Eventi
Notizie su Bergamo e provincia

Notizie su Bergamo e provincia (10-14 agosto 2015)

Notizie su Bergamo e provincia (10-14 agosto 2015)
Eventi 12 Agosto 2015 ore 10:00

14 AGOSTO

 

1 - Nuovo avvistamento della pantera a Navezze, c'è anche la foto

Edilberto Rinaldi, presidente della riserva naturale delle Torbiere del Sebino, si dice stanco al giornalista del Corriere della Sera che l'ha contattato: «Avrei voluto andare in vacanza ma sono ostaggio della pantera. Ricevo cento chiamate al giorno, sono stanco». Dall'ultimo vertice tenutosi alla Prefettura di Brescia mercoledì 12 agosto, infatti, la situazione non è migliorata: la pantera continua ad essere in "fuga" e le Torbiere chiuse, almeno fino a dopo Ferragosto. Intanto si susseguono gli avvistamenti, anche se gli inquirenti ci vanno cauti e considerano attendibili sono una piccola parte di questi. Certamente attendibile pare essere quello di una donna residente in Franciacorta, che ha diffuso uno scatto che pare proprio aver immortalato il "cucciolo" di pantera (si tratterebbe infatti di un esemplare di non più di 10 mesi, lungo un metro e venti circa per una quarantina di chili di peso) a Navezze, frazione di Gussago (Brescia). In pochi minuti la foto si è diffusa su Facebook e sono sempre meno gli scettici.

 

La pantera adesso é ha navezze ....

Posted by Orietta Venturini on Mercoledì 12 agosto 2015

 

La pantera quindi si sarebbe allontana dall'area delle Torbiere dove è stata avvistata la prima volta il 31 luglio scorso. Proprio per questo Rinaldi ha insistito affinché il prefetto desse l'ok alla riapertura del parco. Ma, secondo i veterinari consultati, l'animale potrebbe fare ritorno nella zona umida delle Torbiere. Gli avvistamenti confermati, al momento, sono 5, ma pare incredibile che nessuna delle trappole poste sul territorio dalla Forestale e dall'Asl siano servite a qualcosa. Scatta così anche il "piano B": per giovedì 20 agosto è prevista una grande ricerca, aperta anche a molti volontari, che vuole abbracciare gran parte del Sebino, almeno l'area che fino ad oggi pare abbia battuto la pantera. Chissà se sarà la volta buona.

2 - Calcioscommesse, la procura sportiva ha chiuso l'indagine su Crotone-Atalanta. Cosa rischia la Dea

Nel tardo pomeriggio di giovedì 13 agosto il procuratore federale Stefano Palazzi ha trasmesso la comunicazione di chiusura delle indagini per la gara Crotone-Atalanta, partita tornata alla ribalta della giustizia sportiva dopo essere stata messa nel mirino dall’inchiesta penale di Cremona. Proprio sulla base di quella partita, a inizio luglio il procuratore della Repubblica, Roberto Di Martino, ha chiesto il rinvio a giudizio per Cristiano Doni, con l'accusa di associazione a delinquere ai fini della frode sportiva, e Stefano Colantuono, con l'accusa di frode sportiva. Secondo la procura l’ex capitano e l’ex allenatore avrebbero partecipato alla combine della partita (finita 2-2), anche se i diretti interessati si sono dichiarati innocenti. Tutta colpa di una chat su Skype tra Doni e l'amico Nicola Santoni, ex portiere, tra le altre, del Palermo, in cui Doni pare dire che un certo «mr» o «allenatore» sapeva. Ora bisognerà aspettare e vedere cosa deciderà di fare Palazzi dopo aver ricevuto le memorie difensive delle parti in causa, Atalanta compresa, che suo malgrado si trova nuovamente coinvolta a causa delle presunte azioni di suoi tesserati. Per la Dea, come è già accaduto nel 2011 e 2012, rischia la responsabilità oggettiva: una condanna, ovvero una penalizzazione, pur dimostrando l’assenza di responsabilità dirette dei propri amministratori o soci.

3 - Colto da malore mentre si trovava in piscina, muore turista bergamasco di 78 anni a Padenghe sul Garda

Carlo Remondini, 78enne residente a Bergamo, precisamente nel quartiere di Longuelo, è morto mentre si trovava in vacanza a Padenghe sul Garda. La tragedia nel pomeriggio del 13 agosto: l'uomo si trovava nella piscina del residence Garda Sole, dove da anni aveva un appartamento in cui passava le vacanze estive, quando è stato improvvisamente colto da un malore. Parenti e amici lo hanno trascinato fuori dall'acqua e hanno avvisato i soccorsi, il cui intervento però s'è rivelato purtroppo vano. La salma è stata trasportata all’obitorio dell’ospedale di Gavardo, dove verrà svolta l'autopsia per accertarsi delle cause della morte. I funerali si terranno invece a Bergamo nei prossimi giorni.

4 - Omicidio Cantamessa, la Procura va in appello: pochi 23 anni di carcere per Vicky Vicky

Manuela Fasolato, sostituto procuratore generale di Brescia, ha deciso di fare ricorso in appello contro la sentenza che il 25 marzo scorso ha condannato l'uomo di origine indiana Vicky Vicky a 23 anni di carcere per l'omicidio della dottoressa Eleonora Cantamessa, 43enne di Trescore Balneario che la sera dell'8 settembre 2013, a Chiuduno, era stata investita mentre si era fermata a medicare Baldev Kumar, cittadino indiano e fratello di Vicky Vicky, morto anche lui travolto dall'auto dell'imputato. Secondo la Procura, infatti, 23 anni di carcere sono pochi. Nelle otto pagine di ricorso spicca la principale contestazione: l’imputato non merita l’attenuante della provocazione, che può ridurre la pena di un terzo.

5 - Blitz della polizia locale contro il degrado in piazzale Alpini

L'Eco di Bergamo in edicola l'8 agosto riportava un'interessante inchiesta in cui si parlava del degrado di piazzale Alpini, il cui prato è diventato un vero e proprio dormitorio di sbandati e senzatetto. Pochi giorni dopo, precisamente tra l'11 e il 12 agosto, la polizia locale ha deciso di intervenire con un doppio blitz al piazzale, che ha portato a una denuncia e dodici sanzionati. Otto persone sono state identificate, precisamente sette uomini e una donna, mentre quattro stranieri, tre marocchini di 21 e di 30 anni e un indiano di 30, sono stati sanzionati poiché bivaccavano nel prato su giacigli di fortuna realizzati con pezzi di cartone, tra pattumiera e bottiglie. A2A ha compiuto una sommaria azione di bonifica dell'area, mentre gli otto soggetti sono stati multati per 300 euro a testa.

6 - Quasi terminati i lavori nell'ex chiesa di Sant'Agostino, che il 21 settembre riaprirà e diventerà la meravigliosa aula magna dell'Unibg

C'è molta attesa per il 21 settembre, giorno in cui verrà riaperta l'ex chiesa di Sant'Agostino dopo i delicati lavori di restauro e ristrutturazione e che diventerà la nuova magnifica aula magna dell'Università di Bergamo. I lavori, affidati all'azienda Benis Costruzioni di Mapello, sono praticamente terminati già prima di Ferragosto, come testimonia il reportage fotografico pubblicato sull'edizione di venerdì 14 agosto de L'Eco di Bergamo. Al momento mancano solo una parte degli impianti e l’arredo, cioè oltre 500 poltroncine di colore grigio che andranno a richiamare il colore del bellissimo pavimento in pietra orobica della cava di Ardesio. Tutta la ex chiesa è stata dotata di un sistema di illuminazione all'avanguardia, teso a valorizzare sia i meravigliosi affreschi che adornano cappelle e soffitto, ma anche a garantire un comfort visivo per le persone che si recheranno lì per assistere a lezioni, convegni, incontri ed eventi.

 

13 AGOSTO

 

1 - Sebastiano Chia, 18enne scout bergamasco, è morto nell'Adda dopo essere caduto dalla canoa

Una terribile tragedia è accaduta giovedì 13 agosto a Gera d'Adda nelle acque dell'Adda: Sebastiano Chia, 18enne scout di Bergamo, è stato risucchiato dalle acque del fiume dopo essere caduto dalla sua canoa. Il giovane faceva parte del Gruppo Scout Bergamo ed era partito da Cassano d’Adda nei giorni scorsi insieme ad altri 8 canoisti. Stavano scendendo il fiume con l’intento di arrivare a Cremona. La notte tra mercoledì 12 e giovedì 13 agosto aveva dormito insieme agli amici all'oratorio di Pizzighettone e nella mattina di giovedì si sono recati a Gera d'Adda con l'intento di iniziare il loro viaggio lungo il fiume. L'incidente ha avuto luogo all'alba: poco dopo la partenza, la sua canoa si è incastrata in una chiusa e si è ribaltata. Sebastiano è stato sbalzato in acqua in un punto dove la corrente era molto forte. Nonostante indossasse il giubbotto salvagente, è stato trascinato sott'acqua. Il capo scout del gruppo si è tuffato nel tentativo di soccorrerlo, ma non ce l'ha fatta. Poco dopo sono giunti i soccorsi, che non hanno però potuto fare altro che recuperare il corpo del giovane già privo di vita. Sebastiano frequentava il liceo Lussana di Bergamo e avrebbe compiuto tra pochi giorni 19 anni.

2 - Nuova tragedia in montagna: escursionista cade in dirupo sul Pizzo dei Tre Signori e muore

Un nuova tragedia in montagna ha avuto luogo la mattina di giovedì 13 agosto. Un escursionista di 50 anni si trovava in zona Bocchetta di Trona, punto non lontano dal Pizzo dei Tre Signori e dal rifugio Falc, quando ha perso l'equilibrio ed è precipitato per 30 metri in un dirupo. Ad assistere impotente alla tragedia un amico dell'uomo, che è subito corso al rifugio per avvisare i soccorsi. L'intervento dell'elisoccorso s'è rivelato inutile, dato che l'escursionista pare sia morto sul colpo.

3 - Frontale a Martinengo: muore una donna di 61 anni di Treviolo, un'altra donna ferita

Poco dopo le 9 di giovedì 13 agosto, a Martinengo, tragico incidente tra due auto, una Punto e una Skoda. Nello schianto è morta Anna Fiorendi, 61enne residente a Treviolo, mentre l'altra donna rimasta coinvolta nell'incidente, una 60enne di Romano di Lombardia, è rimasta ferita ed è stata ricoverata al Papa Giovanni di Bergamo in prognosi riservata. Le forze dell'ordine per compiere i rilevanti e permettere l'intervento dei soccorsi, hanno deciso di chiudere la strada. Come conseguenza il traffico è andato il tilt e solamente verso le 12 la strada è stata riaperta e si sono smaltite le code accumulate.

4 - I nomi dei cinque "archistar" che si sfideranno per ridare vita alla Montelungo

Palazzo Frizzoni è sicuro: entro dicembre 2015 si conoscerà il progetto scelto per la rinascita dell'ex caserma Montelungo. Ma già oggi, sulle scrivanie di chi di competenza, sono presenti i nomi degli architetti che dovranno presentare entro novembre il rispettivo progetto. Come è noto da tempo, i vecchi edifici ospiteranno in parte residenze universitarie con annesso centro sportivo e spazi privati a uso residenziale, commerciale o per il terziario. Previsto anche il recupero della grande area verde interna da interconnettere con il vicino parco Suardi. I cinque finalisti selezionati sono vere e proprie archistar: il londinese David Chipperfield; la portoghese Ines Varela Maia Lobo, che nel recente passato ha curato per conto dell’amministrazione Gori (e con il sostegno di Italcementi) la risistemazione di piazzale Marconi; lo studio ispano-tedesco Nieto Sobejano arquitectos slp; quello spagnolo Barozzi/Veiga; il portoghese Joaõ Maria Godinho de Paiva Ventura Trindade.

5 - Finalmente riaperto il passo di San Marco

La Provincia di Sondrio ha revocato l’ordinanza con cui vietava il transito dal passo di San Marco dopo lo smottamento avvenuto nel novembre 2014. Da allora, di fatto, era impedito il collegamento tra Val Brembana e Valtellina, cioè tra provincia di Bergamo e di Sondrio. Fino al 10 luglio il valico era chiuso tutti i giorni, poi è stato poi aperto (a senso unico alternato) nei fine settimana. Da venerdì 7 agosto, invece, la strada è stata riaperta tutti i giorni, con senso unico alternato e limite di carico a 3,5 tonnellate.

6 - Oriocenter, verso la rivoluzione: 75 nuovi negozi e un multisala

Sarà un’autentica rivoluzione quella che investirà, a breve, l’Oriocenter. Da poco sono iniziati i lavori di movimento della terra e di sminamento del parcheggio esterno del centro commerciale con un obbiettivo: realizzare il primo lotto del Polo del Lusso. Ad anticipare come verranno effettuati i lavori è l’Eco di Bergamo, che mostra un rendering del nuovo shopping center: ci saranno ben 75 negozi e ristoranti nuovi, oltre ad un’area dedicata al tempo libero e allo svago con la bellezza di 14 sale cinematografiche, 2424 posti a sedere e un parcheggio che potrà ospitare fino a 2mila auto. Una ristrutturazione che era nell’aria, e che, una volta ricevute tutte le autorizzazioni necessarie dal Comune di Azzano San Paolo, ora prende il via con le prime operazioni propedeutiche. A gestire la commercializzazione dei nuovi spazi sarà la società milanese Arcus Real Estate, con un progetto improntato all’unione tra tempo libero e shopping.

7 - Caos gestione profughi: pratiche di asilo in ritardo di 18 mesi

Profughi, gli arrivi non accennano a diminuire e il caos aumenta anche nelle commissioni per il riconoscimento della protezione internazionale. Ieri il deputato di Forza Italia Gregorio Fontana è andato in visita alle due strutture di Brescia che si occupano della questione, scoprendo che il lavoro di analisi delle pratiche di richiesta di asilo politico è indietro di almeno 18 mesi. «I membri della commissione sono solo quattro», spiega Fontana al Corriere, «e pur lavorando 12 ore in condizioni allucinanti, visto che la sede della commissione non è altro che un appartamento con un cartello attaccato alla porta con lo scotch, non riescono a valutare più di 16 casi al giorno. A Brescia si esaminano anche i casi di Bergamo, Cremona e Mantova: la media di arretrati ammonta a circa un anno e mezzo, con la commissione che adesso sta analizzando casi relativi al 2014. Questo significa che tutti i richiedenti asilo che arriveranno in Italia nel 2015 non verranno esaminati prima del prossimo anno». La proposta di Fontana è quella di aumentare il numero di commissioni, creandone almeno una per prefettura, «Così l’iter che porta a una decisione verrebbe accelerato, con un doppio risultato: potremmo dare risposte a queste persone in tempi rapidi e lo Stato risparmierebbe molte risorse destinate all’accoglienza».

8 - Lovere, arriva il festival del jazz

Due giorni di grande jazz, musica cara a Lovere che anche quest’anno, il 14 e il 15 agosto, ospiterà il “Lovere back to Jazz”. Scopo della rassegna è quello di ricollegarsi con i festival che si compirono sempre qui nel ’77, ’78 e ’79, quando Lovere riuscì ad avere pure prestigio internazionale dando spazio alle nuove tendenze europee e americane in gusti musicali. Con un occhio al passato e uno all’attualità, aprirà la rassegna di Lovere il Barbara Casini Trio, con una musica fatta di ritmi brasiliani, samba e improvvisazione. La band ha collaborato anche con Le Konitz, Enrico Rava e Stefano Bollani, e sarà seguita dal Power Trio di Gianni Giudici, Luciano Zadro e Max Furian. Spazio poi al trio di Sergio Orlandi, grande trombettista, accompagnato da Franchesco Chebat al piano e Marco Castiglioni alla batteria. Il gran finale è invece tutto per Gregg Kofi Brown, pilastro per 22 anni della band britannica Osibisa, prima band conosciuta come afro-rock. Il bassista si farà accompagnare a Lovere da Glauco di Sabatino alla batteria, Max Coclite al pianoforte e Alberto Colommi alla chitarra.

9 - Auto in divieto, distrugge vetrina di un negozio per evitare la multa

Curioso incidente capitato ieri ad un cliente quarantenne del negozio La Vicky, sito in via Camozzi, fortunatamente senza gravi conseguenze. L’uomo era entrato nel locale assieme alla moglie, con l’intenzione di fare alcune compere, lasciando però la propria auto in divieto di sosta, appena fuori dall’esercizio. Quando però si è accorto che un ausiliario del traffico stava per fargli una multa, è corso in fretta e furia fuori dal negozio, senza accorgersi, però, che la porta vetri era ancora chiusa e colpendola con vigore. Risultato: vetrina distrutta e dolori alla testa (l’uomo ha ricevuto persino le cure del 118, accorso sul posto). Ah, e multa, purtroppo, non evitata.

 

12 AGOSTO

 

1 - Caccia alla pantera, la Prefettura tiene ancora chiuse le Torbiere e allarga il raggio delle ricerche

Nella tarda mattinata di mercoledì 12 agosto, alla Prefettura di Brescia, si è tenuto un nuovo vertice per fare il punto sulla caccia alla pantera nel Sebino. Dopo i primi avvistamenti avvenuti il 31 luglio e il molto scetticismo che ha circondato la vicenda, ora anche in Prefettura si sarebbero convinti della sua esistenza, grazie anche a un filmato delle telecamere di videosorveglianza del Comune di Provaglio, che nella notte del 3 agosto ha ripreso l'animale: si tratterebbe di un cucciolo tra i 6 e i 10 mesi, lungo circa un metro e venti e pensante una quarantina di chilogrammi. Gli ultimi attendibili avvistamenti testimoniano lo spostamento della pantera verso la Franciacorta, tra Gussago e Trenzano. Nonostante ciò, le forze dell'ordine non hanno ritenuto sicuro riapre il parco nazionale delle Torbiere al pubblico: resteranno chiuse fino a nuovo ordine. Contemporaneamente, nelle prossime ore, si terrà un nuovo incontro con lo scopo di ideare un piano che allarghi il raggio di ricerche dell'animale, fino a questo momento sempre sfuggito alle forze messe in campo da Forestale e Prefettura.

2 - Renato Barilani, originario di Olera, s'è tuffato nel lago di Lecco e non è più riemerso

Martedì 11 agosto, alla spiaggetta le Guglie al Moregallo, sul lago di Lecco, Renato Barilani s'è tuffato e non è più riemerso. L'uomo, originario di Olera, frazione di Alzano Lombardo, aveva 49 anni e da diverso tempo viveva con la moglie e le due figlie, di 12 e 13 anni, a Brenna (Como). Grande appassionato di montagna e di sport, i sommozzatori hanno rinvenuto il suo cadavere privo di vita a 27 metri di profondità. Barilani si trovava a Moregallo, frazione di Mandello del Lario, con una coppia di amici, quando ha deciso di tuffarsi da circa 25 metri di altezza, nella zona delle gallerie. Un'area del lago di Lecco frastagliata, ricca di guglie. Purtroppo quel tuffo gli è stato fatale. Ancora da accertare le cause del decesso.

3 - L'appello dell’Autorità del bacino e dei sindaci contro l'abbassamento del livello del Sebino. Legambiente: aprite le dighe

Il 5 agosto, per contrastare la siccità e dare la possibilità ai coltivatori di irrigare i propri campi, era stato disposto (e pare che sia già in corso) l'abbassamento del livello delle acque del Sebino fino a meno 40, superando così il limite di concessione fissato a meno 30 cm e, fino ad oggi, mai oltrepassato. Ma se ciò dovesse avvenire la stagione turista sul lago sarebbe un «disastro locale», affermano l'Autorità del bacino e i sindaci del territorio in un appello reso noto la mattina di mercoledì 12 agosto. Già la situazione è preoccupante: il lago d'Iseo è completamente invaso da alghe. In un solo giorno i battelli dell’Autorità del bacino ne hanno raccolti 800 quintali. Per questo si è deciso di scrivere a Roma, al ministero dell’Ambiente, e all’Autorità del Po di Parma per chiedere la revoca della possibilità di poter abbassare il livello anche a meno 40 centimetri. Nella giornata di mercoledì 12 agosto è intervenuta sul tema anche Legambiente, attraverso una lettera all’autorità di Bacino del Po, in cui chiede che venga dato il permesso di aprire le dighe in montagna per portare acqua nel lago d'Iseo. Nella missiva, Legambiente spiega che «l’acqua non manca del tutto, anche perchè, a differenza di altre annate siccitose, l’acqua è venuta meno solo nei mesi estivi, mentre le precedenti stagioni hanno avuto precipitazioni quasi nella norma. Ed infatti gli invasi idroelettrici del bacino dell’Oglio trattengono ancora quasi 40 milioni di metri cubi d’acqua: quanto basterebbe a compensare l’attuale squilibrio tra afflussi e deflussi per almeno un mese, mettendo in sicurezza il lago ben oltre la fine della stagione irrigua».

4 - Arrestati due giovani mentre tentavano una rapina nel parcheggio di Oriocenter

È stato reso noto mercoledì 12 agosto che intorno alle 16.30 di lunedì 10 agosto, presso il parcheggio del centro commerciale Oriocenter, due giovani sono stati arrestati mentre tentavano una rapina. I ragazzi, rispettivamente di 25 e 20 anni, originari di Cadorago (Como), avrebbero aggredito tre fratelli bergamaschi che erano appena arrivati in auto nel parcheggio del centro commerciale. Tra spintoni e insulti, è spuntato anche un coltello e uno dei due arrestati avrebbe cercato di rubare il portafoglio di uno dei tre bergamaschi infilando la mano nel finestrino semiaperto. Nel parapiglia due delle vittime hanno riportato ferite leggere, mentre il terzo ha reagito, aiutato anche da altre persone che in quel momento si trovavano nel parcheggio. A quel punto gli aggressori hanno tentato la fuga, ma la vigilanza di Oriocenter li ha raggiunti e immobilizzati. L'accusa è di tentata rapina aggravata e il gip ha convalidato l'arresto confermando la custodia cautelare.

5 - Ca' Matta, cambia già il piano di accoglienza profughi: dai 24 migranti previsti potrebbero arrivarne 60

Lunedì 10 agosto gli enti soci del Parco dei Colli avevano approvato con una delibera ufficiale la possibilità di accogliere alla Ca' Matta di Ponteranica 24 profughi. Nelle ore immediatamente successive (precisamente, come sottolinea l'edizione locale del Corriere della Sera, 4 ore dopo), però, sono stati 30 i migranti trasferiti alla struttura e ora il numero potrebbe arrivare addirittura a 60. Stando infatti agli accordi tra Prefettura e Provincia, la palestra di Presezzo, al momento destinata all'accoglienza, dovrà essere liberata entro il weekend poiché struttura non adatta a questo tipo di attività e Bergamo deve così fare fronte alla penuria di spazi. Da qui l'ipotesi Ca' Matta. Il sindaco di Torre Boldone, Claudio Sessa, l'unico insieme al sindaco di Sorisole ad essersi opposto alla delibera, ha annunciato un sopralluogo alla struttura per valutare la situazione e spiega che superare il limite di 24 persone sarebbe un «atto illegittimo». Ma la vera "battaglia" politica sulla questione si gioca in Provincia, dove nei giorni scorsi Forza Italia s'era scagliata duramente contro il presidente Matteo Rossi, reo di aver dato il via libera all'accoglienza di nuovi profughi senza un confronto con le altre forze politiche. Ricordiamo, infatti, che in via Tasso sia gli azzurri che Ncd sostengono la presidenza Pd, un accordo raggiunto dopo lunghe trattative e ora a rischio rottura. Ma Rossi, al momento, tace. Ogni decisione sarà presa al primo consiglio, fissato per l'8 settembre, dove si preannunciano scontri duri, anche perché Alessandro Sorte, ex segretario di Fi e principale sostenitore dell'accordo con il Pd, s'è dimesso dal suo incarico nel partito e ora l'elettorato bergamasco del centrodestra chiede a gran voce una rottura dell'asse con la sinistra.

6 - Stadio, lavori a buon punto. E gli skybox sono andati a ruba al prezzo di 70mila euro l'uno

L'Atalanta sta vivendo una fase delicata, una delle più delicate da quando Antonio Percassi è diventato presidente: Marino se n'è andato e il mercato fatica a decollare. Ma c'è comunque fiducia, perché i giocatori giusti potrebbero arrivare nel giro di qualche giorno e, soprattutto, perché le ultime notizie che arrivano dal cantiere al Comunale sono positive. I lavori di ristrutturazione dello stadio, iniziati a luglio, sono a buon punto e tutti e 10 gli skybox pensati e realizzati per gli sponsor, come rivela Bergamonews, sono stati venduti agli sponsor. Nessuno regalato, tutti venduti alla incredibile cifra di 70mila euro l'uno, per un tesoretto di 700mila euro. Non bruscolotti.

7 - Continua la desertificazione del centro di città bassa

Basta fare una passeggiata tra via Tasso e la Rotonda dei Mille per rendersi conto che città bassa sta perdendo sempre più forza commerciale. Le saracinesche abbassate (non per le ferie) aumentano, così come i cartelli "vendesi" e "affittasi". In via Tasso l'ultima ad esser stata abbassata è stata quella della "Casa della Merenda", storico panificio e non solo della famiglia Nessi, la quale spiega che il calo della clientela non permetteva più di sostenere i costi di attività. Sulla via c'è poco passaggio, i clienti non crescono più a differenza invece dei costi e l'unica soluzione era oramai chiudere. E così la Casa della Merenda si aggiunge alla chiusura del negozio di arredamento Gambirasio, a quello di abbigliamento per bambini Girotondo e al bar Hawaii. Aveva provato a sopravvivere trasferendosi proprio da via Tasso alla Rotonda dei Mille, invece, la Bottega della Musica, che purtroppo, come annuncia la pagina Facebook Ospite a Bergamo, a settembre chiuderà i battenti.

8 - Incidente a San Giovanni Bianco, code in Val Brembana

Una mattinata complicata per gli automobilisti della Val Brembana, che nella mattina di mercoledì 12 agosto hanno dovuto sorbirsi lunghe code causate da un incidente avvenuto poco prima delle 8 a San Giovanni Bianco. L’incidente, all’ altezza del ponte ospedale, ha bloccato la circolazione in entrambi i sensi di marcia. Solo l'intervento dei vigili urbani ha riportato un po' di ordine.

9 - Trasporto locale, scongiurati tagli e rincari, arrivano 5 milioni di fondi

Il rischio c'era e anche assai probabile: da settembre il trasporto pubblico locale avrebbe potuto subire un forte ridimensionamento e rincari di prezzo causati dall'assenza di fondi nelle casse della Provincia. Invece l'allarme sembra essere rientrato. È stato infatti annunciato che nel bilancio della Provincia verrà salvaguardato il trasporto pubblico locale, con lo stanziamento di 5 milioni di euro. I fondi arriveranno da Roma con il via libera del Parlamento. In base a questi stanziamenti, via Tasso potrebbe anche raggiungere il pareggio di bilancio e scongiurare così tagli pesanti in alcuni settori chiave, come appunto il trasporto pubblico locale.

10 - Ciclista annegato nei Navigli e morto al Papa Giovanni identificato dopo diversi giorni

Da prima del weekend, al Papa Giovanni di Bergamo si trovava il cadavere di un uomo morto dopo essere caduto mentre andava in bicicletta nel nel Naviglio Grande di Milano. Si aspettava che qualcuno facesse denuncia di scomparsa o che comunque si identificasse l'uomo, rimasto senza nome fino a martedì 11 agosto, quando si è scoperto che si trattava di un 30enne della provincia di Pavia. Il 12 agosto si potrà dunque svolgere l'autopsia sul cadavere, per comprendere le cause della morte. Dopo essere caduto nell'acqua, era stato trascinato via dalla corrente e non era stato semplice, per i soccorsi, recuperarlo. Una volta portato a riva, però, le sue condizioni si erano rivelate gravi ed era stato ricoverato d'urgenza all'ospedale Papa Giovanni di Bergamo, dove è purtroppo deceduto nella notte tra sabato 8 e domenica 9 agosto.

11 - Martedì 11 agosto due interventi di salvataggio del soccorso alpino sulle Orobie

È stata una giornata intensa quella di martedì 11 agosto per la VI Delegazione Orobica del Soccorso alpino. Il primo intervento s'è reso necessario intorno alle 17.30, quando un gruppo di 6 persone, partito da Foppolo e diretto a Carona, dopo diverse ore di camminata è rimasto bloccato in una zona molto ripida del sentiero. Onde evitare tragedie, hanno preferito chiamare i soccorsi. L'operazione di salvataggio s'è conclusa intorno alle 19. Nel frattempo, alle 18.30, è stato necessario un nuovo intervento, questa volta per trarre in salvo una comitiva di 15 ragazzi al Rifugio Brunone, rimasta bloccata lungo il sentiero. I giovani, di età compresa tra i 15 e i 20 anni, avevano intenzione di compiere il cosiddetto Giro delle Orobie, erano partiti dal Calvi diretti verso il Brunone, però avevano degli zaini molto carichi e questo ha determinato una fatica maggiore del previsto. In prossimità della Valle del Salto si sono fermati. L'azione del soccorso alpino s'è rivelata abbastanza semplice e i ragazzi hanno passato la notte al Rifugio Brunone.

12 - Nuovo furto di rame nella Bergamasca, e Valbrembo resta senza luce

Un nuovo furto di rame ha avuto luogo nella Bergamasca. Ad essere colpito, questa volta, il Comune di Valbrembo, che è rimasto per questo motivo senza illuminazione pubblica lungo la pista ciclabile di via Polo Civico. Ma non solo: rimasti al buio anche il centro sportivo, via Roma, via Kennedy, via Villino e via Sombreno. I danni, complessivamente, dovrebbero ammontare a circa 25mila euro. Perché la luce torni, il sindaco chiede almeno 10 giorni di tempo.

 

11 AGOSTO

 

1 - Tragedia a Mapello: muore 69enne di Presezzo ribaltatosi con l'escavatore

Tragedia nella mattina di martedì 11 agosto a Mapello. Intorno alle 11, un 69enne di Presezzo si trovava a bordo di un escavatore quando il mezzo si è ribaltato e ha schiacciato l'uomo, togliendogli la vita. Il pensionato stava facendo alcuni lavori nel giardino di casa della figlia. Per causa ancora da accertare, però, il piccolo escavatore si è ribaltato, schiacciando con tutto il suo peso l'uomo. I familiari hanno chiamato i soccorsi, che hanno però potuto solamente constatare il decesso del 69enne.

2 - La Sematic di Osio Sotto si fonde con la tedesca Wittur, dando vita a un nuovo colosso degli ascensori

L'annuncio ufficiale è stato dato martedì 11 agosto: è arrivata la firma che sancisce la fusione tra a tedesca Wittur e la Sematic di Osio Sotto. Nasce così un colosso internazionale nella produzione degli elevatori. L'annuncio è stato dato dalla Bain Capital, che detiene il controllo di Wittur, e dal gruppo Carlyle e la famiglia Zappa, coproprietari di Sematic. Carlyle e la famiglia Zappa manterranno una quota nella nuova società, che rappresenta uno dei più importanti produttori di componenti, moduli e sistemi completi per l’industria degli ascensori a livello mondiale, con ricavi stimati pari a circa 750 milioni di euro nell’esercizio in corso e una forza lavoro di circa 4.500 dipendenti. Il valore dell'operazione resto segreto. La nuova società sarà guidata da Walter Rohegger, attuale ceo di Wittur, e manterrà il nome Wittur, mentre Sematic esisterà solo come marchio. Stefano Socci, ceo di Sematic, si unirà allo staff della gestione escutiva, mentre l’attuale presidente di Sematic, Roberto Zappa, entrerà a far parte del Comitato di sorveglianza della nuova società.

3 - Bambina di 4 anni cade dal terrazzo a Villa d'Almè, è grave

Intorno alle 20 di lunedì 10 agosto, alla festa della comunità dell'oratorio di Villa d'Almè, una bambina di 4 anni è caduta da un terrazzo. Mentre i genitori stavano cenando insieme a un altro centinaio di famiglie, la piccola con il fratellino s'è allontana, s'è arrampicata su una ringhiera e ha perso l'equilibrio, facendo un volo di circa 5 metri. Le sue condizioni sono gravi e al momento si trova ricoverata all'ospedale Papa Giovanni XXIII di Bergamo.

4 - 18enne trentino fermato a Brescia dopo il rave di Calcio: era in possesso di 114 grammi di marijuana

Un neo diciottenne originario del Trentino è stato fermato in autostrada, all'altezza di Brescia, mentre si trovava in macchina insieme a 4 amici, con cui era andato a festeggiare il suo compleanno al rave organizzato la sera di domenica 9 agosto a Calcio. Due degli occupanti dell'auto sono risultati puliti, mentre per gli altri tre, compreso il 18enne, è andata peggio: due sono stati trovati in possesso di una quantità di hashish sufficiente a far scattare la denuncia a piede libere, mentre il neo maggiorenne è stato trovato in possesso di 114 grammi di marijuana, acquistati con i soldi avuti in dono per il compleanno. Per lui sono scattate le manette e il processato è fissato per settembre.

5 - Cigarini trovato positivo all'alcol test, patente ritirata

Nella notte tra domenica 9 e lunedì 10 agosto, il centrocampista dell'Atalanta Luca Cigarini è stato trovato positivo all'alcol test dalla polizia stradale di Seriate, che stava svolgendo dei controlli di routine al casello della A4 di Bergamo. Il valore riscontrato nel giocatore è stato di 0,8 grammi per litro quando il limite consentito è di 0,5. Per lui è così scattato il ritiro immediato della patente e una denuncia a piede libero per guida in stato di ebbrezza. La denuncia non sarebbe arrivata se il valore fosse stato compreso tra 0,5 e 0,8. Non è stato applicato il sequestro dell'auto.

6 - Aurora Ramazzotti sarà il volto quotidiano di X Factor

Tutti lo sospettavano, ma nessuno ancora sapeva quando sarebbe accaduto: che Aurora Ramazzotti, figlia di Michelle Hunziker e Eros Ramazzotti, avrebbe seguito le orme della madre si capiva da tempo. Sui social, oltre che sui giornali di gossip, Aurora, da poco diplomatasi, è già una star. Ora, però, è pronta a fare il grande salto: lei stessa ha annunciato che, a settembre, sarà il nuovo volto della striscia quotidiana di X Factor, il talent musicale di enorme successo targato Sky. In questo ruolo prenderà il posto del conduttore Alessandro Cattelan, che resterà alla guida della prima serata del programma. Il compito di Aurora sarà quello di seguire, quotidianamente, la vita e la preparazione dei concorrenti, raccontando le loro esperienze e le loro sensazioni. Per la prima volta dalla nascita di X Factor Italia, inoltre, la conduttrice della striscia quotidiana non rivestirà solamente il ruolo di voce narrante, ma vivrà proprio insieme ai concorrenti le emozioni del programma, giorno dopo giorno, condividendo con loro ogni ora. Aurora ha commentato: «Questa proposta è arrivata inattesa e mi ha riempita di entusiasmo. Seguo da tanti anni X Factor e non avrei mai immaginato un giorno di far parte di una squadra davvero eccezionale. Quest’anno la giuria è una vera bomba! Non vedo l’ora di conoscere Elio, Fedez, Mika e Skin, ma soprattutto non vedo l’ora di conoscere loro, i concorrenti dell’edizione 2015. Seguirò con passione tutte le puntate di selezioni per scoprire insieme al pubblico i talenti di quest’anno e prepararmi a conoscerli più da vicino da ottobre». Quest'anno il programma sarà composto da ben 14 serata, 6 di selezione e 8, in diretta live, di gare. Cattelan resterà il volto principale del programma come conduttore, e ha così commentato l'avvento della giovane Aurora: «Faccio un grande in bocca al lupo ad Aurora, una ragazza brillante e sicura di sé che non mancherà di portare un punto di vista innovativo nel racconto dei ragazzi».

7 - Leffe, trentenne cade dal tetto della sua azienda. Volo di 6 metri ma solo un polso rotto

Poteva essere una tragedia, invece c'è stata solamente tanta paura. Stefano Picinali si trova ricoverato nel reparto Ortopedia dell'ospedale Papa Giovanni, con un polso rotto, ma sta bene. Alle 7 circa di lunedì 10 agosto, Picinali, che gestisce insieme alla famiglia due negozi di fiori, uno a Leffe e uno a Vertova, si trovava sul tetto di un magazzino che i Picinali sono in procinto di comprare. Voleva dare un'occhiata allo stato del tetto. «Non ha fatto in tempo a mettere il piede sul tetto — racconta il padre, Giacomo — che la copertura ha ceduto e lui è precipitato da 6, 7 metri». Un volo che poteva essere fatale, ma che invece gli è costato solo un polso rotto e una piccola frattura alla mandibola. La madre, Flaminia Bertocchi, non ha dubbi: «È un miracolo che sia ancora vivo».

8 - Giovanni, 72enne, da 4 anni vive in un camper. Ha speso tutto per pagare le cure alla moglie

Giovanni Spadini ha 72 anni e da 4 la sua casa è diventata un camper. Tutti i suoi risparmi, infatti, si sono volatilizzati negli anni della malattia della moglie, poi deceduta nel 2011. Da allora la sua pensione di 960 euro non gli permette di trovare una casa in affitto a un prezzo consono, tenendo anche conto che i soldi gli devono bastare per le bollette e vivere. Non si piange addosso, anzi, continua a cercare «una stanza con angolo cottura e un bagnetto con la doccia, e non gratis: voglio pagare, magari 200 o 300 euro, ma trovo solo bilocali e io non posso permettermeli». L'unico momento di sconforto, come racconto L'Eco di Bergamo che l'ha incontrato, è quando parla della moglie. Poco tempo fa, infatti, dei ladri hanno spaccato una finestra del suo camper e gli hanno portato via quel poco che aveva, compresi gli ultimi ricordi di sua moglie: «Mi hanno portato via le fedi e l’orologio di mia moglie».

 

10 AGOSTO

 

1 - I sindaci della Comunità del Parco dei Colli hanno detto sì al ritorno dei profughi alla Ca' Matta, ma Forza Italia non ci sta

Era molto atteso l'incontro tra i sindaci della Comunità del Parco dei Colli che avrebbero dovuto decidere se permettere o meno il ritorno di alcuni profughi alla Ca' Matta di Ponteranica. E lunedì 10 agosto la tanto attesa è arrivata: i sindaci hanno dato l'ok. Gli unici voti contrari sono arrivati dai primi cittadini di Torre Boldone e Sorisole. All'incontro, tenutosi a Valmarina, erano presenti anche alcuni residenti di Torre Boldone e Ponteranica, che hanno vivacemente protestato al momento della decisione. A differenza che nel 2014, quando nella struttura furono ospitati una quarantina di migranti, oggi saranno 24 quelli trasferiti alla Ca' Matta. La decisione è arrivata dopo che la Provincia, nei giorni scorsi, aveva dato il suo ok. E proprio in Provincia si consuma un duro scontro politico, perché Forza Italia non ci sta e attacca con un comunicato: «Questa scelta non condivisa è grave, poiché indica come la Provincia, su queste tematiche, sia diventata ormai monocolore, mentre invece è retta da una coalizione. La scelta della Provincia di sostenere la richiesta di ospitare i profughi alla Ca’ Matta è una scelta sbagliata e non tiene minimamente in considerazione le istanze di molti sindaci del territorio». A firmare il documento i consiglieri Jonathan Lobati, Fabio Terzi, Demis Todeschini, Denis Flaccadori e Gianfranco Gafforelli, che continuano: «In questo modo non si risolve il problema dell’accoglienza dei migranti, ma si diventa solo complici di decisioni sbagliate del governo nazionale, che non ha alcuna programmazione e mette solo in difficoltà i nostri comuni. Lo stesso presidente Rossi si mette sugli attenti, allontanandosi completamente da quella apprezzabile posizione di quando si dichiarò contrario alla concessione delle palestre provinciali e affermò come il metodo impositivo del prefetto sarebbe solo ricaduto sulla testa di pochi sindaci, ora invece si riallinea alla posizione del Pd e del sindaco di Bergamo Gori».

2 - Al Papa Giovanni è morta una bambina francese di 4 anni dopo un tragico incidente di montagna

Era stata trasportata di urgenza all'ospedale Papa Giovanni di Bergamo nel pomeriggio di sabato 8 agosto, ma le sue condizioni erano gravissime. E purtroppo Izia Cuppilard, bambina francese di appena 4 anni, non ce l'ha fatta. Intorno alle 14 di sabato 8 agosto, la piccola era precipitata per circa 100 metri in un canalone nella zona del Sasso Gordona, in provincia di Como. Una volta giunta con l'elisoccorso alla struttura ospedaliera orobica è stata sottoposta a un delicato intervento per tentare di sanare le ferite più gravi, ma nelle ore successive le sue condizioni sono peggiorate, fino alla morte.

3 - Terribile incidente in Romania: tra le 5 vittime anche un 52enne carpentiere a Torre Pallavicina

L'incidente è avvenuto la scorsa settimana, ma la notizia s'è diffusa in Italia solo poche ore fa: nello schianto, che ha provocato la morte di ben 5 persone, è morto anche Paolo Mainardi, 52enne titolare di una carpenteria a Torre Pallavicina, con la sua compagna Laura Tutanis. La coppia, residente a Soncino (Cremona), si trovava in Romania per le ferie. Mentre si dirigevano verso la città di Constanta, sul Mar Nero, un'auto proveniente dalla direzione opposta pare abbia invaso la loro corsia, andando a scontrarsi frontalmente con la vettura su cui si trovavano Mainardi e la Tutanis. Oltre alla coppia, sull'auto si trovavano altri due loro amici, anche loro deceduti nel terribile incidente. La quinta vittima è il guidatore dell'auto che avrebbe provocato lo schianto. I funerali sono fissati per lunedì 10 agosto nella parrocchiale di Azzanello (Cremona).

4 - Omicidio di Cologno al Serio, la famiglia del siriano chiede che il Comune di Telgate paghi i funerali, ma il sindaco dice di no

Continuano le indagini degli inquirenti relative alla morte di Ibrahim Bashm, il siriano di 51 anni che, martedì 4 agosto, è stato ucciso a colpi di roncola a Cologno al Serio. Intanto si pensa ai funerali della vittima, anche se non si sa ancora se, quando e dove avranno luogo. Nessuno, infatti, pare intenzionato a sostenere le spese delle esequie. L'ultimo certificato di residenza di Bashm riferisce che il suo ultimo Comune di residenza è stato Telgate (nel 2005) e per questo il fratello della vittima si è rivolto in Comune per chiedere che sia l’ente territoriale a sostenere le spese per il funerale. Ma la risposta del primo cittadino di Telgate, il leghista Fabrizio Sala, è stata secca: «Non esiste proprio. Questa persona era residente a Telgate fino a dieci anni fa, prima che venisse cancellata dalla nostra anagrafe, visto che si era resa irreperibile. Va bene la carità umana, ma fino a un certo punto. Il fratello di Bashm è residente a Telgate e ha un reddito: se fosse stato originario del paese lo avrei fatto, ma qui c’è tanta gente povera, si creerebbe un precedente davvero pericoloso». Sala lancia poi una provocazione: «Lo paghi la prefettura».

5 - Altro rave nella bergamasca, al parco dell'Oglio stavolta. E piovono denunce

La Bergamasca è stata teatro di un nuovo rave party non autorizzato. Questa volta teatro della "festa" è stato il parco dell'Oglio, precisamente a Calcio, nella notte tra sabato 8 e domenica 9 agosto. Presenti circa 200 giovani. Immediato l'intervento delle forze dell'ordine, che non appena giunti sul posto hanno messo fine alla festa. Svariati alcol test sono stati compiuti sul posto e numerosi giovani sono stati identificati. Tutti questi sono stati denunciati per per invasione di terreni e la contestazione, ad opera del Corpo Forestale, delle violazioni ambientali in materia di rifiuti.

6 - Giustizia civile lumaca anche a Bergamo: per un processo ci vogliono 634 giorni

Una causa civile al Tribunale di Bergamo dura mediamente 634 giorni: lo rileva la mappa delle liti pubblicata da Il Sole 24 Ore. Una media non certo positiva, ma leggermente migliore rispetto a quella nazionale, che parla di 796 giorni. Il Tribunale più veloce è quello di Rovereto, con 294 giorni, mentre quello più lento quello di Vallo della Lucania, con ben 1.672 giorni. A Bergamo, nell'intero 2014, sono state iscritte 6.282 cause, 5,8 ogni mille abitanti a fronte di una media nazionale del 10,6. Le cause pendenti erano invece 12.401, dato di poco superiore alla media nazionale di 12.355.

7 - Antonio Monella da 11 mesi in carcere. Il sottosegretario alla Giustizia: «Tempi maturi per la grazia»

Sono passati 11 mesi da quando Antonio Monella, l'imprenditore di Arzago d'Adda che aveva ucciso un ladro entrato in casa sua e che stava per scappare a bordo del suo suv, è rinchiuso in una cella. Da tempo si parla di grazia e la pratica è sul tavolo delle autorità romane sin dalla fine del 2014. Finora, però, non è mai stata presa in considerazione. Su L'Eco di Bergamo del 10 agosto, però, c'è un'interessante intervista al Il sottosegretario alla Giustizia Cosimo Ferri, che apre spiragli di speranza: «Ci sono tutte le condizioni tecnico-giuridiche perché il ministro Orlando esprima un parere positivo sulla concessione della grazia a Monella. Spero lo faccia al più presto».

8 - Rapporto nazionale sugli aeroporti, la Cassa depositi e prestiti lancia l'allarme: «Orio è saturo»

La Cassa depositi e prestiti ha presentato l'annuale rapporto sugli aeroporti nazionali. Ed è un rapporto che reclama a gran voce l'attuazione del cosiddetto Piano aeroporti, ovvero investimenti per circa 80 miliardi per evitare che l’intera rete collassi sotto il peso di trend di traffico in continua crescita, con inevitabili danni all’economia del Paese. La situazione più critica, in termini di saturazione del traffico, è quella di Roma-Fiumicino, si nelle nel rapporto, ma subito dietro ci sono Catania, Bologna, Firenze, Pisa e Bergamo: «Si tratta di scali già oggi a un livello di saturazione nelle ore di picco».

9 - È corsa a quattro per il rettorato all'Unibg

Stefano Paleari è vicino alla scadenza della sua carica di rettore dell'Università di Bergamo e, per sostituirlo, è corsa a quattro. A sfidarsi Giancarlo Maccarini, Piera Molinelli, Remo Morzenti Pellegrini e Paolo Riva. L'elezione si terrà il 9 settembre e ognuno di loro ha un piano ben preciso. Tutti, però, hanno dichiarato di voler continuare sulla strada dettata da Paleari durante i suoi 6 anni di mandato, anni in cui ha imboccato decisa la strada dell’internazionalizzazione. Lo confermano i numeri, dall’aumento degli iscritti a quello delle attività di ricerca e formative.

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter