Delicatissimi allestimenti

Il laboratorio Petali di Alice a Dorga Ad ogni evento la sua cornice di fiori

Il laboratorio Petali di Alice a Dorga Ad ogni evento la sua cornice di fiori
27 Ottobre 2015 ore 10:17

Alice

 

C’è un tempo per il romanticismo e un tempo per il decoro, un tempo per sognare e un tempo per agire. In tutte queste fasi alterne della vita, lei c’è sempre: Alice Ferrari, titolare di Petali di Alice a Dorga (Castione della Presolana). Se devi dirlo, perché non farlo con un fiore? Così, proprio partendo da quest’idea, Alice, intraprendente 38enne bergamasca, ha dato forma al suo business.

L’inizio, dopo varie peripezie. «Ho aperto la mia attività nel 2008 e a novembre 2013 mi sono trasferita qui dove sono ora, in via Donizetti 9, trasformando il negozio in un vero e proprio laboratorio creativo», racconta. Protagonisti in vetrina non sono solo fiori recisi e piante d’appartamento, ma anche oggettistica, dai servizi di piatti e bicchieri ai soprammobili, dalle bomboniere alle cornici, dai decori da parete ai profumatori per ambiente. «Ho sempre desiderato aprire un’attività tutta mia – confida la proprietaria – e, dopo varie peripezie, è arrivata».

8 foto Sfoglia la gallery

Dopo aver conseguito la laurea in Scienze Politiche, infatti, si è cimentata nelle più svariate professioni, lavorando per un po’ la commessa in un negozio di abbigliamento, poi in una cooperativa sociale e in Provincia, nelle Politiche Sociali. «Finito il mio contratto, non c’era possibilità di rinnovo e non c’erano concorsi in vista – ricorda Alice –, così mi sono recata in Camera di Commercio per chiedere informazioni e lì mi hanno detto di un bando a fondo perduto per le giovani imprese. Mi sono rimboccata le maniche ed è iniziato il mio percorso: mi è stato finanziato un corso a Federfiori (la Federazione Nazionale dei fioristi italiani, aderente a Confcommercio Imprese per l’Italia) e poco dopo ho inaugurato Petali di Alice».

I matrimoni e i grandi eventi. Un’avventura iniziata sotto i migliori auspici, che è continuata alla grande, superando i momenti della crisi economica, grazie a un talento comprovato dal passaparola. «Ho anche una pagina Facebook, sono presente a varie fiere e su alcuni portali di nozze», specifica Alice, perché l’allestimento nei matrimoni è uno dei capitoli più importanti del suo lavoro quotidiano: «Mi occupo di circa 50 eventi all’anno, di cui per l’80 percento matrimoni e un 20 percento meeting aziendali, cene di Natale, congressi e così via. Allestisco le sale che verranno utilizzate per queste mondanità con fiori e materiali (come candele, vasi di vetro, tessuti, rame), a seconda della tipologia di evento, delle richieste, della stagione e dei gusti del committente».

4 foto Sfoglia la gallery

Privati e titolari d’azienda sono i suoi interlocutori quotidiani, tra cui lei si destreggia, garantendo sempre la sua presenza, «anche se non sono sempre in negozio, perché faccio sopralluoghi e vado ad appuntamenti. In più, a partire da fine novembre partecipo anche ai mercatini di Natale a Dorga, che continuano fino a gennaio. In ogni caso, è sempre possibile contattarmi telefonicamente, anche solo per ordinare un mazzo di fiori».

Chi compra fiori oggi? A quanto pare, i gentleman che suonano alla porta della loro amata con un pensiero floreale esistono ancora, ma i numeri dei clienti parlano chiaro: sono sempre più le donne a regalare fiori ad altre donne, «come la mamma, la zia, l’amica… Le donne hanno una sensibilità diversa, anche nel capire questi gesti gentili». L’affluenza del pubblico varia notevolmente a seconda del periodo dell’anno: dai giorni in cui ci sono solo un paio di clienti ai picchi di 40 persone nei periodi di luglio e agosto, oppure sotto Natale e nei weekend.

Amare il proprio lavoro. Del suo lavoro, ad Alice piace ogni sfaccettatura, dalla possibilità di creare qualcosa di bello partendo da zero e manipolarlo con le mani, fino a riuscire a interpretare i desideri di chi si rivolge a lei, che sia per un semplice mazzo di fiori o per un intero allestimento. «Amo tutto ciò che è naturale e di stagione – sottolinea, per spiegare bene a tutti il suo stile – e amo ricreare scenari naturali. I miei fiori preferiti sono i ranuncoli, i tulipani e tutte le bulbose in genere, ma ho un debole anche per ortensie, peonie e fiori di campo». Perché ogni cosa ha un fascino intrinseco, che qualcuno, come Alice, riesce a fare risplendere.

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Video più visti
Foto più viste
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia