Da «In del formài a m’sè i piö fórcc» a...

Dieci frasi in bergamasco sulla fiera del formaggio

Dieci frasi in bergamasco sulla fiera del formaggio
25 Ottobre 2019 ore 05:30

Si è da poco conclusa FORME, la manifestazione che ha portato a Bergamo tutto il mondo del formaggio, e si scambiano i pareri tra i numerosi visitatori che hanno affollato la Fiera e Piazza Vecchia. Non poteva che essere un successo, nella terra dei bergamini. Anche se il nostro colesterolo, forse, avrebbe qualcosa da dire.

 

1. Gh’éra ché töt ol mónd

Per una volta non è un’espressione figurata. C’era davvero il mondo del formaggio a Bergamo, e la profonda ammirazione che nutriamo per noi stessi non può che esserne gratificata. [Trad. C’era qui tutto il mondo]

 

2. Per sés mis a l’màie piö

Storici consumatori di derivati del latte, abbiamo visto la fiera come le faine vedono un pollaio. E ci siamo lasciati andare a un numero di assaggi che il nostro colesterolo giudicherà molto severamente. [Trad. Per sei mesi non lo mangio più]

 

3. In del formài a m’sè i piö fórcc

Tra le numerose attività che ci vedono primeggiare, c’è anche quella del casaro. La Champions dei formaggi l’abbiamo già vinta, con le nostre nove DOP, tutte buonissime. [Trad. Nel formaggio (come produzione) siamo i più forti]

 

4. Ó fàcc giornada

C’è chi ha trascorso alla manifestazione l’intera giornata di sabato, o di domenica, dedicando alla degustazione di vini e formaggi lo stesso entusiasmo che storicamente applichiamo al lavoro. [Trad. Ho fatto (ho trascorso una) giornata]

 

5. M’è piasìt proà ‘l vì

Non di solo cacio vive l’uomo. Le lunghe file al tavolo della degustazione dei vini hanno dimostrato che la nostra curiosità intellettuale si estende anche al campo enologico. [Trad. Mi è piaciuto assaggiare il vino]

 

6. Ghe n’éra de chèi chi sömeàa gna formài

Forme bizzarre a piramide, a tronco di cono, a torta nuziale. Colori improbabili come il grigio, l’arancione, il verde. La nostra tradizionale e rassicurante concezione di formaggio è stata messa a dura prova. [Trad. Ce n’erano alcuni che non sembravano nemmeno formaggi]

 

7. L’à ensìt ü americà

Una punta di rammarico nel constatare che, nonostante l’imponente presenza di prodotti italiani, la vittoria è andata a un formaggio d’oltreoceano. Sotto sotto, tifavamo però per uno dei nostri. Bergamasco, ovviamente. [Trad. Ha vinto uno americano]

 

8. A m’sé nóter chèi del formài

Qualcuno ha rispolverato l’antico modo di dire e gli ha trovato un’applicazione inedita, stavolta del tutto positiva: siamo i formaggiai per eccellenza. Chissà se in futuro diventerà l’unica interpretazione legittima. [Trad. Siamo noi quelli del formaggio]

 

9. A l’sìe mia che ‘l Leonardo l’éra ü formagér

 

La conoscenza del Montébore, storico formaggio a forma di torta nuziale amato anche dal genio polivalente, ci ha reso più simpatico e familiare anche l’autore della Gioconda. [Trad. Non sapevo che Leonardo fosse un formaggiaio]

 

10. Preferésse sèmper i nòscc

In conclusione, il nostro radicato amore per Bergamo ci fa dire che le eccellenze di casa nostra sono sempre le migliori. Magari sciolte sotto una bella fetta di caldissima polenta. [Trad. Preferisco sempre i nostri]

 

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Video più visti
Foto più viste
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia