Menu
Cerca
Consigli per gli ascolti

Il cafonometro del nostro Spotify C'è Lucio Battisti, addio mondo

Il cafonometro del nostro Spotify C'è Lucio Battisti, addio mondo
Tendenze 02 Ottobre 2019 ore 10:17

Impensabile non averlo, necessario utilizzarlo con dovizia, cafonaggine garantita e gioia di Instagram. Al centro della cronaca con l'avvento di Lucio Battisti, anche Spotify può essere cafone.

 

10) Spotify sul pc

Tutto è iniziato così. L'account collegato a Facebook, gli amici che ti insultavano ogni volta che vedevano sulla sinistra che stavi ancora ascoltando gli N'Sync. Un programma democratico, dove ascoltare la musica era facile e immediato.

Livello cafonaggine: "Non amarmi" su repeat.

Piace perché: ricordi di gioventù.

 

9) La versione gratuita

Tutte le cose belle finiscono e nella fattispecie anche le cose gratis. Spotify, oliato cafonemente il meccanismo facendoci sviluppare una dipendenza da musica 24h, ha iniziato a distinguere figli e figliastri. Prima, al prezzo di Euro 0,99 ti ha agganciato per la vita. Adesso, se non paghi, il programma è di fatto inutilizzabile.

Livello cafonaggine: indecorosa.

Piace perché: fittizia, ma almeno esiste.

 

8) La versione premium

Unico vero programma degno dell'utilizzo al quale è preposto: con pochi euro puoi assicurarti ogni giorno, ormai prevalentemente sui nostri telefoni, la certezza di poter infilare gli auricolari, isolarti dal resto dell'universo mondo e ascoltare Levante on repeat e goderti la vita.

Livello cafonaggine: musica in ufficio.

Piace perché: necessario per sopravvivere.

 

7) La condivisione sulle Instagram Stories

Possibilità meta-social, il quadratino con la copertina della canzone che stai ascoltando. Selezioniamo, ovviamente, solo quelle presentabili.

Livello cafonaggine: "Non avere paura" - Tommaso Paradiso.

Piace perché: Tommaso Paradiso tira sempre.

 

6) Le playlist preimpostate

Salvavita per pigri, la selezione di Spotify "this is TheGiornalisti" che seleziona le migliori, in modo che tu possa pensare tranquillamente a goderti la vita.

Livello cafonaggine: "Riccione".

Piace perché: c'è anche la più vintage "Per lei".

 

5) La tue playlist

Riguardarle un anno dopo. La vera cafonata.

Livello cafonaggine: Nelly Furtado.

Piace perché: vecchi ricordi.

 

4) I consigli per te

Spotify ti conosce. E non ha alcuna stima di te.

Livello cafonaggine: Fabio Concato.

Piace perché: sono sempre consigli azzeccati.

 

3) La sessione nascosta

Retaggio di Spotify sul pc, quando ascoltare Britney Spears on repeat poteva essere fatto solo ironicamente o vergognandosene.

Livello cafonaggine: Backstreet Boys.

Piace perché: segreti inconfessabili.

 

2) Taylor Swift

Polemica ormai di vecchia data, ricordate, quando Taylor Swift non aveva alcuna intenzione di cedere gratis la sua musica. Erano gli anni dell'album 1989, e abbiamo sofferto tantissimo.

Livello cafonaggine: anni senza "Blank Space".

Piace perché: per fortuna ora c'è.

 

1) Lucio Battisti

48 ore online e sono 48 ore che siamo in lacrime. Benvenuto Lucio. E grazie.

Livello cafonaggine: abbiamo aspettato una vita.

Piace perché: finalmente possiamo essere felici.