«L’à segnàt ‘nfina a l’Méle»

10 frasi sugli atalantini agli Europei e in Coppa America

Oltre a mettere in mostra le doti di un'Italia briosa e convincente, le due competizioni hanno presentato al mondo una squadra intera.... nerazzurra

10 frasi sugli atalantini agli Europei e in Coppa America
Viva Bèrghem 23 Giugno 2021 ore 18:00

di Vecchio Daino

Oltre a mettere in mostra le doti di una Nazionale italiana briosa, convincente e votata all’attacco, le due competizioni internazionali del momento hanno presentato al mondo una squadra intera, e qualcosina di più, tutta formata da atalantini. Le loro gesta si sono già diffuse in tutto il Pianeta, e c’è già qualcuno che teme le sirene dei milioni stranieri. Intanto godiamoceli e basta.

1. A m’gh’à dét öna squadra ‘ntréga

L’affermazione sembra esagerata, in realtà è approssimata per difetto. Tra Europei e Coppa America i giocatori della dea sono ben dodici, e quasi tutti protagonisti. Una bella soddisfazione, per Bergamo e per il Gasp. [Trad.: Abbiamo dentro una squadra intera]

2. Sperém ch’i ‘ndàghe mia vià

La vetrina internazionale è indubbiamente un fiore all’occhiello, ma qualcuno teme che esporre i nostri gioielli provochi l’ingordigia dei paperoni internazionali. Speriamo che rimangano, o che almeno li paghino molto bene. [Trad. Speriamo che non vadano via]

3. L’à segnàt ‘nfina a l’Méle

Nessun protagonista assoluto, ma tutti calciatori che giocano per la squadra. Così è nell’Atalanta, così è nella Nazionale, e anche nella Danimarca. Così trova gloria anche chi non è esattamente un goleador. [Trad. Ha segnato persino Maehle]

4. Ol Pesina l’à segnàt söbet

In molti sono rimasti affascinati dalla parabola di questo ragazzo dal cognome vagamente orobico. Dagli altari alla polvere e ritorno, forse per restarci definitivamente. Se il buon giorno si vede dal mattino, è decisamente sulla buona strana. [Trad. Pessina ha segnato subito]

5. Chèl mia bù del Gósen l’è ‘l piö bèl

Probabilmente il gol più spettacolare dell’intero Europeo, peccato che sia stato annullato. La spaccata alla Bruce Lee rimarrà a lungo negli occhi di tutti. Anche se noi siamo abituati alle prodezze di Robin. [Trad.: Quello annullato di Gosens è il più bello]

6. A m’sé po’ a’n Còpa Amèrica

L’euforia per la folta presenza in Europa non deve far dimenticare i tre alfieri della Dea in Brasile. Paradossalmente è il difensore argentino che ha esordito con una doppietta, mentre i due attaccanti Cafeteros sono ancora a secco. Ma verrà anche il loro momento. [Trad.: Siamo anche in Coppa America]

7. Ol Tolòi l’à fàcc ol sò

Pur non spiccando in modo particolare c’è chi, come Toloi, ha fatto il proprio dovere, facendosi trovare pronto per l’entrata in campo. Per noi bergamaschi è già una nota di merito. [Trad.: Toloi ha fatto il suo]

8. Fórt pò a l’Mìranciuch

In gol anche il russo, con una marcatura che ha consentito alla sua Nazionale di vincere contro la Finlandia. Purtroppo poi non è servito a nulla, se non a convincersi di avere a disposizione un altro grande talento. [Trad.: Forte anche Miranchuk]

9. Ol Malinòschi a l’zöga mèi ché

Con Malinovski probabilmente siamo abituati troppo bene, e le sue prestazioni tra luci e ombre degli Europei non ci convincono del tutto. Certo, giocare nell’Atalanta dà sempre una spinta in più. [Trad.: Malinovskyi gioca meglio qui]

10. Ol Fròiler l’éra mia lü

C’è anche chi in campo è sembrato irriconoscibile, probabilmente più per demeriti della squadra che propri. Ma siamo sicuri che a Bergamo tornerà la solita roccia a centrocampo. [Trad. Freuler non sembrava lui]