Da «Cargàt come ün àsen» a...

Dieci paragoni bergamaschi direttamente dal mondo animale

Dieci paragoni bergamaschi direttamente dal mondo animale
13 Dicembre 2014 ore 07:28

Umberto Zanetti, scrittore, saggista e poeta in lingua bergamasca, ci ha inviato un elenco di divertenti “paragoni spontanei” ispirati alla fauna. Eccone una selezione, con l’aggiunta delle nostre descrizioni. Come commenta Zanetti, i nostri vecchi sapevano “leggere nel grande libro del creato”. Queste similitudini, naturali per definizione, forse possono insegnare qualcosa anche a noi, abituati a leggere nei piccoli schermi della tecnologia.

 

1) Cargàt come ün àsen

Post-02_burro

Normale assetto di marcia di ogni contadino, in grado di trasportare almeno il doppio del proprio peso corporeo in fascine, fieno e attrezzi agricoli. Tornata in auge in tempi moderni per la spesa settimanale al supermercato, l’espressione è di nuovo caduta in disuso. Chi lo riempie più il carrello della spesa?

 

2) Uriginàl come öna aca

.

Chi pensa che la mucca sia l’essere meno originale e più prevedibile del mondo, non ha mai conosciuto una vacca alpina bergamasca. Con la sua attitudine da free climber e una testardaggine inequivocabilmente orobica, è dotata di un carattere unico che dà più sapore ai nostri formaggi d’alpeggio.

 

3) Ingùrd come ü sat

rospo_frog

Se tra i vizi capitali tra i bergamaschi il più condannato è senza dubbio l’accidia (òia de fa negót), anche la gola non scherza. In questo caso ne fa le spese il rospo, sinonimo d’ingordigia anche nell’accrescitivo “satù”. Come compensazione, la romantica e discutibile definizione di “canarì de fòss”.

 

4) Ignorant come öna böba

upupa1

Cos’abbia fatto di male al genere umano l’upupa non si sa. Scambiata per uccello notturno di malaugurio, impura per la Bibbia e “calunniata dai poeti”, per i bergamaschi è la stupidità fatta uccello. Si sospetta che tale acrimonia sia dovuta alla sua totale improduttività.

 

5) Svèlt come öna légor

lepreincorsa.jpg_2009129231831_lepreincorsa

Espressione coniata con ogni probabilità da un cacciatore frustrato, esprime ammirazione per chi è in grado di imitare la rapidità di movimento della lepre. Da citare l’efficace espressione “ghe passa la légor e ‘l cassadùr”, a indicare le gambe eccessivamente arcuate, solitamente di una donna.

 

6) Grass come ü capù

image

La fame atavica dei bergamaschi, spesso costretti a vivere negli stenti, ha radicato nella loro cultura una malcelata avversione per chi eccede nell’alimentazione. Sottile la vendetta che in questo paragone evoca, e quasi augura, la crudele evirazione subita dal gallo per diventar cappone.

 

7) Fastidiüs come öna mosca

BambinoMoscab

Basta frequentare la campagna d’estate per capire quanto siano presenti e invadenti le mosche, anche nella versione ipertrofica e dolorosa dei taà (tafani). Siccome l’invadenza è uno dei difetti più invisi al riservato bergamasco, si capisce quanto sia inopportuno tediarlo con una presenza continua e appiccicosa.

 

8) Infiamàt come ü pulì

Krocan

Anomala e accesa colorazione rossa del viso, riscontrabile dopo una raccolta di fieno con temporale in arrivo, un’incauta uscita di settebello a scopa, una libagione (ciòca) affrontata con serena determinazione. A chi ha dimenticato aie e pollai, ricordiamo che il pulì è il tacchino, dai cui bargigli nasce il paragone.

          

9) Nìgher come ü scorbàcc

Corvo Imperiale   IMG_20550

Si tratta di colore nero intenso, come il piumaggio di un corvo, qui nella versione linguisticamente peggiorativa del più neutro “cròv”. Adatto a rappresentare il colore degli occhi e dei capelli, poteva anche indicare il colore della pelle, in tempi in cui la correttezza era negli animi più che nelle parole.

 

10) Ciòch come öna sèpa

9244

Brillante spiegazione dello stato di estrema ubriachezza, confronta la capacità del bevitore di aspirare il liquido con quella di una seppia. Probabilmente con lo stesso meccanismo di espulsione. Analoga similitudine, ma di altra natura, è “sténch come öna boröla” dove il grado di cottura alcolica equivale a quello della gustosa caldarrosta.

Top news
Glocal News
Video più visti
Foto più viste
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia