Fino al 6 gennaio al The Mall, Milano

Esselunga festeggia i suoi 60 anni con una mostra (e tanti premi)

Esselunga festeggia i suoi 60 anni con una mostra (e tanti premi)
30 Novembre 2017 ore 06:00

Il 27 novembre del 1957 apriva a Milano, in viale Regina Giovanna, il primo supermercato italiano. A sessant’anni dalla fondazione, Esselunga ripercorre la sua storia con una mostra che apre le porte al pubblico, gratuitamente, dal 29 novembre 2017 al 6 gennaio 2018, negli spazi espositivi del The Mall nel futuristico quartiere di Porta Nuova. La SuperMostra nasce da un’idea di Esselunga, il concept è stato sviluppato da Andrea Baccuini, Mauro Belloni e Studio Giò Forma. L’evento è stato prodotto da FeelRouge Worldwide Shows in base al progetto di Studio Giò Forma e ai contenuti di Mauro Belloni. L’immagine della locandina della mostra è di Giovanni Gastel ed è stata tratta dal volume 60 parole per dire Esselunga, edito da Rizzoli e realizzato in occasione dell’anniversario di Esselunga.

Il cliente protagonista. «È un progetto divertente di marketing e non solo, che pone il cliente al centro della scena – precisa Livio Roncalli, direttore marketing e comunicazione dell’azienda -. Abbiamo dato vita a una super mostra che parte dal 1958, quando ci fu la nostra prima raccolta punti. Un viaggio in quel primo concorso e nella nascita della Fidelity Card, avvenuta nel 1995. La mostra vuole regalare un’esperienza emozionale d’acquisto».

 

 

Un viaggio-spettacolo imperdibile. Non un’esposizione tradizionale, ma un viaggio-spettacolo ideato per divertire, un regalo per i clienti, per Milano e il territorio. Protagonista non è solo Esselunga, ma anche i cambiamenti di stile, di costume e di abitudini, che hanno attraversato l’Italia negli ultimi sessant’anni. Molti gli oggetti e i documenti inediti, a partire dagli appunti autografi di Bernardo Caprotti, fondatore di Esselunga. Tra gli elementi “spettacolari”, un esclusivo zootropio, dispositivo ottico che permetterà di vedere come si preparano le lasagne Esselunga, uno dei prodotti più apprezzati; un’installazione di carrelli, icona stessa del supermercato; una stanza caleidoscopica immersiva che racconta le produzioni; uno scenografico trono a forma di fragola dove potersi sedere e scattare fotografie e selfie.

Gli Anni Sessanta-Settanta. Ad accogliere il visitatore, superato l’ingresso con i carrelli e le casse degli Anni ’60, uno show immersivo, per rivivere l’apertura del primo negozio e l’emozione provata dai clienti dell’epoca che, per la prima volta, si trovavano davanti a un assortimento così ricco di prodotti. Lo spettacolo prosegue negli ambienti successivi e mette in scena i più importanti avvenimenti che hanno segnato l’evoluzione della grande distribuzione: l’apertura dei banchi di gastronomia, con i primi piatti pronti negli Anni ’70, l’avvento rivoluzionario del codice a barre e, quindi, la nascita dei magazzini automatizzati negli Anni ’80.

4 foto Sfoglia la gallery

Gli Anni Novanta: l’avvento della Fidelity card. Il 1995 è l’anno dell’introduzione della Carta Fìdaty e dei Punti Fragola, che hanno portato nelle case degli italiani esclusivi oggetti di design. Non manca un’area dedicata alle grandi campagne di comunicazione: “Da noi la qualità è qualcosa di speciale”, o “Famosi per la qualità” con i celebri personaggi tra i quali “John Lemon”, “Aglio e Olio”, “Mago Melino”, “Bufala Bill”. Alla mostra è legato anche un concorso: portando la propria Carta Fìdaty, sarà possibile partecipare all’estrazione di un carrello d’oro del valore di 25mila euro e sessanta buoni spesa di duemila euro ciascuno, con un montepremi di 145mila euro. L’estrazione avrà luogo il 31 gennaio 2018.

Come visitare la mostra. La mostra è aperta dal 29 novembre al 6 gennaio 2018 al The Mall – Piazza Lina Bo Bardi 1, Milano. Orari di apertura al pubblico: tutti i giorni dalle 10 alle 20, il venerdì apertura prolungata fino alle 22. Il 24 e il 31 dicembre l’orario sarà dalle 10 alle 15. Giorni di chiusura: 25 dicembre e 1 gennaio.

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Video più visti
Foto più viste
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia