Viva Bèrghem
Da «L'è mèi 'ndà a fóns» a...

10 frasi bergamasche sui Pokémon

10 frasi bergamasche sui Pokémon
Viva Bèrghem 23 Luglio 2016 ore 07:00

“Poké Ball” potrebbe essere un motto bergamasco, se non fosse l'oggetto che permette di catturare i Pokémon. Forse per questo, anche da noi, i mostriciattoli che si nascondono e si evolvono hanno conquistato orde di fan. La miscela esplosiva tra giocabilità e versione per smartphone ha scatenato una caccia implacabile, da Valbondione ad Antegnate. Ma c'è anche chi rifiuta questa ennesimo fenomeno di massa, e chi sospende il giudizio. Sentiamo un po'.

 

I TRADIZIONALISTI

1) Coss'éi pò chi laùr lé?

cosa sono i pokemon

Siamo davanti al grado zero della conoscenza, con il bergamasco duro e puro che non naviga in internet, possiede un cellulare del Carlo Codega e, in generale, è refrattario alle novità. [Trad: che cosa sono quei cosi lì?]

 

2) L'è mèi 'ndà a fóns

pokemon go 1

Valutazione d'indubbio valore pratico che equipara la fruttuosa raccolta dei funghi con l'infruttuosa e virtuale raccolta dei Pokémon. Del resto, nessuno si è mai saziato con un Bulbasaur. [Trad: è meglio andare a raccogliere funghi]

 

3) I sömea töcc rembambìcc

pokemon go rimbambiti

Inevitabile lo scuotimento di testa che accompagna questa frase, pronunciata da due anziani signori che dalla loro panchina assistono con stupore agli spostamenti di massa. Può essere però un'interessante alternativa alla contemplazione dei cantieri estivi. [Trad: sembrano tutti rimbambiti]

 

I GIOCATORI

4) A n'ó troàt ü sö la lòbia

pokemon go dappertutto

È con gioia che il novellino scopre di poter catturare un animaletto proprio nella propria casa. Più tardi scoprirà, con una certa delusione, che i primi Pokémon sono praticamente un omaggio della ditta. [Trad: ne ho trovato uno sulla terrazza]

 

5) Lé a la cesina gh'è ol rifornimét

pokemon go corsa ai pokemon

I luoghi di riferimento per le incombenze quotidiane o per le gite domenicali assumono la nuova funzione di punti di rifornimento per giocatori. Si segnalano già organizzazioni di gite che hanno il solo scopo di arricchire la propria squadra di Pokémon. [Trad: là alla chiesetta c'è il rifornimento]

 

GLI IPOCRITI

6) L'è per la mé neudina

pokemon ricerca

Messo alle strette, il laudator temporis acti più accanito cerca di salvarsi in corner attribuendo tutte le responsabilità all'ingenua e incolpevole nipotina. Per poi congedarsi rapido e correre a catturare un Charizard. [Trad: li prendo per la mia nipotina]

 

I POSITIVI

7) Issé almeno i s-cècc i camina

ricerca pokemon divertente

Non tutto il male vien per nuocere. Dando per scontato che la maggior parte degli adolescenti passa il tempo con il naso affondato nello schermo di uno smartphone, Pokémon Go obbliga almeno a un minimo di attività motoria. [Trad: così almeno i ragazzi camminano]

 

I COMPLOTTISTI

8) I a dóvra per robàt

pokemon delusione

Vere o presunte, si susseguono le notizie di cronaca nera in cui i giocatori vengono assaliti, derubati, adescati, attirati in luoghi pericolosi, scoprono un cadavere, causano incidenti mortali. “Giocare responsabilmente “ per i PoKémon vale ancora di più. [Trad: li usano per derubarti]

 

I CINICI

9) I è dré a fa öna carèta de sólcc

esultanza pokemon

I fanatici del “cui prodest” hanno già analizzato la situazione economica della casa produttrice del gioco, ipotizzando giri d'affari miliardari. Il bello è che hanno ragione. [Trad: stanno facendo una montagna di soldi]

 

I NERD

10) I ghe ria mia a staga dré

pokemon go 3

Già il giorno stesso del lancio è apparsa la minacciosa scritta «Si è verificato un problema con i nostri server». E i nostri berganerd, con occhi sognanti, immaginano immense distese di computer che ruminano in silenzio miliardi di dati. [Trad: non riescono a tener dietro alle richieste]

Seguici sui nostri canali