Progetto "smart covid-19"

Il doppio della pattuglie per controllare la Val Seriana. E una “task force” per le seconde case

Il comandante Marco Pera annuncia che la Polizia Locale Unione Insieme sul Serio è stata scelta come ente capofila dell'iniziativa finanziata da Regione. Ecco le misure prese

Il doppio della pattuglie per controllare la Val Seriana. E una “task force” per le seconde case
Val Seriana, 12 Aprile 2020 ore 11:39

di Elena Conti

Parte il progetto “Smart Covid-19”, grazie al quale aumenteranno i controlli delle forze dell’ordine sul territorio bergamasco. Il progetto prenderà avvio grazie a un finanziamento da parte di Regione Lombardia, che consentirà un maggiore dispiegamento di uomini e pattuglie. In questo modo, aumenteranno i controlli in diversi orari della giornata. Come ente capofila del progetto è stato scelto il Corpo di Polizia Locale Unione Insieme sul Serio. La decisione è stata presa al termine di un confronto con la Regione sull’emergenza Covid, avviato già nel mese di marzo. Il comando lavorerà a partire da questi giorni in sinergia con gli agenti dell’Unione dei Colli, coordinati dal comandante Fabio Masserini.

«Il costante lavoro e impegno – spiega il comandante dell’Unione Insieme sul Serio, Marco Pera – ha premiato l’Unione, la quale ha garantito una serie di requisiti ed efficienza per i quali è stata designata al comando di questo progetto. Ringraziamo l’Unione dei Colli per essere coprotagonista di questo progetto, che avrà piena operatività fino alla fine di maggio. Grazie a questo progetto potremmo di fatto raddoppiare le nostre pattuglie sul territorio garantendo così maggiore presenza e controllo. Ci dispiace invece che Comuni confinanti, pur gravemente colpiti dall’emergenza Covid, abbiano declinato l’invito alla partecipazione al progetto e all’incremento dei controlli».

Intanto l’11 aprile sono stato effettuati 130 controlli da parte dell’Unione, con dodici sanzioni legati all’emergenza Covid. «Non abbiamo riscontrato i cosiddetti “furbetti della seconda casa”. Al riguardo abbiamo deciso che, oltre ai controlli su strada, andremo a verificare se le seconde case di vacanza risultino effettivamente vuote. Incroceremo le presenze nelle abitazioni con i dati del sistema di videosorveglianza presente nell’Unione; chi verrà trovato nelle seconde case e dal controllo incrociato risulterà essere arrivato in valle dopo il divieto imposto dal decreto Covid verrà sanzionato. Purtroppo l’emergenza non è finita, bisogna capire che le regole vanno rispettate per il bene di tutti».

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Video più visti
Foto più viste
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia