M’à fàcc zamò bèl

Dieci frasi in bergamasco sul rush finale della Dea

Sì ok bello, ma c'è chi fa notare con disappunto che "A mé a l’l me é 'n scarsèla negót"

Dieci frasi in bergamasco sul rush finale della Dea
Viva Bèrghem 28 Aprile 2021 ore 09:46

di Vecchio Daino

Ormai ci siamo. Mancano solo cinque giornate alla fine del campionato e l’Atalanta è ancora lì, vicina alla vetta, che si gode dall’alto la classifica. Ma noi non ci lasciamo incantare, perché sappiamo benissimo quanto possono essere fugaci le glorie di questo mondo. Però nessuno ci può negare la soddisfazione di aver espresso un gioco che ha incantato tutti.

1. Stém co i pé ‘n tèra

Il nostro carattere ci impedisce di lasciarci andare ai voli pindarici, anche se potrebbero essere giustificati. Preferiamo mantenerci ben saldi sulla superficie che ci ha sempre nutrito. [Trad.: Stiamo con i piedi per terra]

2. A l’sarèss bèl restà lé

 

Il secondo posto in classifica sarebbe il miglior risultato raggiunto nella lunga storia dell’Atalanta. Ma per prudenza usiamo il condizionale, considerandolo più un sogno che un’ipotesi plausibile. [Trad.: Sarebbe bello rimanere lì]

3. L’è ü botép a èdei zögà

La Dea è riuscita persino a incrinare la nostra storica propensione alla concretezza, seducendoci con la perfezione di una traiettoria, l’eleganza di un dribbling, l’armonia di un’azione corale. [Trad.: È bellissimo vederli giocare]

4. A l’pöl söcéd de töt

Le vicende della vita ci hanno insegnato che non sempre, anzi quasi mai, le cose vanno come vorremmo. Applichiamo quindi anche al campionato l’ottimismo della volontà e il pessimismo della ragione che ci contraddistinguono da sempre. [Trad.: Può succedere di tutto]

5. M’à fàcc zamò bèl

Accontentarci di quello che abbiamo è una specie di dogma, e la splendida annata dall’Atalanta, riconosciuta da pubblico e addetti ai lavori di tutta Europa, è già un trofeo. [Trad.: Abbiamo già fatto bello]

6. Mèi dì negót

La tradizionale parsimonia di parole che ci è propria dovrebbe essere per molti di noi utilizzata anche nel calcio. Ma così verrebbe meno il senso anche di questo articolo, e ormai è stato scritto. [Trad.: Meglio dire niente]

7. Töte i düminiche strèmpie

La nostra leggendaria compostezza si incrina, quando vediamo la nostra squadra affrontare gli ultimi ostacoli di un cammino splendido. Ma è un’ansia che accettiamo volentieri. [Trad.: Tutte le domeniche vado in ansia]

8. Ghe pò a’ la Còpa Italia

Come se non bastasse, l’Atalanta deve anche affrontare una finale, per di più con la squadra che per anni ha rappresentato la nostra bestia nera. E qui è meglio non fare pronostici. [Trad.: C'è anche la Coppa Italia]

9. A l’sarà contèt ol Tóne

Il mondo del pallone ha riservato complimenti non solo alla squadra, ma anche alla società, che con la sua gestione oculata ha dimostrato la fondatezza della nostra fama di amministratori oculati delle risorse. [Trad.: Sarà contento Antonio (Percassi)]

10. A mé a l’l me é ‘n scarsèla negót

Non manca chi ne fa una questione personale, e ci tiene a sottolineare la sua distanza da avvenimenti, pur epici, che non impinguano le sue tasche. Alcuni la chiamano grettezza, noi preferiamo definirlo realismo. [Trad.: A me non viene in tasca nulla]