L’evoluzione

Menù da chef sempre a 35 euro Nuovo nome: RistorantiBergamo

Menù da chef sempre a 35 euro Nuovo nome: RistorantiBergamo
17 Ottobre 2019 ore 05:30

L’eccellenza della ristorazione bergamasca si associa e crea nuovi eventi enogastronomici all’insegna della cultura, della bellezza, ovviamente del gusto, con una nuova offerta per Bergamo e i bergamaschi, ma anche per il comparto turistico. Un nuovo progetto che raggruppa oltre 30 ristoranti di città e provincia, un’evoluzione dell’iniziativa trentacinqueuro.it, nata con successo di pubblico nel 2014: si chiama RistorantiBergamo e ha l’obiettivo di creare iniziative culturali, sempre nuove proposte che con la cucina, il sapere gastronomico e la ricchezza dei sapori del territorio offriranno, mese dopo mese, esperienze di gusto per i bergamaschi e per chi vorrà scoprire le ricchezze del territorio. «Siamo ristoratori, radicati sul territorio con passione e conoscenza, e divulghiamo cultura a partire dalla nostra tavola – spiega Beppe Acquaroli, portavoce del gruppo RistorantiBergamo oltre che titolare del Baretto di San Vigilio -. Il progetto nasce dall’esigenza di convogliare la cultura del territorio attraverso quello che sappiamo fare meglio: raccontare la bellezza della Bergamasca con cibi e sapori, rendere ancora più accessibili progetti che, stagione dopo stagione, saranno al centro della vita della nostra provincia».

4 foto Sfoglia la gallery

RistorantiBergamo è un gruppo eterogeneo composto da oltre 30 ristoranti di tutto il territorio orobico, che valorizza da sempre il cibo e la cultura locale e che da oggi dà il via a questa nuova avventura: «Siamo partiti cinque anni fa con trentacinqueuro.it: la proposta era prettamente gastronomica e commerciale. Ora avrà uno sviluppo più esteso, con progetti che nascono sul territorio, legati alla cultura, e che valorizzeremo proprio passando attraverso il cibo», continua Acquaroli. Cibo da conoscere, valorizzare, scoprire nelle sue peculiarità e attraverso ricette sempre diverse, raffinate, genuine, «studiate per chi a tavola vorrà vivere un’esperienza a 360 gradi», spiega Acquaroli.

Iniziativa culturali. «RistorantiBergamo sarà il canale attraverso il quale scoprire il mondo e le esperienze che abbiamo vissuto, che ora metteremo a disposizione dei nostri ospiti – continua il gruppo di ristoratori -. Vogliamo proporre un progetto di ricchezza trasversale, multidisciplinare, multiculturale e soprattutto coinvolgente. Puntiamo a raccontare ai nostri viaggiatori del gusto la cultura della nostra bella terra, la diversità come ricchezza e la ristorazione come nutrimento dell’anima». L’idea consiste nel proporre iniziative culturali che siano divulgate attraverso l’estro e l’interpretazione di RistorantiBergamo. «Ognuno di noi promuoverà una sua visione dell’elemento culturale attraverso menù, percorsi o altri suggerimenti che di volta in volta ideerà come base di cultura», commenta ancora Acquaroli.

Si parte con i formaggi. Ogni iniziativa a cui RistorantiBergamo si collegherà, permetterà ai bergamaschi e ai fruitori del territorio di vivere un’esperienza culinaria unica e indimenticabile. Si parte quindi con “Progetto Forme – Bergamo capitale europea dei formaggi”, manifestazione che quest’anno dal 17 al 20 ottobre porta in città il World Cheese Award, concorso di rilevanza internazionale che premia i formaggi più buoni del mondo. Dal 17 al 31 ottobre i locali aderenti a RistorantiBergamo offriranno menù speciali, a 35 euro, che parleranno in questo caso di formaggio, tradizione casearia, valorizzazione del prodotto, da pensare con sempre nuove ricette, esaltandone il gusto e l’alta qualità. Ogni ristorante presenterà la sua offerta enogastronomica al prezzo concorrenziale di soli 35 euro a persona: tutti i dettagli dei menù e del progetto sono online all’indirizzo www.ristorantibergamo.com, nuovo dominio e nuovo sito web in fase di sviluppo per avviare in maniera globale l’offerta dei locali. «La manifestazione Forme è la prima iniziativa alla quale si ispira il nuovo gruppo RistorantiBergamo che, per l’occasione, presenta menù tematici e a un prezzo concorrenziale. Si continuerà poi a offrire cultura attraverso il cibo, con nuove iniziative che saranno man mano presentate attraverso il nuovo sito web e le pagine Instagram e Fb di RistorantiBergamo», conclude Acquaroli, che rilancia: «Il gruppo è aperto a nuovi iscritti, che possono contattarci attraverso il nostro sito web, per estendere il progetto soprattutto alle nuove leve, a chi desidera valorizzare il cibo e il territorio».

I ristoranti aderenti. Al Carroponte (Bergamo); Al Portichetto (Gandino); Baretto di San Vigilio (Bergamo Alta); Caffè del Tasso (Bergamo Alta); Cantina Lemine (Almenno S. Salvatore); Cece e Simo Ristorante (Bergamo); Da Mimmo (Bergamo Alta); Don Luis (Torre Boldone); Enoteca Zanini (Bergamo); Fatur (Cisano B.); I Sapori di Terra e Mare (Bergamo); Il Ducale (Bergamo Alta); La Corte Del Noce (Villa D’adda); La Fricca – il Ristorante (Bergamo); La Marianna (Bergamo Alta); La Tana (Bergamo Alta); Lalimentari (Bergamo Alta); M1lle (Bergamo); Mariet Ristorante (Romano Lombardia); Negrone Ristorante (Scanzorosciate); Pampero Ristorante (Ranzanico); Panoramico (Fonteno); Polisena Agriturismo (Pontida); Ponte di Briolo (Valbrembo); Posta al Castello (Gromo); Ristorante della Torre (Trescore); Ristorante Parco dei colli (Ponteranica); Trattoria del Tone (Curno); Trattoria Falconi (Ponteranica); Trattoria Sant’Ambroeus (Bergamo Alta); Trattoria Visconti (Ambivere); Zu Ristorante (Riva di Solto).

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Video più visti
Foto più viste
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia