Una passione sempre nuova

La restauratrice in Borgo Palazzo dove rinascono grandi opere

La restauratrice in Borgo Palazzo dove rinascono grandi opere
05 Marzo 2015 ore 13:10

Restauratrice-Devi-Rotasperti-Photographer (14)

 

Una passione cresciuta nel tempo. Silvia Baldis è restauratrice da trent’anni. Fra le sue mani passano opere di grande valore, che il tempo ha velato di patine scure. Cornici ricoperte di foglia d’oro, dipinti con santi e profeti, statue di Madonne e pale d’altare si risvegliano, nel laboratorio di via Borgo Palazzo 31, con le loro tinte originali, ritrovando l’intatta bellezza di una volta. Gli interventi di conservazione e recupero avvengono anche con la supervisione delle Sovraintendenze ai Beni Storici e Culturali, dato che la maggior parte delle opere proviene da Musei e dalla Curia di Bergamo. Per quest’ultima, Silvia ha da poco terminato il restauro dell’ancona dell’Immacolata in Sant’Agata del Carmine, definita dalle cronache del tempo «la più bella e più magnifica, che si ritrovi nella Città di Bergamo», proveniente dalla cappella dell’Immacolata Concezione, in San Francesco a Bergamo, e  vero capolavoro artistico. Molti altri sono i soggetti sacri che qui alloggiano, in attesa di essere restituiti alla bellezza originale: due tele per un monastero, una grande opera per una parrocchia di Città Alta, un dipinto ad olio che raffigura un cardinale, alcune colonne tortili di inizio Novecento, e anche un imponente fonte battesimale in legno, rivestito all’interno di stoffa.

«Il percorso di restauratrice è iniziato quasi per caso – racconta Silvia, una cinquantenne dagli occhi chiari e la voce gentile -, senza nessun particolare motivo. Con l’avanzare degli studi però, ho scoperto in me una passione sincera per questo campo, fatto di tanta pazienza e competenze sia chimiche che biologiche, oltre naturalmente a nozioni di Storia dell’Arte». Nel suo laboratorio c’è tutto ciò che può far pensare ad un luogo dinamico, poiché tutto o quasi può essere spostato agevolmente: ci sono tavole riscaldanti che permettono di eseguire dei lavori dei dipinti su tela, pennelli, poggiamano per ritoccare le opere con la mano ferma, e una quantità di emulsioni di ultima generazione.

«L’ambito della pulitura è molto complesso – continua la restauratrice d’arte -, anche se oggi abbiamo degli strumenti di lavoro che si sono perfezionati con l’andare del tempo. Così è per le emulsioni acquose che permettono di lavorare nel rispetto dell’opera e anche dell’operatore, non contenendo più elementi cancerogeni. Queste emulsioni hanno anche il grande pregio di permettere al restauratore una pulizia selettiva dell’opera d’arte». Cambiano gli strumenti, cambiano le tecniche e muta anche il punto di vista con cui un’opera oggi viene restaurata: l’approccio odierno, infatti, è quello del minimo intervento, così che l’opera venga toccata solo dove è strettamente necessario.

Lo studio Silvia Baldis Restauratore d’Arte si avvale della manodopera di ben sei persone, tutte con una scuola di restauro alle spalle e una grande passione nel campo. Proprio al laboratorio di Silvia furono affidati i delicati restauri degli affreschi ritrovati nel 2004 sotto il pavimento del Duomo di Bergamo, una scoperta eccezionale, che ebbe anche grande risonanza sulla stampa locale.

20 foto Sfoglia la gallery
Turismo 2020
Top news
Glocal News
Video più visti
Foto più viste
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia