Da venerdì 23 a domenica 25 settembre

Dalla paella allo gnocco fritto Torna lo street food a Treviglio

24 Settembre 2016 ore 08:00

La felicità può trovare casa in un cartoccio. Casa viaggiante, perché la vitalità dello street food, oltre al consumo rapido e all’evoluzione verso l’eccellenza delle sue proposte, sta nel luogo d’origine degli artigiani che ne diffondono il verbo su motocarri e camioncini coloriti. Ce ne sono sempre più, di manifestazioni dedicate al cibo da strada. Perché la gente non si stanca mai di mangiar bene, in maniera informale, curiosando tra i gusti del mondo e socializzando. Si riappropria delle strade passando proprio dall’enogastronomia. Questo weekend tocca a Treviglio: da oggi (venerdì 23 settembre) a domenica 25 va in scena la seconda edizione della kermesse dedicata, appunto, allo street food, tra piazza Garibaldi e via Matteotti. Orario: dalle 9 alle 24, anche domani e domenica.

L’evento è frutto della collaborazione tra Anva Confesercenti, il Distretto del Commercio di Treviglio e l’Amministrazione. Se l’anno scorso gli stand erano pensati come «isole» di gusto, quest’anno l’idea è stata di realizzare un percorso ideale attraverso i sapori del mondo. Inoltre sono state allestite cinque cucine-ristoranti, dove si potranno gustare specialità di Brasile, Messico, Germania, Spagna e Grecia. In totale, compresa l’offerta dei tanti espositori «minori», sono servite pietanze della cucina di nove regioni italiane, undici nazioni e tre province lombarde. Alcuni esempi? Paella preparata in un’enorme casseruola, wurstel tedeschi, i gyros serviti nelle taverne greche (carne allo spiedo con spezie e aromi avvolta in una pita e farcita con la mitica salsa all’aglio, lo tzatziki, e verdure). E poi le minicrepes olandesi, la carne brasiliana (il codone di manzo noto come picanha in primis), le donuts di Omer Simpson (ciambelle americane fritte ricoperte di glassa); i bretzel austriaci. Tanta birra anche, chiaro. L’Italia risponde con cannoli siciliani, vino e salumi piemontesi, lo gnocco fritto emiliano (accompagnato da un tagliere di affettati), farinata e focacce dalla Liguria, prosciutto di Norcia e spalla umbra. C’è anche la possibilità di fare shopping non gastronomico con artigianato russo e abbigliamento lappone.

La prima edizione andò a meraviglia. «L’anno scorso Treviglio ha dimostrato di apprezzare davvero moltissimo lo street food – sottolinea Giulio Zambelli, presidente Anva –. I nostri cuochi di strada porteranno anche stavolta piatti squisiti conditi da buonumore, che faranno riscoprire il piacere di passare un fine settimana in piazza».  Soddisfatto anche il presidente dell’Associazione Commercianti Trevigliesi, Professionisti e Artigiani, Gabriele Anghinoni: «Lo scorso anno lo street food è partito con parecchi dubbi tra i commercianti trevigliesi, dubbi che si sono dissolti alla luce del successo in termini di presenze e del clima che si è creato in tutta la città. L’attivazione di alcuni colleghi trevigliesi che saranno in strada con la propria offerta dimostra il coinvolgimento e la partecipazione delle nostre realtà commerciali».

Per l’occasione, infatti, tornano «on the road» anche alcune iniziative a cura di operatori commerciali trevigliesi: Via Verga Food, il Bbq in via Sangalli, gli aperitivi in musica in piazzetta Santagiuliana (sabato e domenica), mentre la via Zanda si animerà il sabato sera con dj set e punto snack. In concomitanza, sabato e domenica via Sangalli ospiterà una mostra di pittura e scultura. Il Sindaco di Treviglio, Juri Imeri, sottolinea che «dopo Treviglio Vintage, Treviglio in Gioco e Treviglio Libri, Treviglio saluta l’estate con un altro importante evento attrattivo che animerà il centro storico con ricadute positive anche in termini di visibilità del commercio locale. Intendiamo proseguire in questi anni l’opera di valorizzazione della città, investendo nella sua promozione».

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Video più visti
Foto più viste
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia