Sulla bocca di tutti

Delle gesta nerazzurre agli Europei ne parla anche l'importante rivista economica Forbes

La bella storia della Dea di questi ultimi anni è finita anche sul noto magazine statunitense, che esalta il modello e parla di scudetto

Delle gesta nerazzurre agli Europei ne parla anche l'importante rivista economica Forbes
Atalanta 29 Giugno 2021 ore 10:00

di Fabio Gennari

Forbes, rivista economica americana tra le più conosciute, ha dedicato un bellissimo articolo all'Atalanta dei Percassi e di Gian Piero Gasperini. Potete leggerl0 a questo link, il taglio è prettamente economico e quindi non troverete approfondimenti tattici o notizie di mercato, si parla di bilanci e del progetto nerazzurro, si spazia dal campo allo stadio, passando per i bilanci e la sostenibilità di una gestione che l'autore Giacomo Galardini esalta in tutte le sue sfaccettature.

Leggere di Atalanta sui quotidiani sportivi, italiani e non solo, è abbastanza normale. Quando l'attenzione di un "big" della comunicazione economica si sposta però sul mondo nerazzurro è chiaro come la voglia di informare, spiegare, approfondire e sottolineare i meriti dei nerazzurri sia forte. Nell'articolo di Forbes si parla di come la società abbia i bilanci in ordine e porti avanti la politica dei conti a posto cedendo a peso d'oro e investendo su giocatori di livello che grazie a Gasperini poi esplodono.

Il confronto con Inter e Juventus che viene proposto è impietoso, sebbene dei conti nerazzurri abbiamo già parlato diverse volte e non ci sono elementi particolarmente nuovi. Vedere un +80 per cento nell'area commerciale e marketing in tempi di pandemia fa rumore e quando poche righe prima si sottolinea il record dei cinque marcatori diversi a Euro 2020 il bilanciamento tra gestione economica e risultati tecnici (che non significa per forza mettere in bacheca trofei) rappresenta ancora una volta un plus di grande rilievo per il mondo nerazzurro.

Nel finale del pezzo di Forbes, tuttavia, c'è una domanda che fuori da Bergamo si fanno un po' tutti: «La Dea - si chiede il giornalista - manterrà il suo redditizio modello di business vendendo la sua migliore risorsa al miglior offerente o Percassi deciderà di mantenere i gioielli della corona per vincere la Serie A e fare il passo finale verso l'olimpo del calcio?». Il fatto è che a Zingonia nessuno mai parlerà apertamente di vittoria del titolo, è una questione di mentalità: gli obiettivi si inseguono sul campo, non nelle dichiarazioni di inizio anno.