L'analisi tattica

Difesa a quattro, Gasp non la usa mai dall’inizio ma a volte potrebbe essere decisiva

In alcune occasioni, la chiave del match potrebbe essere un approccio diverso nella retroguardia. Per Gasperini sarebbe un'interessante evoluzione

Difesa a quattro, Gasp non la usa mai dall’inizio ma a volte potrebbe essere decisiva
18 Ottobre 2020 ore 14:36

di Fabio Gennari

Premessa: dal punto di vista tattico, l’Atalanta ha certezze granitiche e non sarà certo una sconfitta col Napoli (che può sempre starci) a stravolgere i piani dei nerazzurri. Detto questo, il mister dei nerazzurri ormai ha fatto della difesa a tre un marchio di fabbrica del suo calcio, ma gli allenatori avversari ormai lo sanno e cercano le dovute contromosse: a Napoli, vista la forza di Osimhen in profondità, Gattuso ha giocato spesso sui lanci lunghi e i risultati (complici gli errori della squadra nerazzurra) sono stati pesantissimi.

Nella ripresa, l’Atalanta si è messa con due linee da quattro a protezione di Sportiello, la gara è stata molto più equilibrata (anche se i padroni di casa hanno palesemente gestito) e un interrogativo sorge spontaneo: ogni tanto, soprattutto se gli avversari giocano con tre o addirittura quattro punte, non si potrebbe proporre anche dall’inizio uno schieramento più abbottonato dietro? Alla lunga i risultati danno assolutamente ragione al tecnico della Dea, ma siccome per vincere qualche titolo è necessario migliorare sui dettagli, chissà che questo non possa essere un aspetto da valutare a fondo.

Food delivery
Top news
Glocal News
Video più visti
Foto più viste
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia