Viva Bèrghem
È partito il mini-ritiro

I sei nomi su cui punta la Foppa che è tornata oggi al PalaNorda

I sei nomi su cui punta la Foppa che è tornata oggi al PalaNorda
Viva Bèrghem 26 Agosto 2015 ore 12:00

Pronti, partenza, via. Dopo i mesi estivi trascorsi fra rumors e indiscrezioni, lunedì 24 agosto è ufficialmente iniziata la nuova stagione della Foppapedretti Bergamo che sarà guidata per il quarto anno consecutivo da Stefano Lavarini. Per ora, però, si tratta di un raduno in versione mini, in quanto sono solo cinque le giocatrici arrivate a Bergamo: Paola Paggi, Paola Cardullo, Laura Frigo, Benedetta Mambelli e Miriam Sylla, costretta a interrompere anticipatamente la propria avventura con la nazionale per un problema a un piede. Eva Mori si aggregherà al gruppo la prossima settimana, mentre le restanti atlete faranno rientro a Bergamo una volta conclusi gli impegni con le rispettive nazionali. Dopo le consuete visite mediche di inizio stagione e i test fisici, le ragazze scenderanno in campo nel pomeriggio del 25 agosto per il primo allenamento della stagione al PalaNorda, come sempre aperto al pubblico.

 

Eccoci, ripartiamo! Si torna in palestra, si torna a respirare aria di volley. Si torna al lavoro per preparare una...

Posted by Foppapedretti Bergamo on Lunedì 24 agosto 2015

 

Ad oggi Stefano Lavarini e il suo staff, composto dal vice Simone Angelini e dal videoman Daniele Turino, possono contare su undici atlete e, a meno di due mesi dall'inizio del campionato, proviamo ad ipotizzare il possibile starting six, cioè il sestetto di partenza.

 

Palleggiatrice: Eleonora Lo Bianco

eleonora lo bianco 4

Quando in organico si ha una delle migliori interpreti del ruolo (forse ancora la migliore) a livello mondiale, non puoi fare altro che schierarla. Tecnica, abilità, eccellente lettura di gioco ed esperienza concentrate in un'unica persona. Sarà sicuramente Leo, che tornerà a vestire la maglia numero 14, a dirigere l'orchestra rossoblù e a chiamare in causa opposto, centrali e schiacciatrici.

 

Opposto: Katarina Barun-Susnjar

IGOR GORGONZOLA NOVARA - POMI CASALMAGGIORE

Nonostante la buona stagione disputata da Celeste Plak, è praticamente certo che sarà la Barun a completare la diagonale con Lo Bianco. L'opposta croata, classe 1983 e ancora nel giro nella nazionale, è reduce da un'ottima stagione con la maglia dell'Igor Gorgonzola Novara e Bergamo ha scelto lei, e soprattutto il suo mancino, per far male alle avversarie.

 

Schiacciatrici: Celeste Plak e Alessia Gennari

Con ogni probabilità saranno il giovane gioiellino olandese classe 1995 e la banda emiliana a prendersi i posti titolari. Il tulipano si è fatto apprezzare molto in fase d'attacco, mentre resta tutta da scoprire quella di ricezione (lo scorso campionato è sempre scesa in campo da opposta), fondamentale su cui sta lavorando parecchio anche in nazionale. Dopo l'ultima stagione disputata con la maglia di Casalmaggiore e chiusa con la vittoria dello scudetto, Alessia Gennari non ha bisogno di presentazioni. Atleta completa, gode di una buona ricezione e sa farsi rispettare in attacco. Dotata di grande carisma sarà chiamata a raccogliere la pesante eredità lasciata da Jelena Blagojevic.

 

Centrali: Freya Aelbrecht e Paola Paggi

Freya Aelbrechtpaola paggi ok

La coppia che dovrà concretizzare fast e primi tempi sarà formata dalla Aelbrecht, ultima stagione a Busto, e dalla confermatissima Paola Paggi. L'atleta belga, attualmente impegnata con la propria nazionale, sembra aver completamente smaltito l'infortunio che l'ha costretta a saltare gran parte dello scorsa stagione e sembra pronta a tornare la campionessa apprezzata fino a un paio di stagioni fa. Al suo fianco ci sarà Paola Paggi, donna di classe sia in campo che fuori, la quale prolunga così la propria seconda avventura in rossoblù: «Il giorno in cui abbiamo trovato l'accordo per il rinnovo è stato il più bello dell'estate - spiega l'esperta centrale -. Negli ultimi anni sono sempre stata alla ricerca della squadra, invece la Foppa mi ha dato ancora un'altra grande opportunità».

 

Libero: Paola Cardullo

Paola Cardullo

Con Enrica Merlo trasferitasi a Scandicci, il sodalizio presieduto da Bonetti si è assicurato ancora una volta il meglio, ovvero Paola Cardullo. Dopo aver militato in altri prestigiosi club italiani ed esteri, "Pally" sbarca a Bergamo: «Arrivo nel club più nobile d'Italia - dice Paola, l'ultima stagione divisa fra Forlì e Piacenza - e ricordo ancora quando da bambina venivo a vedere le partite della Foppa. Enrica (Merlo, ndr) è fra le più forti in questo ruolo e raccogliere la sua eredità per me è una sfida stimolante. Spero di poter essere all'altezza». A Bergamo ritrova l'amica Lo Bianco e Lavarini, anche loro di Omegna: «Sembra il lieto fine di una fiaba. Tre persone di una piccola città come Omegna che si ritrovano dopo tanti anni, con ruoli diversi, a lavorare per una grande società. Se me l'avessero detto tanti anni fa, non c'avrei mai creduto».

 

Le alternative: Eva Mori, Miriam Sylla, Benedetta Mambelli, Laura Frigo e miss X

4 foto Sfoglia la gallery

Annunciato quello che dovrebbe essere lo starting six della Foppapedretti Bergamo 2015/2016, Lavarini potrà contare, qualora ne avesse bisogno, anche su dei validi rimpiazzi. Come vice-Lo Bianco ci sarà Eva Mori, alla sua seconda stagione nella città delle Mura. Il giovane talento 1996, potrà maturare ulteriormente sotto l'ala di Leo. Ai lati ci saranno Miriam Sylla, impiegabile anche come opposta, e Benedetta Mambelli, entrambe classe 1995 e già convocate in nazionale da Marco Bonitta. Sylla, al terzo anno in A1, si è già fatta conoscere al grande pubblico per la propria esuberanza, ma anche e soprattutto per le buone prestazioni offerte in campo; Bendetta, che sta per iniziare il secondo anno, è invece chiamata a confermarsi sul palcoscenico più importante. Da Soverato è arrivata Laura Frigo, classe 1990, che qualche anno fa veniva considerata un talento, rimasto però, fino ad oggi, inespresso. Con la regia di Lo Bianco, che in passato ha valorizzato moltissime centrali, questo potrebbe essere l'anno del rilancio personale, oltre che della Foppapedretti. All'appello manca però ancora un nome, probabilmente un altro posto quattro, su cui Panzetti sta lavorando con estrema oculatezza. Ma non è da escludere nemmeno l'ipotesi che la dirigenza bergamasca decida di iniziare con undici atlete, tamponando con giocatrici della seconda squadra le eventuali lacune, per poi, eventualmente, intervenire a gennaio con un innesto mirato, come fece un paio di stagioni fa quando venne ingaggiata Sara Loda.

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter