seguito di un accordo stipulato nel 2015, grazie al quale le promesse cinesi in questi giorni, come l’estate scorsa, si sono allenati nelle strutture sportive Bortolotti di Zingonia.

 

28 LUGLIO

 

1 - Il Comitato Musulmani alla Petteni. Pregherà nella palestra di via Buratti

La comunicazione da Palazzo Frizzoni, attesa dopo il trasloco temporaneo in via Cornagera, è arrivata ieri sera: «In seguito a specifica richiesta, il Comune di Bergamo ha concesso la palestra dell’istituto comprensivo Petteni di via Buratti al Comitato Musulmani di Bergamo come luogo di preghiera per i prossimi giorni». Si tratta di una quarantina di persone. Probabilmente il luogo sarà concesso fino agli inizi di settembre: poi cominciano le scuole. L'altro gruppo di fedeli del Corano, molto più corposo, guidato da Mohamed Saleh - presidente di via Cenisio -, pregherà nell’ex sala circoscrizionale di Loreto. Nulla si sa sui dissidenti del Comitato Musulmani, invece.

2 - Vigilantes in città: operativi di notte in aree a rischio

Polizia locale e forze dell'ordine tradizionali non possono arrivare dappertutto. Così il Comune di Bergamo, come annunciato, fa ricorso ai vigilantes, che dalla scorsa notte hanno il compito di vigilare 120 aree sensibili tra parchi, piazze e quartieri. Da mezzanotte e mezza fino alle 6.30 del mattino saranno due le auto in servizio, con a bordo guardie giurate armate. Il bando lanciato da Palafrizzoni è stato vinto dall’azienda Civis. C'è un precedente, a Brescia, dove la vigilanza privata di notte è attiva da anni.

3 - Ladri a casa di un dirigente del Volley Bergamo

Si è accorto di quanto era accaduto già in via Locatelli, dove ha trovato una delle sue magliette preferite - di Star Wars, taglia Xl - abbandonata sul marciapiede. Andrea Veneziani, responsabile delle relazioni esterne del Volley Bergamo ed ex consigliere comunale di centrodestra durante l’amministrazione di Cesare Veneziani, martedì sera era uscito di casa per fare una corsetta, verso le 21. Al ritorno, un'ora e mezza dopo, la sgradita sorpresa: dei ladri sono entrati nella sua casa in via Matris Domini. Magro il bottino: alcuni orologi non di particolare valore. E poi le magliette. Ma la casa è stata messa completamente a soqquadro.

4 - Fugge in scooter dai vigili: multa da 500 euro

Fuga con inseguimento martedì sera per le strade di Martinengo. Un 16enne in scooter, dopo non essersi fermato all'alt intimato da una pattuglia della polizia locale in via Monsignor Piani, ha iniziato a scappare attraverso il centro storico, collezionando una lunga serie di infrazioni. Gli agenti hanno così deciso semplicemente di annotare la targa e andare direttamente a casa del ragazzino, dove anno lasciato l’invito di presentarsi al comando per la notifica del verbale. Il 16enne, poco dopo, è arrivato al comando di Piazza Maggiore accompagnato da un genitore. Gli è stata comminata una maxi multa da 500 euro, più segnalazione al prefetto. Potrebbe arrivargli, dunque, un'altra sanzione da 200 euro e il ritiro del motorino.

5 - Borgo Santa Caterina riaperta: domani sera la festa

«Quanto è bella via Borgo S. Caterina con il manto stradale rimesso a nuovo! Un ringraziamento di cuore all'assessore ai lavori pubblici Marco Brembilla per la passione (e la pazienza) con cui svolge il suo incarico». A scriverlo, su Facebook, il parlamentare bergamasco del Pd Antonio Misiani. E i lavori sono effettivamente terminati a tempo di record, con quasi un mese di anticipo. Intanto sono partiti i lavori di sostituzione dei sampietrini in piazza Pontida, largo Rezzara e largo Cinque vie. Domani sera, poi, in Borgo Santa Caterina si fa festa con i Venerdì del Borgo: chiusura al traffico e negozi aperti, mostre, ristoranti con tavoli all'esterno e bar con servizio in strada.

6 - Supermercati Il Gigante, trattative interrotte per il contratto integrativo

Si è interrotta lo scorso venerdì la trattativa per il nuovo contratto integrativo per i dipendenti dei supermercati Il Gigante: nella provincia di Bergamo sono interessati il negozio di Bottanuco (circa 60 dipendenti) più alcuni dipendenti in distacco presso i negozi di Albino e Bergamo (gestiti da Rialto, altra società del gruppo che non ha l'integrativo aziendale). «La Direzione de Il Gigante- dichiara Mauro Rossi della Filcams Cgil - dopo mesi di confronto difficile ed estenuante, durante il quale la discussione si è ripetutamente arenata per la costante richiesta aziendale di eliminare il premio aziendale fisso e renderlo totalmente variabile, nell’ultimo incontro ha dichiarato che non esistevano più le condizioni per andare avanti nella discussione e che di conseguenza dal primo agosto 2016 cesseranno gli effetti di tutta la contrattazione aziendale iniziata nel 1974». La trattativa era iniziata con la richiesta aziendale di ridurre in maniera drastica e generalizzata le condizioni economiche e normative del Contratto Integrativo Aziendale: il Gigante aveva chiesto di eliminare le condizioni migliorative rispetto al Contratto Nazionale Confcommercio in materia di pause, malattia, maggiorazioni nei giorni festivi del periodo natalizio, regolamentazione dei permessi per chi utilizza la legge 104, nonché ulteriore flessibilità nella gestione delle trasferte del personale da un punto vendita all’altro. La Rsu Il Gigante di Bottanuco e la Filcams-Cgil di Bergamo indicono 2 ore di sciopero delle lavoratrici e dei lavoratori Il Gigante di Bottanuco per sabato 30 luglio dalle 10 alle 12 con presidio/assemblea davanti all'entrata del negozio.

 

27 LUGLIO

 

1 - Foppolo, ok della Regione a un finanziamento da 2,5 milioni per salvare la stagione invernale

Nel pomeriggio di mercoledì 27 luglio, la Regione ha dato l'ok al finanziamento da 2,5 milioni di euro (da restituire in 20 anni) a favore di Foppolo. L'obiettivo è salvare la stagione sciistica invernale dopo i roghi dolosi che la notte dell'8 luglio hanno distrutto le seggiovie di Quarta Baita e del Montebello. A permettere questo prestito Finlombarda, la finanziaria della Regione Lombardia. Grazie all'aiuto della Regione, dovrebbe essere raggiunta la cifra complessiva di circa 6 milioni raccolta per installare la nuova cabinovia acquistata nel 2014 ma mai entrata in funzione. Nel frattempo, come riporta L'Eco di Bergamo, in Consiglio regionale è stato presentato un ordine del giorno all’assestamento di bilancio sulla "Crisi delle società di gestione degli impianti di risalita", che contiene anche la previsione di un nuovo modello di gestione degli impianti sci, l’aiuto da parte del settore pubblico e la possibilità per le società degli impianti di rinegoziare i mutui, allungando anche i tempi di restituzione dei debiti. Il documento, presentato da tutti i consiglieri bergamaschi e altri delle aree montane, mette in evidenza la forte crisi che caratterizza il settore degli impianti di risalita per lo sci.

2 - Urgnano, schianto sulla Cremasca. Muore una donna anziana

Scontro frontale tra un Fiat Doblò e un pick-up, oggi a mezzogiorno e mezza, all’altezza dello svincolo per la frazione Basella, sulla provinciale Cremasca di Urgnano. Nell'incidente è morta una donna anziana. Secondo le prime informazioni sarebbe stata seduta sul sedile passeggero di una delle due vetture, scontratesi in rettilineo. La dinamica non è chiara, anche se alcuni testimoni avrebbero visto sbandare sensibilmente il Doblò prima dello scontro. Sul posto sono arrivate tre ambulanze e un’automedica inviate dal 118. Sono rimasti feriti anche un uomo e una donna.

3 - Ha saltato i test antidoping: il Coni esclude da Rio Jamel Chatbi, l’atleta di origini marocchine di Cividino

Jamel Chatbi non parteciperà alle Olimpiadi di Rio. È questa la pesante decisione presa dal Coni il 27 luglio nei confronti dell'atleta di origini marocchine ma residente a Cividino, reo di aver saltato complessivamente ben tre controlli antidoping. Chatbi si era conquistato i Giochi con il quinto posto conquistato sui 3000 siepi della kermesse continentale di Amsterdam. Sarebbe stata la sua prima Olimpiade. Campione italiano in carica di specialità, il 32enne mezzafondista, pochi giorni fa, aveva pubblicato sul suo profilo Twitter il documento che attestava il quinto controllo antidoping subito in soli 40 giorni. Una decisione che quindi spiazza quella del Coni. Chatbi, però, ha già avuto in passato problemi con il doping, quando ancora vestiva la casacca del Marocco. Qualificatosi per la finale dei 3000 siepi ai Mondiali del 2009 di Berlino, non prese il via perché trovato positivo all’antidoping: dalle provette erano emerse tracce di clenbuterolo, un anabolizzante. Squalificato per tre anni è rientrato in attività nel 2012 e dal 2013 difende i colori azzurri. L’anno scorso ha conquistato il terzo posto alla maratona di Roma.

4 - Cadavere trovato carbonizzato ad Albino: arrestato in Russia presunto secondo killer

In manette a Mosca il presunto secondo killer di Vasyl Nykolyuk, il cui cadavere carbonizzato era stato ritrovato ad Albino l’11 ottobre del 2015: si tratta di Ivan Hromei, un ucraino di 28 anni. «Per lo stesso delitto - scrive Bergamonews - due mesi fa, il 26 maggio, era stato arrestato sempre in Russia nella regione di Pskov un altro ucraino, il 25enne Vasyl Bilohan, fermato dalla polizia russa attivata tramite Interpol dai carabinieri del nucleo investigativo di Bergamo. Bilohan lavorava come muratore e abitava a Bergamo con la moglie e un figlio di due anni. Secondo gli inquirenti sono loro i due autori materiali dell’omicidio del connazionale: scaturito da una lite per futili motivi, forse per un debito di gioco, il delitto si era consumato nell’ottobre scorso. I due, probabilmente nel tentativo di cancellare ogni eventuale traccia lasciata, avevano bruciato la vettura della vittima, una Opel Vectra».

5 - Fatture false per 270 milioni di euro. Maxi operazione delle Fiamme Gialle

L'operazione ha un nome emblematico: Penelope, in riferimento alla tela mitologica. E di tessuti si è trattato, nel lungo lavoro di indagini della Guardia di Finanza di Clusone che ha permesso di portare alla luce un giro di fatture per operazioni inesistenti nel settore del commercio dei filati, stimato complessivamente in 270 milioni di euro, con mancanti introiti per l’Erario di 40 milioni di euro. Tutto è partito da un controllo su una società di Cene, la cui esplosione di fatturato nell'ultimo biennio ha insospettito i militari. Il carosello delle fatture false fatto emergere dalle Fiamme Gialle partiva da soggetti economici italiani, passava da società filtro appositamente costituite in Polonia e Slovacchia, tornava sul territorio nazionale attraverso una serie di società cartiere. Per finire alle società di partenza. Ma non c'era merce in ballo: tutto inventato.

6 - Assalto all'ex moschea, ecco le prime 10 denunce

Primi dieci denunciati per l’assalto all'ex moschea di via Cenisio. «La Digos della Questura di Bergamo - scrive il Corriere della Sera Bergamo - ha già consegnato una prima relazione con una decina di nomi. Persone denunciate per violazione di domicilio e danneggiamento della sede dell’associazione privata, come ben si legge sull’insegna. Ed è solo l’inizio, perché un’altra ondata di identificazioni arriverà a breve».

7 - Incidente in Svizzera: gravissimo camionista di una ditta di Madone

Gravissimo incidente sulle autostrade svizzere. Sono quattro i morti, e un autista di 50 anni della Koinè di Madone è ricoverato in fin di vita. I fatti risalgono a ieri a mezzogiorno sull’autostrada A2 a Bellinzona, nel Canton Ticino, in Svizzera. L'uomo era alla guida di un Tir carico di bottiglie di acqua minerale Sanpellegrino. Secondo le prime ricostruzioni il camionista ha tamponato a forte velocità un'auto di una famiglia tedesca, ferma in coda. La vettura, spinta avanti, è andata a sbattere contro un altro tir che portava blocchi di granito. Terribile lo schianto: l'auto è rimasta schiacciata tra i due bisonti della strada e sotto il peso del granito. Nessuno della famiglia ce l'ha fatta: Né il padre e la madre di 43 anni, né le due figlie di 8 e 12 anni.

8 - Gestore unico dell'acqua, altra fumata nera

Non c'è ancora accordo sul gestore unico dell'acqua. Era stata prevista per oggi, in Provincia, la firma alla prima fase del piano per portare all’unione delle tre società pubbliche che si occupano del ciclo dell’acqua in Bergamasca: acquedotto, fogna, depurazione. Invece non se n'è fatto nulla, perché Hidrogest - che si occupa di 30 comuni dell'Isola e di San Martino - non ha firmato l’accordo con Uniacque, società nata dieci anni fa che di fatto gestisce il servizio idrico integrato nel 73,8% del territorio bergamasco. Cogeide (spa dei comuni della Bassa) ha invece firmato. Ricordiamo che le tre società sono in causa ed il prossimo dicembre il Consiglio di Stato andrà a sentenza.

9 - Boltiere, scomparso 36enne: l'appello della famiglia

Non dà notizie di sè dal 25 luglio Roberto Rossi, 36 anni, di Boltiere. Così la famiglia ha diffuso un appello per ritrovarlo, condiviso anche sui social network dai cittadini del paese e dei Comuni circostanti. La moglie ha inoltre presentato denuncia ai carabinieri di Zingonia: le ricerche sono in corso.

10 - Olimpiadi, maglie del Qatar prodotte a Grassobbio

Interessante commessa per la Pielleitalia di Grassobbio. L'azienda bergamasca sarà presente alle Olimpiadi di Rio de Janeiro, sugli atleti del Qatar: si è infatti aggiudicata la gara per fornire divise e tutto il materiale di abbigliamento sportivo e accessori. Un affare da un milione e mezzo di euro, e di grande prestigio: il ritorno di immagine vale più del puro guadagno economico.

11 - Seriate e Cina scendono in campo al Cassinone

Seriate e Cina scendono in campo. Il fischio di inizio del primo Torneo Italo-Cinese «Città di Seriate» si terrà domani alle 18, al centro sportivo comunale di Cassinone. In campo la squadra Yanbian F.C, ospite in questi giorni dell’Atalanta Football Camp nelle strutture sportive Bortolotti di Zingonia e impegnata in un tour italiano, e i giocatori locali delle annate 2003, 2004 e 2005, divisi tra la formazione del Cassinone e le tre con maglia rossoblu composte da ragazzi dell’Aurora e della Città di Seriate. All’iniziativa parteciperà l’Assessore allo Sport Ester Pedrini che porterà i saluti dell’Amministrazione comunale, consegnando una targa, simbolo di amicizia tra le due città.

 

26 LUGLIO

 

1 - Gromo, bambino di 9 anni ingerisce del detergente industriale: ricoverato in condizioni gravissime

Nella tarda mattinata di martedì 26 luglio, un bambino di 9 anni di Gromo è stato ricoverato in condizioni gravissime all'ospedale Papa Giovanni di Bergamo. Secondo le prima informazioni, il piccolo avrebbe ingerito una sostanza diluente, probabilmente un detergente industriale. I segni di malessere sono stati immediati e le persone che erano presenti sul posto hanno chiamato il 118, che ha inviato un’ambulanza della Croce Blu di Gromo. Dopo una prima visita, i sanitari hanno però fatto intervenire anche l’elisoccorso, che ha poi trasportato il bambino all’ospedale Papa Giovanni XXIII di Bergamo, dove è ora ricoverato in prognosi riservata.

2 - Val Brembana, cade in una scarpata. Muore ottantenne di San Pellegrino

Mattinata di lavoro per l'elisoccorso in Val Brembana. Un persona è caduta per quattro metri in un dirupo a San Gallo, frazione di San Giovanni Bianco, e ha perso la vita. Sul posto anche un’ambulanza e l’automedica. L’allarme è scattato intorno alle 9.20. Presenti anche i vigili del fuoco. La vittima è un 80enne di Ca’ de Rizzi, frazione di San Pellegrino: era a a fare una passeggiata con il cane.

3 - Ripristinato il bus che collega Sarnico al Monte Bronzone servendo Foresto Sparso, Viadanica e Adrara

Dopo la tante e veementi proteste delle scorse settimane, SAB e Provincia hanno deciso di ripristinare una delle corse che collegano Sarnico al Monte Bronzone, servendo i Comuni di Foresto Sparso, Viadanica, Adrara e permettendo agli abitanti della zona di raggiungere, oltre che Sarnico e Villongo, anche Bergamo. Come ricorda L'Eco di Bergamo, la tratta era finita tra quelle eliminate per la stagione estiva, tagliando fuori circa 5mila persone dai collegamenti con località che forniscono servizi all’intera zona, dall’ospedale al mercato. La pressione del sindacato dei pensionati della CISL, insieme ai sindaci dei Comuni interessati, ha permesso di giungere a un accordo con la Provincia che, da lunedì 25 luglio ha ripristinato una corsa al giorno (andata e ritorno) sia sulla tratta Villongo-Adrara San Rocco che sul percorso Foresto Sparso-Credaro, garantendo così anche le coincidenze con Sarnico e Bergamo. «È un risultato parziale - dice Andrea Volpi, responsabile della sede di Sarnico di FNP CISL -, ma stante le condizioni in cui versa il trasporto pubblico locale, non ci si poteva aspettare di più. Importante, invece, che si sia sviluppata una positiva sinergia con le amministrazioni locali, dal momento che togliere ogni tipo di collegamento a questi Comuni significava condannare molte persone, soprattutto le più anziane, a una sorta di isolamento estivo continuo, senza contare che per questi paesi Sarnico rappresenta il centro di servizi essenziali, come l’ospedale. Su questa linea, finite le scuole, non c’è molta affluenza, ma non lasciare alcuna corsa significava tagliare un po’ troppo. È stato molto positivo che la Provincia abbia ritenuto socialmente utile ripristinare il servizio».

4 - Non ce l'ha fatta la donna di 83 anni investita sulle strisce a Monterosso

Niente da fare per Carmela Lacanna, la donna di 83 anni investita ieri mattina sulle strisce pedonali di fronte a Piazza Pacati, Monterosso. Il furgone di un corriere l'ha travolta: forse il conducente è stato tradito dai riflessi dei raggi solari, o forse è stato distratto da qualcosa al momento del transito sulle zebre. Ricoverata in gravi condizioni all’ospedale Papa Giovanni XXIII di Bergamo, Carmela Lacanna - questo il nome della donna - è morta in serata: il trauma cranico patito non ha consentito una risoluzione positiva delle cure prestate dai medici.

5 - La Polizia locale cerca testimoni per l'incidente di Monterosso

Proprio a proposito dell'incidente mortale avvenuto il 25 luglio a Monterosso, quello in cui ha perso la vita una donna di 83 anni, la Polizia locale cerca testimoni. Gli agenti hanno lanciato un appello a eventuali testimoni oculari dell’investimento della pensionata, avvenuto all’altezza del civico 55 di viale Giulio Cesare, nei pressi dello svincolo con via Tremana. Chi avesse visto qualcosa è pregato di contattare telefonicamente l’ufficio incidenti al numero 035399470 o la Centrale operativa al numero 035399559, oppure di presentarsi direttamente al Comando in via Coghetti.

6 - Palestra di via Cornagera: si prega fino a domani

Fino a domani la palestra di via Monte Cornagera resterà a disposizione per la preghiera dei musulmani. Poi il Comune di Bergamo ha il compito di individuare un altro spazio, sempre temporaneo. Niente di sconvolgente, quindi, è emerso durante il tavolo sulla Sicurezza in Prefettura. Le dichiarazione sono dell’assessore competente del Comune di Bergamo, Giacomo Angeloni. Successivamente Palazzo Frizzoni aspetta una richiesta ufficiale da parte del Comitato islamico, che sarà valutata dalla Giunta. Per la Comunità Musulmana era presente Mohamed Saleh, nessuno invece per il Comitato Musulmani di Bergamo. Perché, lo ricordiamo, i musulmani di Bergamo sono divisi, e questo sta rendendo complicato il dialogo con il Comune.

7 - Rottura del serbatoio di un tir, fiume di gasolio in circonvallazioneProblemi ieri mattina verso le 9.30 in circonvallazione per una perdita di gasolio da un tir che trasportava auto. Il mezzo si è fermato all'altezza del distributore Eni di via Mugazzone, direzione autostrada: facendo manovra, il serbatoio del campion ha rpeso una botta e ha cominciato a perdere gasolio. Immediato l'intervento dei vigili del fuoco che hanno impedito che il carburante si riversasse completamente in strada, rischiando di infiammarsi.

8 - Incidente tra due auto stamattina a Brembate, due feriti

Allertato il 118, stamattina alle 6, per uno scontro tra due auto in via Bergamo, a Brembate. I mezzi di soccorso sono intervenuti per soccorrere due uomini rispettivamente di 35 e 42 anni. Richiesta anche l'auto medica, segno che per almeno uno di loro le ferite sono state giudicate di una certa gravità. Sul posto anche i carabinieri di Treviglio.

9 - Alberghiero anche a Romano: fucina di chef per la bassa

Grande novità in arrivo per l’Istituto superiore Rubini di Romano. Il Ministero della Pubblica istruzione ha dato il via libera all’attivazione, per l’anno scolastico 2017-2018, del corso quinquennale alberghiero. Ora si apre la questione dello stanziamento di fondi: c'è bisogno di un cospicuo numero di interventi per realizzare laboratori specifici e, naturalmente, una cucina per le esercitazioni degli allievi. La cucina dovrebbe trovare posto nell'attuale biblioteca, che sarebbe spostata.

10 - Processo per direttissima sospeso: condanna di due anni ai due romeni

Dopo il caso dei tre presunti ladri che erano arrivati in aula oltre il limite di mezzogiorno previsto da una circolare interna che risale al 2006 per i processi per direttissima, cosa che ha fatto saltare il processo e costretto alla liberazione degli accusati, il presidente del tribunale di Bergamo è corso ai ripari, allungando l’orario fino alle 14. Ora, per due di loro, romeni, è arrivata la denuncia a piede libero: di due anni la condanna per tentato furto in casa. La pena è stata sospesa per mancanza di precedenti dei due uomini.

11 - Seriate, partito il cantiere nel centro sportivo Luigi Innocenti

Cantiere aperto in Corso Roma, a Seriate, per la riqualificazione del centro sportivo Luigi Innocenti: si aggiunge un tassello importante alla promozione dello sport, tra le fondamenta del welfare sociale su cui l’Amministrazione comunale investe per accrescere socializzazione e qualità della vita. Partendo da questo presupposto, grazie agli svincoli dalle ristrettezze del Patto di Stabilità, il Comune ha puntato sull’ammodernamento dei propri impianti sportivi, tra cui il centro «Luigi Innocenti», pensato per diventare uno spazio polifunzionale e aggregativo per giovani e famiglie. I lavori, appaltati alla GBScarl di Busnago, prevedono l’intera ristrutturazione e ridistribuzione degli spazi della palazzina polisportiva, dei campi e della palestra esterna, per un costo complessivo di 2.850.000 euro. Grazie a questo investimento Seriate mette al centro lo sport, realizzando un impianto sportivo all’avanguardia, più fruibile, moderno, dinamico, giovanile e sostenibile. Un salto di qualità nell’offerta dei servizi ai cittadini e non solo, che troveranno un centro dedicato allo sport e al benessere a 360 gradi: spazio ai corsi, per discipline quali yoga, aerobica, danza, zumba... al fitness, al gioco delle bocce e al calcio, ma accanto ad attività tradizionali si affiancherà anche lo skate park per i più giovani. Accessibile a tutti sarà il parco, attrezzato con giochi per bambini e attiguo all’area ristoro, così da creare una continuità tra spazi interni ed esterni.

 

25 LUGLIO

 

1 - Donna di 83 anni investita sulle strisce pedonali a Monterosso

Ha battuto la testa ed è in gravi condizioni la donna di 83 anni investita sulle strisce pedonali di fronte a un bar tabacchi nei pressi della chiesa di Monterosso, stamattina alle 11. A travolgerla il furgone di un corriere guidato da un indiano, disperato dopo l’investimento. Sul posto è prontamente intervenuto il personale medico, con un’ambulanza e un’automedica, oltre agli agenti della questura di Bergamo per i rilievi. La donna è stata portata al Papa Giovanni XXIII in codice rosso. Le sue condizioni sarebbero molto gravi.

2 - Una palestra al Comitato Musulmani. Soluzione temporanea per la preghiera

I fedeli del Comitato Musulmani di Bergamo potranno pregare all'interno di una palestra comunale, nei prossimi giorni. A deciderlo il Comune di Bergamo che, insieme a Prefettura e Forze dell'Ordine, aveva già preso in considerazione questa alternativa per evitare nuove azioni di protesta e l'occupazione della strada per la preghiera in via Monte Cenisio, davanti alla moschea, chiusa da mesi per una scissione all'interno della stessa comunità musulmana. Il Comune ha deciso di rendere operativa questa soluzione dopo quanto accaduto venerdì, quando un gruppo di musulmani ha fatto irruzione nell'ex moschea. Il gesto, precisa Palazzo Frizzoni in un comunicato, è stato condannato dal Comitato dei Musulmani che ha reso noto «non solo di aver isolato i responsabili dell'irruzione, ma anche dimostrato la volontà di proseguire nel dialogo con le istituzioni e di utilizzare una palestra comunale per la preghiera quotidiana». Attualmente è stato scelto come spazio atto a ospitare i fedeli la palestra di via Cornagera, alla Celadina, tra le proteste di alcuni residenti. Che stamattina sono anche andati in questura per denunciare la sicurezza deficitaria della nuova soluzione.

3 - La Provincia di Bergamo tra le più colpite per quanto riguarda i furti di camion

Solo la provincia di Milano supera quella di Bergamo, in Lombardia, per i furti di mezzi pesanti. A rivelarlo, sulla base dei dati ASAPS (Associazione Sostenitori e Amici della Polizia Stradale), è l’Osservatorio di ISM (Integrated Security Management), azienda milanese specializzata nella realizzazione e gestione di sistemi di sicurezza, con una particolare attenzione ai settori della logistica e dei trasporti. In totale, i veicoli (autovetture, fuoristrada, furgoni e mezzi pesanti) rubati sulle strade italiane nel 2015 sono stati 116.396. Di questi, 2.275 sono mezzi pesanti (camion, tir, rimorchi, semi-rimorchi, auto-articolati, ecc.). Subito dopo Milano, con 153 furti ai danni di quest’ultima tipologia di veicoli, è la provincia di Bergamo a contarne il maggior numero – 30 nel 2015 – pur distanziandosi di molto dal capoluogo della Lombardia, che a livello nazionale è la seconda regione più colpita (309) dopo la Sicilia (358).

4 - Cimitero, nuova aggressione omofoba. Arcigay: ora basta

Nuova aggressione ai danni di un ragazzo gay al cimitero, a scopo di rapina. A renderlo noto Marco Arlati, membro del direttivo di Arcigay Bergamo Cives, con delega al tavolo contro l’omofobia al Comune di Bergamo. «A tutti coloro che frequentano il cimitero di Bergamo, attenzione! – scrive Arlati su Facebook -.Nuovo atto di violenza a sfondo omofobico e per rapina ai danni di un ragazzo. Il pestaggio è stato compiuto da tre persone. La vittima preferisce mantenere l’anonimato. Aveva deciso di non sporgere denuncia, ma la stessa è stata inoltrata d’ufficio dopo l’intervento delle forze dell’ordine, considerata la gravità dell’accaduto. È solo l’ultimo di una serie di atti di violenza che avvengono al cimitero di Bergamo. Se lo frequentate, state attenti. Se conoscete gente che lo frequenta avvisateli del pericolo. Se vi dovesse succedere vi invito a denunciare. Molti di voi, che lo frequentate, non siete dichiarati, ma non potete subire violenza senza reagire. Invito coloro che lo frequentano, e che dovessero assistere ad atti di violenza, a non scappare. Aiutate la persona. Chiamate le forze dell’ordine. Questo ragazzo è rimasto solo, tutti sono scappati. Bisogna essere uniti e combattere la violenza. Se dovesse succedere a voi vorreste rimanere soli nell’indifferenza o essere aiutati? Io e tutta Arcigay Bergamo Cives siamo qui per aiutarvi».

5 - Incidente dopo la galleria Negrone, traffico in tilt

Stamattina alle 5,55 un incidente lungo la statale 671, poco dopo la galleria Negrone, direzione Seriate, ha mandato il traffico in tilt. Lo scontro è avvenuto tra il benzinaio Trussardi e l’uscita di Albano, tra un furgone, che si è ribaltato, e una Smart, finita contro il guardrail. La galleria è stata chiusa e il traffico si è riversato sulla strada vecchia. L'incidente ha causato un ferito non grave, trasportato al Papa Giovanni XXIII in codice giallo.

6 - Picnic vietati ad Alzano? La gente si sposta a Villa di Serio

Il timore delle multe, visto l'ordinanza appena emessa, ha reso meno affollata la sponda di Alzano sul fiume Serio, ieri. Il Comune si era mosso per evitare il degrado di un'area dove i visitatori hanno poco rispetto per ambiente e pulizia, lasciando molti rifiuti dopo picnic e grigliate. Molti si sono spostati sulla sponda di Villa di Serio. Qui l'Amministrazione mostra un volto più tollerante: vuole avviare un dialogo soprattutto con la comunità boliviana, visto che molti di quelli che scelgono l'area per passarvi la giornata appartengono al paese sudamericano. Non saranno introdotti divieti, ma la mole di rifiuti abbandonati è fronteggiata solo grazie all'apporto dei volontari. Finché bastano.

7 – Sagra degli uccelli da canto, animalisti fermati

Niente scontri evitati ieri mattina a Pontida per la «Sagra degli uccelli da canto». Il gruppo «Fronte animalista», che contesta questo genere di manifestazioni, è stato bloccato dalle forze dell’ordine dopo le vicende dello scorso anno. Presenti pattuglie dei carabinieri e agenti della polizia di stato, in tutto circa una trentina. «Il gruppo di animalisti, quasi una trentina di manifestanti, è stato tenuto a distanza degli spazi dove si teneva la sagra. Pertanto i contestatori si sono dovuti limitare ad esporre in lontananza qualche cartello o striscione di protesta», scrive L’Eco di Bergamo.

8 - Ubriaco alla guida tampona auto sull'autostrada, due feriti gravi

Grave incidente sullA4, all'altezza di Orio, nella notte tra sabato e domenica. Alle 2 e mezza un’Audi A4 Avant condotta da S.B., 30 anni di Sarnico, risultato poi alticcio (1,50 il tasso alcolemico nel sangue, quando la soglia consentita è 0,80), ha tamponato una Fiat 500 Abarth su cui viaggiava una famiglia di milanesi di ritorno da un matrimonio. Violento l'urto: le due auto sono finite fuoristrada. Ferite gravi per una ragazza di 24anni e per il padre di 59 anni: sono stati entrambi ricoverati in prognosi riservata al papa Giovanni di Bergamo.

Seguici sui nostri canali