Per ogni bottiglia, una cartolina

Via Priula ha creato la birra Croèl prodotta con le castagne di Averara

Via Priula ha creato la birra Croèl prodotta con le castagne di Averara
19 Ottobre 2019 ore 09:17

La famosa bevanda di malto e luppolo è tra le più apprezzate al mondo, conosciuta fin dall’antichità e già leggenda nella storia dell’antico Egitto e della Mesopotamia. Una passione che negli anni è cresciuta fino ad arrivare ai giorni nostri, portando il famoso “succo fermentato” a mutamenti e trasformazioni, necessari ad accontentare palati sempre più esigenti, ma anche frutto di studi e alchimie che i mastri birrai, artefici di queste ricette segrete, custodiscono gelosamente. A San Pellegrino Terme, borgo brembano conosciuto per la sua storia e le sue bellezze, troviamo il birrificio Via Priula, nato nell’agosto del 2010 dalla passione per le birre di qualità di Giovanni Fumagalli e Mauro Zilli. Forti di una decennale attività hobbistica e ispirati dal successo ottenuto dalla Imperial Stout di Giovanni in occasione di un concorso per homebrewer, i due iniziano a realizzare le loro ricette presso gli impianti produttivi di altri birrifici, arrivando a produrre birre apprezzate e riconosciute anche dai più esperti. Da maggio di quest’anno, il birrificio dispone anche di proprio un’impianto che gli permette una produzione totalmente indipendente.

 

 

«Qualche mese fa siamo stati contatti dall’associazione Castanicoltori di Averara, che ci ha proposto di realizzare un prodotto a base di farina di castagne – racconta Giovanni -. L’associazione intende promuovere Averara e il suo territorio in termini di natura, arte e storia. Parte di questo progetto sono stati i cosiddetti “croèl”, che hanno ispirato il nome alla nostra birra. Sono piccoli biglietti creati dai castanicoltori per presentare e diffondere le ricchezze naturalistiche, culturali e storiche del paese. Il croèl, in bergamasco, è anche il setaccio che viene utilizzato per vagliare la farina di castagne, selezionandone la qualità. Questi biglietti ripropongono i luoghi più belli di Averara attraverso immagini, foto e brevi testi, che sono allegati alle bottiglie. Una sorta di cartolina di viaggio, che rende ogni birra speciale. Croèl è stata presentata il 5 ottobre alla Sagra della Castagna di Averara. Per l’occasione sono state confezionate 1500 bottiglie in formato da 33 cl. La tiratura, che sarà strettamente stagionale, ha dato vita a una birra a bassa fermentazione non rifermentata, con note affumicate e dal sapore non troppo amaro, realizzata esclusivamente con farina di castagne di Averara e con l’aggiunta di miele di castagno. Le nostre creazioni sono legate all’interesse verso il territorio, le nostre origini e i luoghi da cui veniamo. Sono gli ingredienti dell’area in cui operiamo, in modo particolare la nostra valle, a fare la differenza nei nostri prodotti. La cura nella scelta di questi ultimi sono ciò che più ci appassiona e ciò che poi rende il prodotto finale una vera birra artigianale bergamasca».

 

 

Possiamo assaggiare Croèl (e le altre creazioni del birrificio) presso il Beerghem Birreria Via Priula di Bergamo, in via Alberto Pitentino, oppure presso la Birreria Via Priula di San Pellegrino Terme, posta a pochi passi dal birrificio omonimo. «Giovedì 24 ottobre, presso il nostro locale di Bergamo si terrà una cena a base di castagne in compagnia dell’Associazzione Castanicoltori di Averara – continua Giovanni -. Per l’occasione sarà proposto un menù che vede al centro dell’attenzione la regina d’autunno, naturalmente accompagnata dalla Croèl».

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Video più visti
Foto più viste
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia