Viva Bèrghem
«Il lavoro paga»

Perché il Panificio Gamba fa un panettone da podio

Perché il Panificio Gamba fa un panettone da podio
Viva Bèrghem 18 Novembre 2014 ore 12:40

panificio gamba ph devid rotasperti (1)

 

Un prestigioso riconoscimento, un traguardo che ha il sapore morbido e le forme definite di un panettone artigianale. Lo scorso 20 ottobre, alla Città del Gusto Gambero Rosso di Roma, il panificio artigianale F.lli Gamba di Bergamo è stato insignito del terzo premio come “Miglior Panettone 2014”.

«Ancora fatichiamo a crederci ed è una grande soddisfazione per noi questo risultato – commenta Mario Gamba, titolare con il fratello Gianbattista del panificio di via Don Bosco 25, in zona Malpensata -. Sapete, siamo panettieri e dunque fare panettoni è stata per noi una vera e propria avventura, dall'inizio alla fine. Il linguaggio del pane è diverso, differente la conoscenza delle materie prime per ottenere una fragranza quotidiana. Il risultato ci ha quindi dimostrato una sola cosa: che il lavoro paga». Un lavoro lungo e meticoloso, fatto di dosaggi al millesimo, mescidanze di sapori, consistenze da verificare un minuto dopo l'altro. Un lavoro da farmacisti, per dirla con le parole del titolare, dove essenziale è la precisione nei dosaggi, ma soprattutto un lavoro di équipe per ottenere il risultato perfetto. Nel cuore della notte si mescolano gli ingredienti, si impasta, si crea. E poi, una volta cotto, si assaggia.

16 foto Sfoglia la gallery

«Nella nostra squadra abbiamo Marisa, una vera e propria degustatrice dal palato sopraffino che dà la sua opinione e aiuta a far sì che vengano corrette le imperfezioni», continua Mario. Dunque artigianalità allo stato puro, come i panettoni di una volta. Ma attenzione! Per godere appieno della bontà di questo prodotto, si deve avere la pazienza di attendere 20 giorni. In questo tempo, il panettone artigianale arriva a piena maturazione e dà il meglio di sé grazie ad un cuore morbidissimo, che si scioglie letteralmente in bocca. Non importa che sia di pere e cioccolato, marron glacé e noci, gocce di limone, albicocche, o al profumo di Moscato di Scanzo. L'essenziale è saper attendere. E se vi state domandando con quale tipo di panettone i fratelli Gamba hanno vinto il terzo premio nella competizione “Miglior Panettone 2014”, è presto detto: la giuria è rimasta conquistata dal Panettone Classico.

I finalisti sono stati valutati da un team d'eccezione, composto da Iginio Massari, Gino Fabbri, Davide Paolini, Laura Mantovano e Mara Nocilla, che hanno votato i panettoni finalisti analizzandone il gusto, la forma, il colore, la qualità degli ingredienti, il profumo, la sofficità, la fragranza, il taglio, l'alveolatura, l'uniformità di distribuzione della frutta e la cottura.

8 foto Sfoglia la gallery

L’evento denominato “Panettone Day” è stato creato da Braims, tra le aziende italiane leader nella produzione di materie prime e semilavorati per pasticceria e panificazione. Da oltre quarant'anni l'azienda promuovere con passione e dedizione l'eccellenza della pasticceria artigianale italiana, attraverso investimenti in ricerca e sviluppo e la collaborazione con le più grandi firme del mondo della Pasticceria, nella figura di Iginio Massari; dell'Arte, con l'artista Francesco Musante; e della Scienza dell'alimentazione, rappresentata dal professor Franco Antoniazzi.

Durante l’evento finale sono state effettuate delle brevi interviste ai pasticceri vincitori, che dal 10 al 14 novembre hanno partecipato alla registrazione del programma tv di Dolcemente con... condotto da Maurizio Santin. Le puntate, che andranno in onda su Gambero Rosso Channel in prima visione entro Natale 2014, riporteranno anche alcune pillole delle interviste ai vincitori del concorso (Mario Gamba compreso), che potranno così raccontare la propria storia di arte pasticcera.

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter