Tendenze
«Mi metta un solo coperto, per favore»

Il cafonometro delle trasferte Grandi equilibrismi sulla nota spese

Il cafonometro delle trasferte Grandi equilibrismi sulla nota spese
Tendenze 10 Aprile 2019 ore 16:42

Che tu sia solo o in gruppo, che tu abbia capito o meno cosa stai andando a fare, la trasferta di lavoro è una fucina di cafonate. Ecco le migliori.

 

10) La trasferta in solitaria

Massima goduria della vita lavorativa.

Livello cafonaggine: fuga dalla realtà.

Piace perché: oasi di pace.

 

9) Il team building

Una gita scolastica di trentenni. Non serve raccontare il finale.

Livello cafonaggine: colleghi molesti.

Piace perché: indicibile goduria.

 

8) La trasferta in gruppo

Coacervo di strane relazioni sociali, focolai di tradimenti, relazioni oppure scissioni e antipatie. In ogni caso, la quotidianità al lavoro non sarà più la stessa.

Livello cafonaggine: sentire la mancanza dell'ufficio.

Piace perché: grandi aneddoti.

 

7) Il ristorante

Che sia scelto dal lavoratore, dall'azienda o da chiunque, ci sarà sempre - e quando dico sempre intendo sempre - un collega che ne conosce uno migliore e meno caro. Ovviamente, lo dirà al ritorno, anticipando la rivelazione del ristorante della vita con «ma perché non me l'hai detto?!». Supercafone.

Livello cafonaggine: TripAdvisor.

Piace perché: sempre suggestivo.

 

6) Il motivo della trasferta

Incomprensibile oppure vitale per la vita dell'azienda. Non sono previste vie di mezzo.

Livello cafonaggine: ansia da prestazione.

Piace perché: ci mette alla prova.

 

5) Il bagaglio

Eterno dilemma. Basta un borsone, ma la prudenza non è mai troppa. Possono essere proposte attività ed eventi che richiedono outfit attentamente selezionati. Oppure a malapena servirà il pigiama. In ogni caso, mancherà sempre qualcosa. Forse lo spazzolino.

Livello cafonaggine: dimenticare i calzini.

Piace perché: impossibile, è sempre la solita tortura.

 

4) Il budget

Grande prova di buonsenso, classe, equilibrio. L'eccessiva parsimonia è indice di estrazione popolare, così come esagerare con gli sfizi. Nulla è più classista di una ricostruzione fatta con gli scontrini, ma il giudizio sarà inevitabile, nonché implacabile.

Livello cafonaggine: mobilità sociale.

Piace perché: grande pettegolezzo.

 

3) Perché non abbiamo fatto una call?

È un pensiero che alla prima botta di pennichella della riunione arriva spontaneamente.

Livello cafonaggine: noia mortale.

Piace perché: vi lamenterete sempre meno delle call.

 

2) Il rientro

Alla fine della trasferta di lavoro si stringe il cuore come alla fine della vacanza: anche se ti è mancato il tuo letto, se hai mangiato male, se avevi mal di testa, niente è più letale della quotidianità.

Livello cafonaggine: nostalgia canaglia.

Piace perché: il tuo letto.

 

1) La nota spese

«Mi mette un coperto solo?»: deprecabile, soprattutto se avete preso molto alcool. E in contabilità sono molto attenti.

Livello cafonaggine: commercialisti gaudenti.

Piace perché: scatti di carriera.