Sparare notizie ovvero fare la guerra

22 Settembre 2014 ore 13:58

Due notizie interessanti in questi giorni. La prima dice che l’Isis (o Isil, IS, Califfato) vende petrolio a prezzi ridotti anche a Paesi europei. Ci sono anche i conti su quanto guadagnerebbe. La seconda dice che l’Isis è un progetto americano. Viene precisato che non è il risultato del fallimento della politica americana nell’area. È proprio un progetto pensato così.

Bisognava far uscire dalla zona tutte le popolazioni non sunnite e questo è stato fatto. Alcune fonti sostengono che l’azione anticristiana in Iraq sia stata iniziata dagli Usa. I raid aerei sarebbero nient’altro che una operazione fumogena. D’altro canto tutti sono d’accordo sul fatto che bombardare non serve a nulla.

Altre fonti sostengono che al-Baghdadi sia in realtà un ebreo agente del Mossad – i servizi segreti israeliani – a nome Shimon Elliott e che tutto quanto sta succedendo in Siria-Iraq sarebbe da addebitare a chi lo ha incaricato di fare piazza pulita in vista di una azione combinata Usa-Israele.

Non sappiamo se notizie come le precedenti siano vere. Dubitiamo anche che ci sia qualcuno che sappia esattamente la percentuale di verità in esse contenuta. Una cosa però è sicura: che oggi la guerra non si combatte solo coi cannoni. Un coltello e una videocamera sono armi altrettanto potenti della rete su cui circolano le notizie. L’azione di Edward Snowden può essere classificata come “bellica”? Il terzo millennio è davvero iniziato. Dare notizie diventa un’impresa ogni giorno più complessa. Ma ci stiamo attrezzando.

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Video più visti
Foto più viste
Il mondo che vorrei
Curiosità
ANCI Lombardia