In Giappone è già sold out. Costa 700 €

Il Walkman compie 35 anni e si regala un nuovo modello

Il Walkman compie 35 anni e si regala un nuovo modello
22 Luglio 2014 ore 11:15

Non per il mercato di massa, ma per pochi fortunati: potrebbe essere questo lo slogan con cui la Sony, per festeggiare i 35 anni dalla nascita dell’indimenticabile walkman, ha deciso di lanciare sul mercato internazionale un nuovo prodotto simile al vecchio lettore musicassette, ma in una veste totalmente rivoluzionaria: lo ZX1. Rispetto al suo predecessore il dispositivo è un prodotto d’élite, rivolto a chi è disposto a spendere parecchi soldi per ascoltare musica di altissima qualità. Il costo si aggirerà intorno ai 700 euro per un blocco di alluminio che sarà dotato di uno schermo touch, molto simile ad uno smartphone, e che permetterà di riprodurre l’intera gamma dei suoni con alta qualità. Nonostante il prezzo elevato, in Giappone, dove è stato venduto da dicembre 2013, ha raggiunto velocemente il sold out, mentre da febbraio è disponibile anche nel Regno Unito per 545 sterline.

 

1_01

 

Kenji Nakada, che si occupa della qualità del suono dei prodotti Sony, ha detto: «Il messaggio per i nostri progettisti e ingegneri è stato: “Si prega di creare un buon prodotto senza preoccuparsi dei costi”». Assieme a questo modello la Sony ha lanciato anche l’F880 che non è altro che la versione più economica dello ZX1, con prezzo di partenza che si aggira attorno ai 300 euro, dotato di un display più piccolo e di capacità di memoria inferiore, con un massimo di 64 GB. Il lettore supporta risoluzioni fino a 24 bit di profondità e 192 kHz di frequenza, parecchio superiori a quelle di un Cd. È pensato per riprodurre brani musicali in formati audio che, a differenza del più comune MP3, sono senza perdita di qualità, come Wav e Aiff, entrambi compatibili con sistemi operativi Windows e Macintosh. Questo tipo di file hanno dimensioni molto ampie, a livello di byte rispetto ai file MP3, e hanno bisogno di un maggiore spazio di archiviazione, che Sony fornisce con una memoria da 128 GB (sufficiente per avere in memoria circa 36 mila canzoni).

 

 

La storia del walkman.

L’ 1 luglio 1979 veniva venduto in terra nipponica il primo Walkman, modello TPS-L2, di colore blu-argento. Pare che l’allora presidente di Sony, Masaru Ibuka, avesse chiesto ai suoi progettisti uno strumento in grado di permettergli di ascoltare le sue opere preferite durante i continui e duraturi viaggi di lavoro. Creato da Akio Morita, Masaru Ibuka e Kozo Ohsone, sotto la guida di Norio Ohga, ideatore della Playstation, gradualmente il walkman si diffuse in maniera capillare, tanto da arrivare ad essere identificato con qualsiasi lettore di audiocassette portatile. Nel primo modello di walkman la “faceva da padrone” il Pressman, pensato per registrare le conversazioni per giornalisti ed imprenditori; in seguito si privilegiò la capacità di riproduzione stereo tramite l’inserimento di due cuffie, che ne fecero strumento cardine e di riferimento tra i giovani degli anni ’80.

 

209200-2-walkman-tps-l2

Fondamentale a livello di lancio del prodotto fu il film “Il tempo delle mele” del 1980 e diretto da Claude Pinoteau: nella scena cult la protagonista Vic, interpretata da Sophie Marceau, nel trambusto di una festa ascolta da un walkman le note di una canzone romantica assieme al suo ragazzo.

Nei suoi 31 anni di vita, la Sony ha deciso di terminarne la produzione il 22 ottobre 2010, il marchio walkman ha venduto circa 400 milioni di prodotti, dei quali la metà sono stati i lettori di audiocassette. Con l’avvento dell’I-pod nel 2001, Apple si è impadronita del mercato musicale, puntando fortemente sugli MP3, sancendo il tramonto di un prodotto storico come Walkman. Ma per i suoi 35 anni la casa nipponica ha voluto puntare di nuovo su uno di quegli strumenti che gli ha permesso di diventare un punto di riferimento nel mercato dell’elettronica.

 

Top news
Glocal News
Video più visti
Foto più viste
Il mondo che vorrei
Curiosità
ANCI Lombardia