Record

Con Pasalic sono 5 i marcatori nerazzurri a Euro 2020: Dea miglior italiana di sempre!

Non si ferma la marcia dei calciatori atalantini all'Europeo: la nostra è la quarta squadra nella storia della manifestazione a portare tanti elementi della rosa in rete

Con Pasalic sono 5 i marcatori nerazzurri a Euro 2020: Dea miglior italiana di sempre!
Atalanta 29 Giugno 2021 ore 09:30

di Fabio Gennari

Miranchuk (Russia), Pessina (Italia), Maehle (Danimarca), Gosens (Germania) e Pasalic (Croazia): sono cinque i calciatori diversi che hanno timbrato il cartellino almeno una volta in questo Euro 2020. A Zingonia la soddisfazione è enorme per quanto stanno facendo i giocatori atalantini, ma c'è un dato che rende tutto ancora più speciale: nella storia degli Europei di calcio, solo altre tre squadre erano finora riuscite ad avere numeri uguali, ovvero il Real Madrid (2012), il Barcellona (2000) e l'Anderlecht (1984).

Avete letto bene: l'Atalanta è la quarta squadra nella storia degli Europei a mandare in rete cinque giocatori della propria rosa nella competizione continentale per Nazionali e il fatto ancora più incredibile è che già oggi i bergamaschi sono la miglior squadra italiana di sempre. Di più: se Malinovskyi (Ucraina) o Freuler (Svizzera, già ai quarti dopo la vittoria ai rigori contro la Francia) dovessero trovare a loro volta la via del gol, con 6 (o 7) giocatori in gol i bergamaschi diventerebbero i primatisti di sempre, e per di più alla prima partecipazione di giocatori tesserati per gli orobici.

L'ultima perla è stata quella di Pasalic contro la Spagna. Il gol del 3-3 a opera del croato è arrivato proprio sul filo di lana con un classico inserimento in stile "Atalanta". La rete è stata importante per andare ai supplementari ma non ha evitato l'eliminazione dei croati. Peccato per il 5-3 finale a favore della Spagna, ma resta la grande soddisfazione per il numero 15, che ha giocato in tutto l'Europeo poco più di un tempo (48' minuti) e ha comunque timbrato il cartellino nella sfida forse più importante.

Che i giocatori della Dea abbiano ormai nel loro dna la capacità di attaccare la porta e cercar la via del gol è risaputo, vederlo però fare in contesti che non sono quello orobico dimostra come la crescita dei giocatori (e quindi il miglioramento della rosa) sia costante. Gasperini, per "colpa" dell'Europeo e della Coppa America, avrà i suoi giocatori con almeno una settimana di ritardo rispetto al ritiro del 12 luglio, ma questo è un dettaglio: di certo queste sono esperienze che permettono a tutti di crescere tanto.