L’orizzonte del rilancio

Il centro cambia volto dal 2018 Bando e gara europea ad aprile

Il centro cambia volto dal 2018 Bando e gara europea ad aprile
07 Marzo 2017 ore 12:45

Il centro cambia volto, e lo fa nel migliore dei modi, almeno sulla carta: come nelle grandi metropoli. Il Comune ha preparato il terreno: attraverso la variante urbanistica sono state ridefiniti le destinazioni dei contenitori del centro piacentiniano. Non manca che lanciare il bando di progettazione internazionale. Poi, dal 2018, il lavori potrebbero già cominciare, a partire dal Quadriportico e Piazza Dante. Palazzo Frizzoni aprirà la gara ad aprile, assistito dallo studio di architettura torinese – Torino architetti – che ha già supportato il Comune di Torino nel concorso internazionale sul Museo dell’automobile. «Lo studio – ha detto a L’Eco di Bergamo l’assessore alla Riqualificazione urbana Francesco Valesini – è stato selezionato in seguito ad una procedura di evidenza pubblica; stiamo definendo i dettagli per la presentazione e comunicazione del bando. Si occuperà della gestione del sito internet creato appositamente per il concorso, della gestione della Giuria e di tutta la comunicazione».

 

 

Un progetto lungo. E corposo. Si è arrivati a questo punto dopo un lavoro non facile. «È stato un progetto corposo, più lungo di quanto ci si aspettava – spiega Valesini –. La pubblicazione del concorso è il risultato finale del lavoro, con passaggi fondamentali, non è l’inizio. Non sono certo stati buttati via due anni». La destinazione d’uso dei contenitori, ovvero la variante, era del resto un tassello importante. Non si poteva improvvisare. Si parte, come detto, da piazza Dante, con intervento già previsto dal Piano delle opere pubbliche. Nuovo volto del centro significa dare una dimensione organica e progettuale a tutti i tasselli del mosaico, dalla ristrutturazione del Teatro Donizetti alla vendita dell’ex Diurno da parte del Demanio.

Il bando chiuderà in autunno. Il bando di progettazione, dopo l’apertura ad aprile, si chiuderà in autunno. L’iter amministrativo sarà così completo. si chiuderà anche l’iter amministrativo. La variante urbanistica definitiva sarà approvata tra ottobre e novembre. Il primo cantiere potrebbe aprire, dicevamo, nel 2018. Un lavoro preventivo molto efficace era già stato fatto, curato dall’Università di Bergamo. Si chiamava «Bergamo public space»: attraverso un questionario e una mappatura dei luoghi on line, aveva fornito informazioni utili ai fine della riprogettazione. La gara invece dovrà dare fornire indicazioni  precise su quanto fare per piazza Dante, piazzetta Cavour e lo spazio di fronte al Donizetti.

 

 

Giovedì apre la pizzeria accanto al Balzer. Come annunciato, accanto al Balzer (dove c’era un negozio di abbigliamento) apre una vera pizzeria napoletana. Non una catena in franchising. Da lunedì febbraio l’inaugurazione è slittata a giovedì 9 marzo, ore 19.30: si chiama Antica Fiera. Il nome è un chiaro rifermento a quello che c’era in zona fino agli anni ’20 del secolo scorso. I gestori vengono proprio da Napoli, con tanto di forno costruito da un artigiano napoletano. A legna, chiaro. Al timone del locale Gianpiero Tewfik, 40 anni, nato a Napoli da padre egiziano e mamma napoletana. Lavora nel settore da 20 anni con la moglie Arianna e ha avuto anche un ristorante a Ibiza. Però voleva tornare in Italia. Oltre alla pizza, proporrà un menù mediterraneo completo, con tante piatti di pesce. Sono 40 i posti a sedere al piano terra, altri 32 nel soppalco, almeno altri 30 all’esterno nella bella stagione.

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Video più visti
Foto più viste
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia