La nostra enciclopedia virtuale

BGpedia, il sito che tiene viva la memoria dei bergamaschi

BGpedia, il sito che tiene viva la memoria dei bergamaschi
Viva Bèrghem 05 Febbraio 2016 ore 13:08

La memoria dei bergamaschi illustri era, fino a poco tempo fa, affidata quasi esclusivamente al meritorio lavoro storico di Bortolo Belotti, portato a sintesi nei corposi e preziosissimi volumi della Storia di Bergamo e dei Bergamaschi. Ma si sa, questo è il periodo in cui la memoria collettiva delle comunità è sempre più affidata alla rete, dove globale e locale convivono, si supportano, si contaminano. Così succede che le storie locali diventino anche degli interessanti progetti virtuali, fruibili da tutti, come BGpedia, che raccoglie la storia di Bergamo e dei bergamaschi.

Le origini dell’idea. Il progetto nasce cinque anni fa dalla collaborazione tra Umberto Zanetti, poeta e scrittore bergamasco, e Ferruccio Arnoldi, editore intraprendente innamorato di Bergamo. «Tanti anni fa – racconta Zanetti – un’emittente locale mi chiese di curare una piccola rubrica dedicata ai bergamaschi illustri, in quanto avevo già iniziato delle ricerche di cultura locale. Per accedere facilmente ai dati di cui avevo bisogno, iniziai a redigere delle schede informative su personaggi bergamaschi. Successivamente mi resi contro dell’importanza delle storie che avevo raccolto per le mie ricerche». Da questo materiale è nato il libro Mille bergamaschi nella storia, un’opera di studio, non particolarmente commerciale, di cui il professor Zanetti pensò di affidare la pubblicazione a Ferruccio Arnoldi. L’idea piacque subito ad Arnoldi che oltre a pubblicare il libro pensò di portare la ricerca sul web, creando, appunto, il portale BGpedia.

 

curò

 

I protagonisti. I bergamaschi illustri sono stati scelti tra varie discipline, così il progetto si è popolato di letterati, teologi, filosofi, artisti, musicisti, rigorosamente allineati in ordine alfabetico, dalla A di Abbiati Franco, critico musicale, alla Z di Zucco Francesco, pittore manierista di soggetti sacri. Nel progetto sono stati inseriti anche personaggi illustri non bergamaschi, che però hanno operato a Bergamo, arricchendo la vita culturale della città e lasciando tracce significative del loro operato. Un esempio significativo è rappresentato da Lorenzo Lotto. Zanetti precisa che sono stati inseriti solo personaggi già deceduti: «Le persone in vita sono sempre in tempo a combinare un pasticcio – scherza il professore -, perciò è meglio inserirli successivamente. Non si sa mai!». Può sembrare strano, ma nel mondo ci sono tantissimi ricercatori interessati alla storia di alcuni bergamaschi, e questo anche grazie ai profili che Zanetti sta minuziosamente raccogliendo. BGpedia è un portale gratuito in continua evoluzione: basta digitare nel motore di ricerca il nome di un bergamasco illustre per avere accesso a molte schede informative.

 

Untitled

 

La memoria delle nuove generazioni. «Abbiamo tanti motivi di orgoglio della nostra tradizione bergamasca – afferma Ferruccio Arnoldi -.  Ho viaggiato molto nella mia vita e devo ammettere che pochissimi territori hanno prodotto, in tutte le discipline, un numero di geni paragonabile a Bergamo. Per questo motivo abbiamo pensato di creare una “banca della memoria”, in modo tale da trasmettere il nostro patrimonio culturale anche alle generazioni future». Per il futuro Zanetti ha da poco mostrato all’editore Arnoldi una raccolta di duemilacinquecento detti e proverbi bergamaschi che aspettano di essere diffusi. Centottanta di questi sono già stati pubblicati in un calendario realizzato in collaborazione con BGpedia e distribuito gratuitamente dal Comune di Bergamo, inoltre sono stati messi a disposizione del pubblico anche in occasione di alcune mostre realizzate in vari punti di Bergamo: al centro commerciale Auchan, all’aeroporto di Orio al Serio, all’ospedale Giovanni XXIII.

Il sito www.bgpedia.it dispone anche di una sezione dedicata alle immagini della storia di Bergamo, che in futuro verrà arricchita anche dalle numerose litografie storiche presenti in archivio. E per rendere sempre più completa l’enciclopedia virtuale dei bergamaschi, Zanetti e Arnoldi lanciano un appello ai loro concittadini: «L’impegno di BGpedia è il recupero della memoria, chiunque può partecipare e far crescere questo importante progetto. Se conoscete bergamaschi illustri che a noi son sfuggiti, segnalateceli, dandoci gli elementi essenziali per iniziare nuove ricerche. Solo così questo importante patrimonio potrà essere trasmesso alle future generazioni!».

Condividi
Top news
Glocal news
Video più visti
Foto più viste
Idee & Consigli