Spettacoli
L'idea

Vedere Bergamo ma con altri occhi: una pedalata teatrale sotto le stelle

Produzione di Luna e Gnac che accompagna gli spettatori, pedalando, alla scoperta della città e di alcuni dei suoi artisti

Vedere Bergamo ma con altri occhi: una pedalata teatrale sotto le stelle
Spettacoli Bergamo, 18 Settembre 2021 ore 02:02

Si dice sempre che la cultura, per diventare tale, deve sempre di più uscire dai luoghi simbolo della sua produzione. Un esempio in tale direzione è “Bergamo con altri occhi”, nuova produzione di Luna e Gnac che accompagna gli spettatori in bicicletta in un viaggio alla scoperta della città e di alcuni suoi cittadini artisti del ‘900 che hanno scelto di fare della propria vocazione un mestiere, nonostante tutto e tutti.

Realizzato grazie al contributo di Fondazione della Comunità Bergamasca e del Comune di Bergamo e soste nuto da Residenza Initinere, Fondazione Cariplo – Lets Go, Residenza Multidisciplinare Bassa Sabina TerrArte 2020, il progetto si propone come un’esperienza immersiva tra le vie della città, ascoltando i silenzi della notte e i racconti di uomini e donne che scelsero l’arte come vocazione e mestiere.

Il “tour narrativo” si terrà per 11 date serali, per un totale di 15 repliche, dal 22 settembre al 3 ottobre (settembre: mercoledì 22 e giovedì 23 alle 21; venerdì 24 e sabato 25 alle 19 e alle 21,30; domenica 26, martedì 28, mercoledì 29, giovedì 30 alle 21; ottobre: venerdì 1, sabato 2 alle 19 e alle 21,30; domenica 3 alle 19,30. In caso di maltempo sarà annullato). Una pedalata adatta a tutti, che richiede solo di vestisti in modo adeguato alla stagione.

Partendo da Piazzetta S. Marco, illuminati dalle stelle, i 14 spettatori scivoleranno per la città accompagnati dagli attori Michele Eynard e Federica Molteni. Insieme raggiungeranno sei tappe. personaggi scelti per questo progetto sono rappresentativi di varie arti: il maestro d’orchestra Gianandrea Gavazzeni per la musica; i burattinai ed esponenti del teatro di figura Benedetto Ravasio e Pina Cazzaniga per il teatro popolare; lo scultore Giacomo Manzù per l’arte figurativa; la poetessa e traduttrice Rina Sara Virgillito per la letteratura.

E a ricordarli tutti sarà Isola Dosolina Pozzi, ostessa negli anni ’20-’40 a Borgo Santa Caterina, realmente esistita, che sarà interpretata appunto da Molteni.

Prenotazione obbligatoria su eventbrite.it. Info: info@lunaegnac.com, 328.9079108, 334.3570763.