L'annuncio di Zuckerberg

Facebook lancia la funzione dating (e tutte le altre novità in arrivo)

Facebook lancia la funzione dating (e tutte le altre novità in arrivo)
Tendenze 02 Maggio 2018 ore 09:00

Di cosa hanno più bisogno gli oltre due miliardi di utenti di Facebook? Il diabolico Mark Zuckerberg, chiamato ad affrontare la platea degli sviluppatori, per la prima volta dopo lo scandalo della fuga dei dati degli utenti, non ha fatto un passo indietro, ma semmai un altro passo molto audace in avanti.

Cos’è Dating. Ha scoperto che oltre il 10 per cento di quei due miliardi di utenti sono celibi o nubili e ne ha dedotto che tra i bisogni fondamentali c’è quello di trovare un’anima gemella. Ecco allora l’annuncio di Dating, uno strumento separato dal normale profilo che proporrà dei matching tra persone in cerca. Zuckerberg ha voluto precisare subito che non è una piattaforma di incontri. «Dating è destinata a costruire relazioni autentiche e durevoli, non solo di una serata», ha precisato il fondatore di Facebook. «Spesso incontro coppie che mi dicono di essersi incontrate su Facebook, mi mostrano i loro figli e mi ringraziano».

 

 

Ovviamente l’impeto umanitario è ben calcolato sul ritorno in affari: «Un matrimonio su tre negli Stati Uniti viene fatto grazie a un incontro online. E noi non abbiamo ancora costruito uno strumento per il dating», ha spiegato davanti ad una platea in cui presumibilmente i single erano maggioritari… Il servizio avrà una parte separata dal social e avrà una chat divisa. Gli utenti quindi potranno creare un profilo ad hoc per il dating che sarà visibile solo a chi ha fatto la stessa scelta. I partner verranno individuati dall’algoritmo, sulla base di preferenze, interessi e amici comuni.

Facebook aveva già fatto un passo in questa direzione attraverso lo strumento Discover People: si passa così dal «persone che potresti conoscere» al «persone di cui ti potresti innamorare». Facebook scende su un campo nel quale la concorrenza ha fatto tanta strada raccogliendo numeri notevoli: i due servizi più popolari sono quelli di proprietà di Match Group, l’azienda leader. Uno è Tinder, il più popolare; l’altro OkCupid. Dating sarà attivo verso fine anno, ma il semplice annuncio ha causato un terremoto in Borsa, con il crollo delle azioni di Match Group.

 

 

Clear History, più sicurezza. La nuova strategia di Zuckerberg d’altra parte è molto chiara: «Creare comunità e unire il mondo». Una strategia sulla cui strada Mr. Facebook incontra pochi rivali. Ma il caso Cambridge Analytica, la società di consulenza che ha collezionato le informazioni di milioni di utenti per inviar loro dei messaggi politici mirati, è suonato come un allarme: la violazione della privacy è un vulnus pesante alla reputazione del più importante social del mondo.

Per questo mentre faceva un ulteriore passo in avanti nella vita intima dei suoi utenti, Zuckerberg offriva una garanzia con un nuovo servizio, Clear History. «Sarete in grado di vedere le informazioni riguardo alle app e ai siti web con cui avete interagito attraverso il vostro account e di cancellarle. Inoltre, potrete anche scegliere di disabilitare la collezione di questi dati attraverso il vostro profilo», ha garantito il guru di Memlo Park. «Sul browser del vostro computer potete eliminare i cookies: lo stesso ora avverrà su Facebook. L’esperienza peggiorerà, ma è un controllo che pensiamo dobbiate avere». Insomma, se ci tenete alla privacy, avrete servizi peggiori. A voi la scelta…

Condividi
Top news
Glocal news
Video più visti
Foto più viste
Idee & Consigli