Menu
Cerca
Le condizioni fisiche

Esami per Gosens: è una contrattura, l’esterno in dubbio per Verona. Chi al suo posto?

Dopo l'uscita dal campo di martedì sera, il numero 8 di Gasperini è stato sottoposto ad accertamenti che hanno evidenziato un problema non grave, ma comunque preoccupante

Esami per Gosens: è una contrattura, l’esterno in dubbio per Verona. Chi al suo posto?
Atalanta 19 Marzo 2021 ore 10:25

di Fabio Gennari

Il responso più importante, quello atteso in merito alle condizioni di Robin Gosens, è arrivato ieri sera (18 marzo) intorno alle 20.45. Il laterale tedesco è stato sottoposto a una risonanza magnetica che ha evidenziato una forte contrattura all’adduttore della gamba sinistra, confermato dunque quell’indurimento che lo stesso giocatore ha cercato subito di sciogliere in campo a Madrid e per cui ora si procederà, giorno per giorno, a sintomatologia. Tradotto in soldoni: in vista di Verona-Atalanta di domenica 21 il giocatore è in forte dubbio, ma la partita non è ancora chiusa.

Il momento della stagione è delicato, siamo alla vigilia dell’ultima sosta per le nazionali e quindi tutti i giocatori ragionano anche in vista degli Europei. Nessuno vuole prendersi dei rischi, dopo la sosta ci saranno altre dieci partite di campionato più la finale di Coppa Italia, che rappresenta un grande appuntamento visto che c’è un ballo un trofeo.

Se Gosens dovesse recuperare, il suo impiego a Verona è quasi scontato; se invece, come è possibile, dovesse aver bisogno di un turno di riposo, si apre la questione relativa al suo sostituto. Stante l’assenza di Hateboer e la continua indisponibilità di Sutalo, a mister Gasperini resterebbero sostanzialmente tre soluzioni: Toloi, Palomino e Ruggeri. Nel primo caso si tratterebbe di alzare il numero 2 brasiliano con Djimsti, Romero e Palomino in difesa, se invece toccasse al tucumano alzarsi sulla corsia esterna, allora la difesa sarebbe la stessa di Madrid.

L’ultima opzione possibile è l’utilizzo del giovane Ruggeri sulla fascia mancina. La certezza, in ogni caso, è Maehle che può muoversi senza grandi problemi sia a destra che a sinistra. Si tratta dunque di gestire gli ultimi novanta minuti prima di una sosta che sarà benedetta per la squadra di Gasperini. Contro Lazovic e Faraoni bisognerà stare super attenti, ma l’Atalanta ha comunque tante risorse e i giocatori del Gasp sono pronti a ogni evenienza.

Condividi
Top news
Glocal news
Video più visti
Foto più viste
Idee & Consigli